Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il prezzo del petrolio del Texas è sceso del 2,46% alla chiusura a $ 106,02

Foto: Archivio / EE

Giovedì il prezzo del petrolio Texas Intermediate (WTI) ha chiuso in ribasso del 2,46% e si è attestato a 106,02 dollari al barile nonostante l’enorme rialzo aperto oggi, in netto contrasto a causa della volatilità che ha dominato i mercati dall’invasione dell’Ucraina da parte di forze russe.

Secondo i dati di fine operazioni del New York Mercantile Exchange (Nymex), i future sul greggio West Texas Intermediate con consegna ad aprile sono in calo di $ 2,68 rispetto alla chiusura precedente.

Il prezzo del barile di riferimento statunitense prosegue quindi con una settimana di forti oscillazioni, passando dal massimo di 130 dollari registrato domenica, il livello più alto che non si vedeva dall’estate 2008, a 103,6 dollari, al minimo registrato ieri.

Dopo il calo più grande degli ultimi due anni registrato mercoledì, giovedì gli investitori hanno cercato di giungere a una conclusione sui possibili cambiamenti nelle forniture di greggio, segnati da un veto sulle importazioni di greggio russo annunciato dagli Stati Uniti.

Il mercato sta cercando di capire come compensare questo gap, che può essere parzialmente neutralizzato dall’aumento della produzione annunciato dagli Emirati Arabi Uniti, anche se gli analisti fanno notare che i Paesi dell’Opec e i suoi partner dovrebbero fare altrettanto.

“Un aumento unilaterale negli Emirati Arabi Uniti senza la partecipazione saudita non sarà assolutamente sufficiente a coprire le carenze, reali o percepite, del mercato”, ha affermato in una nota l’esperta Louise Dixon di Rystad Energy.

D’altra parte, il presidente della Russia, Vladimir Putin, ha annunciato in una riunione del suo governo che il suo Paese continuerà ad adempiere agli obblighi contrattuali relativi alla fornitura di materie prime energetiche ad altri Paesi, cosa che ha in parte calmato il mercato.

Da quando la Russia ha iniziato la sua invasione dell’Ucraina quasi due settimane fa, e dopo le dure sanzioni imposte dai paesi occidentali alla sua economia e al suo sistema finanziario, i prezzi del carburante sono saliti alle stelle a causa dei timori di una carenza di approvvigionamento globale.

Nel frattempo, i contratti di gas naturale per la consegna di aprile hanno aggiunto più di 10 centesimi a $ 4,63 per mille piedi cubi e i contratti di benzina in scadenza nello stesso mese sono diminuiti di 14 centesimi a $ 3,15 per mille piedi cubi per gallone.

READ  'Bitcoin non ha valore' Cina contro criptovaluta, Cuba lo adotta