Giugno 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Senato di Haiti ribadisce il suo rifiuto di attuare il codice penale

PORT-AU-PRINCE, 22 giugno (PRINSA LATINA) Oggi il Senato haitiano ha ribadito il suo rifiuto di attuare il codice penale a soli due giorni dalla sua entrata in vigore e mentre il governo tace.

Il presidente del Senato Joseph Lambert ha indicato di aver raccomandato al Consiglio dei Ministri da metà maggio di rinviare questa legge, ritenendo che il contesto non sia ideale perché non ci sono le condizioni per garantirne l’attuazione.

“Le orecchie non dovrebbero essere più lunghe della testa!” ha scritto il parlamentare su Twitter. Ha sottolineato che la posizione espressa dai legislatori è chiara e inequivocabile.

Secondo il memorandum inviato dal Senato all’esecutivo, il popolo di Haiti deve assimilare il codice penale affinché la giustizia si senta più a suo agio nello svolgere la sua missione.

Il decreto è stato approvato con decreto nel giugno 2020 dal presidente assassinato Jovenel Moise (2017-2021) e nel giro di due anni potrebbe essere revocato dall’Assemblea nazionale, tuttavia, il corrispondente processo elettorale non è stato attuato e il Parlamento è fermo da gennaio di quell’anno.

Avvocati, associazioni religiose e sindacali, nonché organizzazioni socio-politiche hanno preso posizione sulla sua entrata in vigore e il governo ha creato una commissione per analizzare il documento, ma non ha fornito conclusioni su questo processo.

Tra le principali critiche c’è la depenalizzazione dell’aborto, pur approvando sanzioni contro chi discrimina in base all’orientamento sociale. Consente inoltre, secondo i suoi critici, l’amnistia per coloro che sono accusati di corruzione e reati politici e finanziari.

Ad aprile, l’Associazione nazionale dei giudici haitiani ha chiesto al governo di Ariel Henry di ritardare o respingere la legge di almeno due anni in modo che gli esperti potessero analizzarne le conseguenze legali, tuttavia, altre voci hanno indicato che il primo ministro non ha i poteri. ignorare un decreto presidenziale.

READ  20 anni di torture senza data di chiusura

auto / ann