Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il presidente dell’Argentina assume la presidenza rafforzata della CELAC (+ video)

Buenos Aires-. Oggi il Presidente argentino Alberto Fernandez ha preso le redini del Gruppo degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC), con l’obiettivo di raggiungere una maggiore integrazione all’interno di un meccanismo sempre più dinamico.

Il presidente ha ringraziato l’Argentina per aver onorato all’unanimità la leadership argentina della CELAC nel 2022 e ha osservato che considera questa fiducia un riconoscimento della capacità del suo paese di forgiare dialoghi e consenso.

Significa anche che raccoglie questa sfida “con la convinzione di chi crede che siamo tutti parte di una grande nazione, anche se molti farebbero l’impossibile per dividerci e soggiogarci così facilmente”.

Nel suo discorso al 22° Incontro dei Ministri degli Esteri della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, presso il Palazzo San Martin nella capitale, Fernandez ha sottolineato che quando è iniziato il COVID-19, l’America Latina e i Caraibi erano il continente più ineguale del mondo.

Con così tanta disuguaglianza, la democrazia sembra priva di contenuto ed è goduta più da coloro che hanno accesso alla centralizzazione sociale, che da coloro che vivono ai margini di quelle stesse società, come ha notato durante la sua presentazione in cui ha sostenuto che la regione non mera espressione geografica Una, anche politica, economica, culturale e sociale.

Approfondindo il caso Selak, Fernández ha sottolineato che questo grande meccanismo regionale non è stato creato per opporsi a qualcuno o per confrontarsi con nessuna delle istituzioni esistenti, o per interferire nella vita politica ed economica di nessun paese.

Il presidente, che ha anche ringraziato il Messico per il lavoro svolto nel 2021 alla guida di Celac, si è detto in condizioni molto difficili a causa dell’epidemia e della crisi di Covid-19.

READ  Più di 1.290 morti e 5.700 feriti hanno lasciato il terremoto che ha scosso Haiti

Dopo aver notato che la società composta da 33 Paesi, oggi è più viva e forte che mai, il Capo dello Stato ha aggiunto che il suo Paese continuerà questa missione comune, e per questo propone 15 obiettivi, con obiettivi diversi come salute, recupero, rischi di catastrofi e sicurezza alimentare.

D’altra parte, Fernandez Celak ha ringraziato per il supporto nei negoziati sul debito del suo paese con il Fondo monetario internazionale, ha espresso preoccupazione sulla questione del cambiamento climatico e ha ringraziato il sostegno di questo forum permanente nel rivendicare la sovranità delle Isole Falkland.

Verso la fine del suo intervento, ha sottolineato che l’inclusione sarà reale solo quando il dolore di alcuni di noi, ha detto, sarà il dolore di tutti e quando il proprio successo sarà condiviso insieme. Ha detto che non ci sono limiti all’integrazione, la ricerca del consenso sarà il nostro compito primario e il rispetto sarà la nostra guida.