Agosto 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il regista teatrale Peter Brook muore a 97 anni

direttore di teatro Pietro Brock, Leggenda scenari del XX e XXI secolo, Ed è morto sabato all’età di 97 anni, secondo il quotidiano “Le Monde”.

Nato a Londra nel 1925, figlio di immigrati ebrei lettoni, Broc Si stabilisce nel 1974 a Parigi dove visse gran parte della sua vita dove restaurò un vecchio teatro per trasformarlo in uno dei palcoscenici più sviluppati della capitale francese. Teatro Bouuffes du Nord.

Lì è stato in grado di implementare sintetizzando le sue indagini sceniche, In opere come “Il flauto incantato”, basato sulla creazione di Mozart.

Brooke era conosciuto “The Terrible Lionfant” del Teatro, cCapace di coniugare le ultime innovazioni istituzionali con il teatro commerciale.

Ha imparato dai migliori, soprattutto durante la sua permanenza a New York, dove è salito sul palco“Gatto sul tetto di latta calda” di Tennessee Williams, Ma anche le creazioni di Arthur Miller o Jean Genet.

Era soprattutto la sua creazione e guida.Tito Andronico “nella Royal Shakespeare Company Una persona che si è distinto prima e dopo nella sua carriera e nelle stesse arti performative in quanto ha imposto una nuova visione all’opera del più famoso autore inglese.

Nel 1970, Brooke ha dato una svolta al suo concetto di teatro, abbandonando i tradizionali palchi londinesi E la creazione del Centro Internazionale per la Ricerca Teatrale con attori di mezzo mondo, presentati con loro in America, Medio Oriente e Africa, e soprattutto recitando in luoghi periferici e slum alla ricerca di una nuova connessione tra pubblico e performance.

Quelle riflessioni si trovano in L’origine dei Bouffes du Nord, Una stanza che ha scoperto per caso quando era in rovina, e in cui ha conservato questo spirito decadente, ha lanciato un teatro che si abbandona a una “esperienza umana più concentrata”, il teatro secondo lui.

READ  HBO Max vuole il prequel della serie "Sopranos"

“Brock ha distinto generazioni di artisti. L’ho scoperto quando avevo 16 anni, sono arrivato a Parigi e ho scoperto un altro modo di fare teatro. Il regista Daniel San Pedro, che ha recentemente diretto “Andando Lorca 1936” in Bouffes du Nord, ha detto a EFE che la sua teoria dello spazio vuoto mi accompagna ogni giorno, così come il posto e il modo di dirigere dell’attore.

Notizie correlate

Per San Pedro, che è bilingue per via delle sue origini spagnole, Brook ha portato sul palco modernità e apertura fondendo i linguaggi E artisti di diversi paesi senza che questo sia un problema.

Il suo adattamento de “La Tempestad” ha avuto una grande influenza Come Carmen con la cantante lirica. La Bouffes du Nord, dove sono riuscito a dirigere in diverse occasioni, è un luogo dallo spirito magico, per così dire, dove tutti gli artisti sognano di mettersi in mostra”.