Settembre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rapporto di Laila Fernandez con il calcio. Lo ha rivelato nel 2019 suo padre, Jorge Fernandez, di Guayaquil | Altri sport | Gli sport

La rivelazione degli US Open del 2021 ha rivelato che ha dovuto fare pressione su se stessa per credere pienamente di essere l’esecutrice di ex giocatori di livello mondiale.

Agenzia di stampa Francia

Quando Leila Fernandez è stata esclusa dal programma di sviluppo del tennis giovanile canadese, suo padre, Jorge, un ex calciatore ecuadoriano, è diventato il suo allenatore in uno sport di cui non sapeva quasi nulla.

Quello che Jorge Fernandez sapeva essere un atleta professionista e ha instillato in sua figlia forza mentale, pazienza, concentrazione e fiducia, gli stessi tratti che ha imparato a sue spese sui campi di calcio.

I risultati hanno reso sua figlia, che lunedì ha compiuto 19 anni, una forza formidabile all’attuale US Open.

La bandiera ecuadoriana è presente agli US Open con Leila Fernandez

Nel terzo round, Laila ha eliminato la campionessa Naomi Osaka, quattro volte vincitrice del Grande Slam, e nel secondo turno anche l’ex testa di serie Angelique Kerber, diventando per la prima volta una delle prime otto in un Grande Slam.

“Averlo come mio allenatore e insegnarmi la semplice verità di essere competitivo in questo sport, ha sicuramente influenzato il mio gioco e la mia mentalità”, ha detto Leila di suo padre.

“Ho lavorato sodo, mi sono allenato molto bene. Sii paziente, abbi fiducia nel tuo gioco, si vedrà nelle partite”, dice mio padre, il mio allenatore. Sono contento che finalmente l’abbia fatto “, ha spiegato il n. 73 di classificazione Globalismo.

La nuova stella degli US Open, che ha vinto il suo primo titolo WTA lo scorso marzo a Monterrey, affronterà martedì nei quarti di finale la quinta testa di serie ucraina Elina Svitolina.

READ  Barcellona deciderà i risultati con DT Renato Gaucho e Flamengo in Copa Libertadores | calcio | Gli sport

Nato da una madre canadese di origini filippine, il tennista mancino è guidato anche dall’allenatore professionista Roman Derder. Suo padre è a casa, ma manda comunque progetti per le partite.

“È a casa con mia sorella minore. Mi chiamava ogni giorno, dicendomi cosa fare, quindi è stato fantastico”, ha spiegato Laila. “Mi dice solo cosa fare il giorno prima (della partita) e poi si fida di me e del mio gioco per eseguire al meglio che può”.

Leila Annie Fernandez, campionessa del Roland Garros 2019, ha accolto suo nonno in Ecuador

La nata a Montreal ha fiducia in se stessa costruita su anni di lavoro, dalla corsa quando colpisce molte miss per affinare le sue abilità e superare le sfide che ora deve affrontare.

“Fin dalla tenera età sapevo di poter colpire chiunque di fronte a me”, ha detto. “Anche giocando sport diversi, sono sempre stato competitivo, dicendo che avrei vinto, che avrei battuto mio padre nel calcio, anche se era un po’ impossibile. Ho sempre avuto quella mentalità. Ho sempre cercato di usarla in ogni partita a cui ho partecipato. In cui “.

Jorge ha giocato per squadre semi-professionistiche a Montreal e le sue figlie hanno voluto seguire le sue orme. Nonostante non lo volesse, se non cercando se stesso, per passione, il guaiaquile ha rivelato al giornalista Kenny Castro, nel giugno 2019, dopo sua figlia, Junior Roland Garros.

“Sono entrato nel tennis per aiutare mia figlia, perché le avevo promesso che l’avrei aiutata”.

Jorge Fernandez, padre della tennista canadese Leila Fernandez. Foto: per gentile concessione di KCtenis

“Ho dovuto darmi un pizzicotto”

Lila ha sua madre e un istruttore di fitness nella sua scatola che la incoraggia ed è diventata una delle preferite dal pubblico di Arthur Ashe Hall.

“Avere loro tifare per me in ogni momento mi ha aiutato molto. In quei momenti difficili in cui sono triste, grazie alla sua positività posso dimenticare l’errore che ho appena commesso”.

“Continua a lottare, continua ad andare avanti. Goditi il ​​campo e fidati del gioco. Divertirsi in campo, penso che sia la chiave del successo di chiunque”, dice.

Nonostante la sua autostima, energia e vitalità contagiosa, Lille non crede ancora di essere ancora viva a questo punto degli US Open dopo aver affrontato due ex numero uno del mondo ed essere rimasta indietro in un set contro entrambi.

“Ho dovuto sforzarmi un po’ per vedere cosa fosse successo davvero”, ammette. “Me lo godrò al cento per cento e domani (questo martedì) sarà un nuovo giorno”.

Il duello con l’ucraina Elina Svitolina, nei quarti di finale, è in programma alle 13:00 all’Arthur Ashe Center Court e sarà trasmesso in televisione. ESPN. (Dottoressa)