Maggio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Sudafrica rilascia fondi di emergenza dopo che una grave inondazione ha provocato 400 morti

Di Rogan Ward

Durban15 aprile – Venerdì le autorità sudafricane hanno rilasciato fondi di emergenza per aiutare decine di migliaia di persone rimaste senza riparo, acqua ed elettricità dopo che massicce inondazioni hanno colpito case e strade, uccidendo quasi 400 persone sulla costa orientale.

Le inondazioni nella provincia di KwaZulu-Natal hanno interrotto le linee elettriche, i servizi idrici e le operazioni in uno dei porti più trafficati dell’Africa. L’emittente statale ha affermato che il bilancio delle vittime è salito a 395 venerdì da una precedente stima di 341. lanciatore.

Il ministro delle finanze Enoch Gudungwana ha detto a Newsroom Africa che un aiuto di emergenza iniziale di 1 miliardo di rand (68,3 milioni di dollari) era disponibile per l’uso immediato dopo che la provincia è stata dichiarata zona cuscinetto.

Le autorità locali hanno stimato il danno in diversi miliardi di rand.

Siamo ancora nella fase di pronto intervento. “È imperativo essere veloci su questo”, ha detto Gudungwana. “La seconda fase sarà il recupero e la riparazione”.

Le stazioni televisive locali hanno mostrato volontari che pulivano contenitori di plastica, pile di bambù e legname galleggiante da una spiaggia di Durban. In altre spiagge, un testimone della Reuters ha detto che i turisti si stavano prendendo una pausa prima che la pioggia riprendesse più tardi venerdì.

Le autorità affermano che oltre 40.000 persone sono state colpite dal disastro.

Gli scienziati ritengono che la costa sud-orientale dell’Africa stia diventando più vulnerabile a violente tempeste e inondazioni poiché le emissioni umane di gas serra provocano il riscaldamento dell’Oceano Indiano. Si aspettano che la tendenza peggiori drasticamente nei prossimi decenni.

READ  L'impatto economico del Covid-19 in America Latina

Gli attivisti locali per il clima chiedono maggiori investimenti per aiutare le comunità a prepararsi meglio ai disastri. Diversi ministri sono arrivati ​​venerdì a Durban per valutare i danni.

In una silenziosa processione a Durban che segna l’inizio delle festività pasquali, un gruppo di fedeli cristiani depone fiori sulla croce.

“Ci sono molte ragioni per rinunciare alla speranza in questo momento”, ha affermato Raymond Berry, direttore dell’organizzazione benefica cristiana The Dennis Hurley Center. Il messaggio cristiano è: anche di fronte alla disperazione c’è speranza.

(1 dollaro = 14,6416 rand)