Ottobre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il ritardo nel voto al Congresso degli Stati Uniti rivela chi ha potere nell’agenda di Biden

I Democratici della Camera hanno rinviato il loro voto sul disegno di legge bipartisan per le infrastrutture del Senato da $ 1,2 trilioni, poiché i progressisti continuano a sollevare obiezioni fino a quando non sarà completato anche un disegno di legge molto più ampio sul benessere.

La Camera dei Rappresentanti non ha ottenuto ulteriori voti dopo che le riunioni sono proseguite fino a tarda notte. Entrambe le leggi sono una parte essenziale dell’agenda del presidente Joe Biden, in cui i democratici stanno combattendo contro i moderati e la sinistra intorno alle parti che verranno approvate per prime.

Come è arrivata qui Washington?

Dopo che l’amministrazione Trump ha parlato per anni della “settimana delle infrastrutture”, Biden ha insistito sul fatto che i democratici avrebbero approvato una massiccia legge sulle infrastrutture. Al contrario, la sua proposta infrastrutturale era sostanzialmente divisa in due, con la prima metà che presentava elementi che la maggior parte delle persone associa a un termine come strade e ponti. È stata approvata questa proposta con il sostegno bipartisan a fine luglio, con una minoranza di voti al Senato, Mitch McConnell e altri 18 repubblicani sul disegno di legge ad agosto.

Si scopre che è la parte facile. Come volevano i DemocraticiInclude le spese per “infrastrutture umane” come l’assistenza all’infanzia, i congedi familiari e retribuiti, i college comunitari e l’assistenza domiciliare per gli anziani e le persone con disabilità, nonché misure per combattere il cambiamento climatico. Inizialmente, il conto doveva essere di $ 6 trilioni, ma per fare appello ai democratici moderati, i leader del partito lo hanno ridotto a $ 3,5 trilioni. Passeremo questo disegno di legge attraverso un processo chiamato riconciliazione, che consentirebbe ai Democratici di approvare la legge con una maggioranza di 51 voti solo finché si tratta di spesa. I democratici hanno attualmente 50 voti al Senato e il vicepresidente Kamala Harris romperà il pareggio.

La presidente della Camera Nancy Pelosi inizialmente ha detto che non avrebbe approvato il disegno di legge bipartisan fino a quando anche il Senato non avrebbe approvato il disegno di legge di riconciliazione. Ma i Democratici moderati si sono oppostiVolevano un voto indipendente sul disegno di legge bipartisan e hanno detto che non avrebbero votato per il disegno di legge sul welfare a meno che non ci fosse stato un voto sul primo. A sua volta, la presidente della Camera, Nancy Pelosi, ha promesso di moderare il voto entro il 27 settembre. Tale data è stata posticipata a giovedì.

Ma i democratici progressisti, tra cui la rappresentante di New York Alexandria Ocasio-Cortez e la presidente del comitato progressista Pramila Jayapal, hanno affermato che si sarebbero opposti al disegno di legge bipartisan sulle infrastrutture se anche la riconciliazione non fosse stata inclusa. Eccoli dall’alto e chi è al potere e chi è al potere.

READ  Bolsonaro: il diritto degli antenati alle terre indigene metterà fine all'agrobusiness

ancora città Joe Mansion

Molte persone a Washington scherzano sul fatto che eleggendo John Osoff e Raphael Warnock nelle gare di ballottaggio, la Georgia essenzialmente ha votato per rendere il senatore Joe Manchin, un democratico conservatore rosso brillante della West Virginia, l’imperatore del Senato.

Manchin è un altro eletto democraticamente in tutto lo stato nello stato della Virginia Occidentale, dove ogni contea ha votato a favore di Donald Trump, parte del tempo che avrebbe potuto essere il ricorso dei Democratici agli Appalachi. Di conseguenza, Manchin è diventato la spina dorsale di qualunque legislazione i Democratici vogliano promuovere. Allo stesso modo si è promosso come un conservatore finanziario, pubblicando persino un annuncio nel 2012 che promuoveva il fatto che sua moglie gli tagliasse i capelli.

Per saperne di più: ONU: L’Etiopia non ha il diritto di espellere i suoi funzionari

Quando i progressisti hanno iniziato a protestare, Manchin ha rilasciato una dichiarazione mercoledì contro il pagamento di 3,5 trilioni di dollari sul disegno di legge di riconciliazione, definendolo “follia finanziaria”. Giovedì ha suggerito che il conto sarebbe stato di $ 1,5 trilioni. Giovedì sera tardi, Manchin si è incontrato nel seminterrato del Senato con i funzionari della Casa Bianca insieme alla collega democratica conservatrice Kirsten Senema. Dopo l’incontro, Manchin ha ribadito i 1,5 miliardi di dollari ai giornalisti “per prenderci cura dei nostri figli, prendersi cura delle nostre persone in fin di vita e dei nostri anziani e stiamo lavorando duramente su questo”. Parlare di…

Quanto può durare Kyrsten Sinema?

Manchin non è l’unico senatore moderato che ha dimostrato di causare mal di testa. La senatrice Kirsten Senema dell’Arizona ha dichiarato esplicitamente che non sosterrà un disegno di legge da 3,5 miliardi di dollari. Nel 2018, Senema è stata senatrice al primo mandato ed è diventata la prima democratica a vincere un seggio al Senato dall’Arizona dal 1988. Ha avuto numerosi incontri con la Casa Bianca e funzionari dell’amministrazione Biden.

Ma a differenza di Manchin, che ha abbandonato la sua cifra di $ 1,5 trilioni, Sinema non ha nemmeno pagato il conto per una riconciliazione che avrebbe funzionato. Ciò ha portato all’esasperazione di alcuni membri della Camera dei Democratici, ha affermato il rappresentante Ro Khanna della rete californiana CNN: “Perché il senatore dovrebbe godere di così tanto potere? Siamo in una democrazia”.

READ  Una depressione tropicale unica passa sopra la provincia di Villa Clara - Juventud Rebeldi

Dopo la discussione notturna nel seminterrato, mentre i giornalisti si riversavano a Mansion mentre se ne andava, Cinema non ha detto una parola ai media. La posizione del cinema può far infuriare sia i progressisti che la Casa Bianca, ma ha un impatto rifiutando di dare un numero. Finché era così, tutto quello che chiunque poteva fare era aspettare che si muovesse.

Bernie Sanders, Pamela Jayapal e l’AOC hanno preso il comando

Nonostante la sua sconfitta da parte di Biden per la nomina presidenziale democratica, il fatto che i democratici abbiano ottenuto la maggioranza al Senato ha regalato al senatore Bernie Sanders un bel premio di consolazione: il martello del presidente sulla commissione Bilancio del Senato. Questo lo rende responsabile della direzione del disegno di legge di riconciliazione, che include molte delle sue priorità.

Ma giovedì sera, Sanders ha espresso frustrazione per il fatto che il disegno di legge sia passato in modo bipartisan senza completare il disegno di legge di riconciliazione.

Sanders ha detto ai giornalisti: “È un modo sciocco di fare affari negoziare un conto di miliardi di dollari pochi minuti prima di un voto senza che uno grande sappia cosa sta succedendo”. “Questo è inaccettabile. Quello che penso dovrebbe accadere è che stasera hai respinto un progetto di infrastruttura di legge da entrambe le parti e quindi possiamo sederci e trovare un modo per approvare entrambe le leggi”.

All’inizio della settimana, Ocasio-Cortez ha affermato che l’unico modo per arrivare al “sì” è anche votare per la riconciliazione. Ma affinché i progressisti diano seguito alle loro minacce, dovevano davvero essere preparati a consentire il disegno di legge in aula o senza voto. Sembrava che avessero vinto la partita. Jayapal ha detto Washington Post no La settimana scorsa la Casa Bianca gli ha detto di non cambiare rotta, il che sostanzialmente significa che l’amministrazione Biden è dalla sua parte.

Ha ottenuto i progressisti su ciò che volevano perché il voto non è avvenuto giovedì sera e sono diventati membri di tali Oocazio Cortez e Jayabal ora una posizione distintiva perché sono i più grandi sostenitori del presidente. Ma ora arriva la parte difficile. Dovrà Sanders, che è già stato costretto a tagliare il conto della riconciliazione, a competere con manchine, che rischia di ridurre questa cifra almeno a 1,5 trilioni di dollari.

READ  Il Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente mette in guardia dalle sfide della riduzione dell'inquinamento atmosferico nel mondo: commercio e giustizia

L’eredità di Biden in gioco

Il tasso di approvazione di Biden è crollato poiché molti americani disapprovano il modo in cui l’America è uscita dall’Afghanistan. Un sondaggio dell’Associated Press-NORC Center for Public Affairs Research ha rilevato che il tasso di approvazione di Biden è all’incirca uguale a quello degli elettori, con il 50% di approvazione e il 49% di disapprovazione. Il sondaggio mostra che mentre il 57 percento è d’accordo con la sua gestione della pandemia di coronavirus, questo è in calo rispetto al 66 percento di luglio e solo il 47 percento approva la sua gestione dell’economia, che è in calo dal 60 percento.

Biden ha bisogno di infondere fiducia tra gli elettori di poter approvare una legislazione completa e le infrastrutture e la riconciliazione sono forse le sue singole figure più importanti. Attraverso le infrastrutture, può essere visto come un negoziatore bipartisan che può attrarre i repubblicani mentre può attirare la sinistra della sua base attraverso enormi investimenti in energia pulita, assistenza all’infanzia ed espandere l’assistenza sanitaria. Ecco perché la sua squadra ha impiegato più tempo per fare pressione su Mansion e Cinema. Ma d’ora in poi, il suo destino è nelle mani del Congresso.

Supervisori della casa piantata

I Democratici moderati hanno iniziato il processo dalla posizione più forte. Avevano la capacità di rallentare la riconciliazione e passare infrastrutture, che potevano consentire loro di mostrare la loro buona volontà e non darli per scontati, con membri come Jayapal e Ocasio-Cortez che dominavano i titoli, causando grattacapi ad alcuni nella leadership democratica.

Josh era Jotheimer, un rappresentante dello stato del New Jersey, uno dei leader dei moderati alla Camera dei Rappresentanti, fiducioso martedì che “avremo i voti e l’aereo atterrerà”. Allo stesso modo, Ron Kind del Wisconsin, un democratico moderato, ha detto ai giornalisti giovedì sera che crede che i democratici avranno finito con il loro lavoro.

Ma la storia è passata, e mentre possono rivendicare la vittoria per i progressisti, i moderati devono chiudere il progetto di legge sulla riconciliazione quando non è completamente formato, o mettere Velhm tra le loro gambe. A fine serata Gottheimer ha twittato che le trattative non erano ancora finite e che stava “acquistando qualcosa da Gatorade e Red Bull”.

Ma i moderati avranno bisogno di più di una bevanda energetica per alimentare il loro piano.