Aprile 25, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il primo host generato dall'intelligenza artificiale: sessismo non filtrato

Il primo host generato dall'intelligenza artificiale: sessismo non filtrato

Il conduttore del reality show generato dall’intelligenza artificiale risponde a tutti gli stereotipi di genere dominanti

Giovane, bianca, snella, con i capelli lisci, lineamenti classici, vestita in modo formale, con una croce al collo, gentile e riservata. L’esistenza di un conduttore televisivo generato dall’intelligenza artificiale non è una sorpresa. Essere così dominante e conformarsi a tutti gli standard di bellezza e agli stereotipi di genere potrebbe non essere il caso. Ma l'assenza di sorprese fa parte della scatola delle sorprese dell'intelligenza artificiale: riproduce vecchi stereotipi e apre nuovi pericoli. Qual è il progresso se il nuovo ritardo?

L'immagine del leader dominante rivela che l'artificialità rafforza i canoni artificiali creati dalle donne dalla cultura (non è artificiale?) e che la mascolinità è riprodotta secondo modelli addestrati in modo che le donne (abbiano meno lavoro) e rimangano lontane dallo schermo. . La mascolinità è artificiale anche se non è intelligente, ma rivendica l'intelligenza da sempre. Ma l’ultima ondata tecnologica non è stata comunque addestrata al femminismo della quarta ondata Riproduce il modello originale di duemila anni fa Con una tecnologia che dovrebbe essere l'ultimo sviluppo delle comunicazioni future.

Si suppone che il nome dell'emittente fittizia si chiami un influencer Alba Renai. L'esperimento è stato creato per eseguire una dimostrazione realistica (Sopravvissuti) è un'incarnazione estrema tra l'uomo e il Photoshop della creazione ovvero la dittatura dei filtri con la pelle senza macchie né rughe, i vestiti senza pieghe, i corpi senza residui (né carne) e la pulizia estrema che non può che produrre frustrazione e si cerca di confrontare una televisione meno realistica e diversificata (che non è questo il caso), nemmeno con modelli femminili lontani dalla realtà, ma piuttosto con l'irrealtà dell'intelligenza artificiale.

L'esperienza creata per ospitare un reality show (Survivors) è un ospite che rafforza stereotipi di genere obsoleti

Giornalista Anna Rekinacaporedattore di Gender ElDiario.Es L'autore del libro “Intensas” avverte che il conduttore ripete schemi di bellezza al tavolo di “Verso l'uguaglianza delle redazioni: prospettiva di genere, risorse e linguaggio inclusivo”, presentato alla 25a edizione Conferenza stampa di Huescail 14 marzo, moderato da un regista generaleVirginia Pérez Alonso e condiviso con Isabel Valdés, corrispondente di genere presso PaeseIn cui è stata evidenziata l'importanza di difendere la libertà di espressione e gli standard giornalistici contro la mascolinità e – anche – la possibilità di dibattito e dubbio.

“Ci sono già aziende che stanno creando le loro prime giornaliste (donne) utilizzando l’intelligenza artificiale e, ovviamente, soddisfano i canoni estetici più tipici: donne giovani, magre, belle, carine e con i capelli lunghi. Se non correggiamo i pregiudizi, l’uso dell’intelligenza artificiale riprodurrà gli stereotipi e continuerà a creare uno standard per ciò che è desiderabile vedere.“, Requena avverte che il sessismo si moltiplica grazie alle tecnologie di nuova generazione che ripetono le stesse cose tramandate di generazione in generazione attraverso la televisione, le riviste o i manuali doganali.

READ  Tutto quello che devi sapere sul debutto come attore di C. Tangana in 'Un anno, una notte' | Cinema e televisione

“Guardo quell'immagine – non quella persona, quell'immagine – e vedo il mondo patriarcale, ridotto a quell'immagine di ciò che dovremmo essere. Con come dovremmo essere. Con ciò che ci viene detto, dovremmo essere voluti, amati, apprezzati, accettati e, quindi, visibili: capelli lunghi e lisci, pelle bianca con una certa abbronzatura e anche liscia ed elastica, non un poro, non un segno, non “una sola asimmetria” , magro, sorridente, ma non eccessivamente”, ha spiegato Issa Valdés.

Ha analizzato: “Tutti i compiti sociali dal punto di vista maschile della bellezza femminile risiedono nella creazione di immagini da parte dell'intelligenza artificiale, come nel caso della pubblicità, della comunicazione e dell'arte. Ovunque. Il sistema generato dalla realtà esistente e dall'apprendimento di quanto stabilito non può che avere la stessa base da cui si alimenta. Ma l’intelligenza artificiale non è un organismo vivente e autonomo, ci sono persone che la coltivano e la usano. “Sono queste persone, anche con i loro pregiudizi e la loro socializzazione, che continuano a riprodurre la stessa idea restrittiva e irrealistica di bellezza (anche occidentale, tra l’altro)”.

Alba Renai è l'introduzione generata dall'intelligenza artificiale alla sezione Super Segreti di Survivors.

“Penso che tutti noi abbiamo la responsabilità su questo tema, come facciamo nella vita reale, ogni giorno, di rifiutare ciò che non ci rappresenta nella realtà e ci opprime”, ha suggerito Valdes. Essere belli, essere perfetti: cos'è, per chi e per quale scopo. Gli stereotipi di genere su chi sei e quanto sei prezioso per gli altri in base al tuo livello di desiderio sono una delle questioni con il maggior potenziale di soggiogare le donne in un modo più persistente, pervasivo e intersezionale.

Al di là delle polemiche sull’emittente, L’intelligenza artificiale pone sfide al giornalismo. Le nuove tecnologie sono state protagoniste del 25° Congresso di giornalismo di Huesca, organizzato dall'Associazione dei giornalisti di Aragona, Spagna. Protagonisti degli spettacoli sono stati esperimenti, dibattiti, norme e rischi, domande, paure e cambiamenti già esistenti nel modo di consumare l'informazione che presagiscono il futuro della disinformazione senza mezze misure (e senza inchiostro). .

“Sebbene sia spaventosa e inquietante, l’intelligenza artificiale è la porta verso la trasformazione”, ha affermato Carmen Torrijos, responsabile dell’intelligenza artificiale presso Prodigioso Volcán, durante la sessione “Opportunità di intelligenza artificiale per il giornalismo”. Si presenta su Twitter (ora X) come “coinvolta nell'intelligenza artificiale e nella trasformazione delle comunicazioni”. Ha sostenuto contro l’incombente disoccupazione come risultato della tecnologia come scusa per la flessibilità del lavoro: “L’intelligenza artificiale non sostituisce le persone, sostituisce le attività”. In questo senso ha affermato: “Le persone sono il vero valore dell'azienda”.

Giornalisti Virginia B. Alonso; Ana Requena e Issa Valdés analizzano il giornalismo da una prospettiva di genere e la necessità di non rafforzare gli stereotipi di bellezza che ritardano

La moderatrice è stata Maria Moya, fondatrice del Prodigioso Volcán. Ha mostrato il video di un finto incendio nel Palazzo dell'Alhambra, creato dall'intelligenza artificiale, tra fiori, scale e terrazze che attirano ogni anno migliaia di turisti. Le finestre che si affacciano sul cielo e gli aranceti di Granada commuoveranno il mondo, ma non la pietra del patrimonio arabo nel sud della Spagna perché può simulare il fuoco. “I video erano una fonte di verità e non lo sono più dopo la diffusione dell’intelligenza artificiale e la creazione di contenuti falsi”, ha affermato.

READ  Premiere di "Los 50": programma, elenco dei concorrenti, come e dove vedere

Da parte sua, il direttore digitale di… Corsa radiofonicaAnna Ormecchia, Ha avvertito che nei processi elettorali del 2024 è in arrivo un’ondata di disinformazione (dove vota metà del pianeta) come si è già visto negli Stati Uniti, in Messico e in Slovenia. Pertanto, la loro priorità è verificare le informazioni relative alla possibilità di riproduzione del suono. L'obiettivo è determinare se la registrazione è falsa o reale. “Se usano l’intelligenza artificiale per scopi malvagi, il nostro compito è farlo per sempre”, ha detto Ormaecchia.

esecutivo L fretta Ha detto che una delle applicazioni di intelligenza artificiale che usano è VerificaAudioIn collaborazione con Iniziativa di Google News. “Permette ai giornalisti di individuare false registrazioni audio effettuate con voci artificiali e di verificare anche le fonti”, ha osservato. Se c'è uno scandalo politico, è la vera voce del politico o la manipolazione a generare lo scandalo? L’intelligenza artificiale non solo ci consente di creare notizie false, ma ci consente anche di mettere in discussione le notizie vere. Esistono strumenti per vedere la verità o la menzogna è la verità?

La conferenza stampa di Huesca, in Spagna, è stata una protagonista accidentale del dibattito sull’IA

Alla luce della polemica sull'addestramento all'intelligenza artificiale utilizzando libri, giornali e contenuti giornalistici piratati, Ormaecchia ha avvertito che questo è uno dei punti di discussione, negoziazione e decisione più importanti riguardo alle nuove tecnologie. “La proprietà intellettuale è uno dei settori più colpiti. C'è, tra gli altri, la generazione e la riproduzione audio. Non ci sono ancora risposte.”

Al tavolo “Come sopravvivere all’era dell’inutile Internet” c’è invece la giornalista Delia Rodriguez, autrice del libro “Memecracia, Los Viruses Que Rule Us (How Contagious Ideas Use the Internet to Manipulate Your Mind)”, edito da Planeta, nel 2013 (l'ha visto Infatti) ed era più importante: “Rischiamo che l’intelligenza artificiale avveleni Internet”.. Non esistono assaggiatori di cibo – come nel mito russo – ma ci sono masse che vengono avvelenate senza saperlo o senza ribellarsi a ciò che mangiano, ascoltano, guardano e leggono.

READ  Il regista di "The Walking Dead" vuole il suo crossover: "Sogno di incorporare tutto"

Forse dopo dieci anni siamo già stati avvelenati e non esiste antidoto se non ci organizziamo o educhiamo per essere più informati. Tuttavia, ha descritto uno spazio virtuale senz’aria: “Viviamo nel presente di utenti soffocati”. “Risolvere il problema dell'eccesso di contenuti su Internet deve includere la definizione di limiti e renderlo più gestibile, ma questo dobbiamo deciderlo, non algoritmi o macchine”, ha sottolineato Rodriguez.

La manipolazione o la clonazione dei voti nelle campagne elettorali con false informazioni è stato uno dei temi di discussione sull'intelligenza artificiale nella conferenza stampa di Huesca.

Rodriguez ha promosso la navigazione intenzionale. Non entrare nelle reti perdute sapendo dove ti portano, entra sapendo dove vuoi andare, con un biglietto già preso e una ricerca specifica. Le regole per la navigazione intenzionale per sapere cosa cercare sono: quali sono le tue fonti, cosa vuoi fare online, riservare un tempo specifico e fissare un limite al tempo che trascorri online.

Da parte sua, ha affermato Maria Sanchez Diez, caporedattrice dei romanzi digitali della redazione della rivista New York TimesHa avvertito che il boom dell’intelligenza artificiale e la crisi economica dei media messi insieme potrebbero essere una combinazione rischiosa. “Può creare disuguaglianza, dipendenza e mancanza di autonomia. Se solo cinque aziende controllassero il flusso di attenzione, potremmo andare verso uno scenario in cui il denaro viene altrimenti monetizzato esclusivamente a proprio vantaggio e le connessioni scompaiono.”

“IL Media del Sud globaleQuelli dell’America Latina o dell’Africa, con minori risorse e contesti più difficili, non godono delle proprie condizioni di sviluppo. Ecco perché sono preoccupato per questo disuguaglianza Tra i media, ha messo in guardia Sanchez Diez. D’altro canto, prevedeva un declino forzato di fronte all’incertezza: “Di fronte al problema del volume dei contenuti, il pubblico ritorna a esperienze più realistiche nel consumare informazioni”.