Novembre 26, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il prezzo di un barile di petrolio Brent e Texas oggi, 15 ottobre: ​​quanto costa e quanto costa?

Dopo la chiusura del mercato, i prezzi del petrolio hanno registrato un calo di oltre il 3%. Le perdite sono state sostenute dai timori di una recessione globale e dalla debole domanda di petrolio. Entrambi i fattori prevalgono sull’impatto della decisione dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC+) e dei suoi alleati (OPEC+) di tagliare le forniture di carburante.

lo scorso giovedì, L’Agenzia internazionale per l’energia ha abbassato le sue previsioni sulla domanda di petrolio per quest’anno e il prossimoavviso di una possibile recessione globale.

I timori di una possibile recessione sono aumentati dopo il rilascio del riepilogo dell’IPC statunitense di settembre. Secondo il rapporto, Il tasso di inflazione annuale è stato dell’8,2% il mese scorso.

Poiché l’inflazione sta ancora registrando i livelli più alti degli ultimi quarant’anni, La Fed dovrebbe continuare la politica monetaria restrittiva con ulteriori rialzi Prezzo di riferimento. Il prossimo incontro della Federal Reserve è previsto per l’1-2 novembre.

Potrebbe interessarti: Prezzo del dollaro oggi, 15 ottobre: ​​il cambio di Honduras, Messico, Guatemala, Nicaragua…

Il prezzo di un barile di petrolio Brent e Texas oggi, 15 ottobre: ​​quanto costa e quanto costa?

Dopo la chiusura del mercato, Il prezzo di un barile di West Texas Intermediate (WTI) è diminuito di $ 3,50, o 3,93%, per essere scambiato a $ 85,61. Intanto, Il greggio Brent è sceso del 3,11%, o $ 2,94, e veniva scambiato a $ 91,63secondo Energia di Bloomberg.

secondo ReutersBrent e WTI hanno oscillato tra territorio positivo e negativo per la maggior parte di venerdì. però, Ha registrato un calo settimanale rispettivamente del 6,4% e del 7,6%.

Entrambi i benchmark sono scesi per la prima volta dopo aver registrato guadagni settimanali consecutivi e hanno registrato i prezzi più alti da agosto, oltre ai maggiori guadagni percentuali settimanali da marzo.

READ  Argentina, Ucraina e Russia, le più aggressive nei loro rapporti di politica monetaria