Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il rispetto della democrazia è una condizione per la partecipazione al Vertice delle Americhe

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Il presidente del Nicaragua Daniel Ortega ha dichiarato di non essere interessato a partecipare al Summit delle Americhe che sarà ospitato dagli Stati Uniti in giugno a Los Angeles, dopo che il governo degli Stati Uniti ha suggerito di non invitare Cuba, Venezuela e Nicaragua. Quali sono le aspettative per questo importante incontro?

Washington, il paese ospitante del Vertice delle Americhe del 6-10 giugno a Los Angeles, ha affermato che Venezuela, Cuba e Nicaragua non sarebbero stati invitati all’incontro. Uno dei motivi, secondo il capo della diplomazia statunitense per le Americhe, Brian Nichols, è che questi tre paesi “mancano di rispetto” alla Carta democratica interamericana del 2001.

“La tua presenza o assenza non ha molta importanza”

Prima di queste dichiarazioni, la reazione del leader nicaraguense è stata immediata: “Da qui dico agli Yankees: lasciate perdere, non ci interessa essere a quel vertice, non ci interessa (…) quel vertice non glorifica chiunque”, disse Daniel Ortega.

Per l’ex ministro degli Esteri messicano Jorge German Castaneda le dichiarazioni di Washington non sono una sorpresa perché, secondo lui, il Nicaragua è già molto isolato: “Daniel Ortega non partecipava a questo tipo di incontri da molto tempo, non veniva nemmeno al CELAC riunione. In Messico nel settembre dello scorso anno per motivi di salute. Quindi non sorprende che Ortega abbia detto che non voleva andare nella stessa direzione, perché non sarebbe andato dove non era stato invitato e in secondo luogo, per la sua presenza o assenza non importa molto all’incontro di 35 paesi”.

READ  Ómicron | Coronavirus: Estados Unidos tiene más muertes diarias con ómicron que con delta | COVID-19 | MONDO

È l’apice delle democrazie.

Castaneda considera “un peccato che non ci siano condizioni politiche democratiche in Nicaragua affinché il suo presidente possa partecipare a una riunione di questo tipo”. Secondo lui, ciò che il presidente Joe Biden sta cercando è il rispetto di alcune regole del vertice.

“Come accade da almeno 25 anni – il primo vertice è stato nel 1994 – alcune regole sono state fissate, a volte rispettate e altre no. È vero che c’è stata poca coerenza nel rispettare queste regole, ma in linea di principio si tratta di Vertice delle democrazie, soprattutto dal 2001 e dalla firma della Carta democratica interamericana», spiega l’ex segretario di Stato.

Pertanto, “non è facile fare un incontro in cui il tema della democrazia, il confronto tra le democrazie del mondo e i regimi autoritari del mondo sia una questione centrale. Come si può fare un incontro con almeno tre tiranni e despoti oppressivi nei loro paesi». Com’è? A meno che non si evitino tutte le questioni spinose, è logico che Cuba, Nicaragua e Venezuela non siano presenti lì”, aggiunge Castaneda.

Dopo l’avvertimento di Washington, i presidenti messicani Manuel Lopez Obrador e il presidente della Bolivia Luis Ars hanno annunciato che la loro partecipazione al vertice sarebbe dipesa dall’esclusione di nessun Paese.