Maggio 26, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Sudafrica si congratula con Cuba per i 60 anni di sostegno medico internazionale

PRETORIA, 26 maggio (PRENSA LATINA) Questa settimana il Ministero della Sanità sudafricano si è congratulato con il popolo cubano per il 60° anniversario del suo sostegno medico internazionale.

In una dichiarazione in tal senso, è stato evidenziato il valore della cooperazione cubana per salvare vite attraverso brigate mediche in tutto il mondo.

Il ministero osserva che il Sudafrica è uno degli oltre 100 paesi che hanno beneficiato dell'”eccellente solidarietà sociale e internazionale e cooperazione medica” di Cuba con specialisti “che hanno dato un contributo significativo” al rafforzamento del sistema sanitario nazionale e alla sua risposta al COVID -19 pandemia.

Nella nota si aggiunge che il Paese ha beneficiato di questo importante sostegno dal 1997 attraverso medici e operatori sanitari che hanno lavorato qui durante questo periodo. Allo stesso modo, il Ministero sottolinea il programma di formazione medica Nelson Mandela-Fidel Castro, che ha diplomato più di tremila medici sudafricani di varie università cubane, che lavorano in gran parte nei settori meno privilegiati delle società.

La dichiarazione ha citato il viceministro della salute, Sipongesene Dlomo, che ha scritto al Sudafrica come uno dei paesi fortunati ad aver ottenuto questa cooperazione cubano-mondo nel campo della salute, che integra le scuole mediche nazionali per far fronte alla carenza di medici, soprattutto storicamente. aree svantaggiate.

Delomo ha sottolineato che il Sudafrica non avrebbe beneficiato di questa fruttuosa cooperazione se non fosse stato per gli sforzi dei combattenti rivoluzionari per la libertà nei due paesi, Nelson Mandela e Fidel Castro.

Il viceministro ha concluso che i due leader sono convinti che la salute sia la più grande ricchezza che una persona possa possedere.

READ  Chiedono che Cuba sia cancellata dall'elenco degli stati sponsor del terrorismo