mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il supporto a 2.277 dollari sembra essere a rischio poiché i venditori XAU/USD si rifiutano di cedere

  • Martedì il prezzo dell’oro ha raggiunto circa 2.300 dollari e rimane debole.
  • Il dollaro USA si mantiene stabile insieme ai rendimenti dei titoli del Tesoro dopo i forti dati sui salari dei settori non agricoli statunitensi
  • La configurazione tecnica giornaliera per il prezzo dell’oro è inclinata a favore dei venditori, ma il supporto a 2.277 dollari è fondamentale.

Il prezzo dell’oro si sta allontanando dai minimi di quattro settimane, ma viene scambiato con un moderato orientamento ribassista all’inizio di martedì, lottando al livello di 2.300 dollari. Il dollaro statunitense ha interrotto la sua tendenza al rialzo in un contesto di calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro statunitensi, grazie a un’ondata di avversione al rischio.

Il prezzo dell’oro mantiene il suo trend ribassista, in attesa del CPI americano e dell’esito della decisione della Federal Reserve

Lunedì il prezzo dell’oro ha tentato un rally tecnico, sostenuto dal calo del dollaro USA rispetto ai suoi principali rivali, mentre il tono del rischio è migliorato nell’ultima parte della giornata. Le azioni americane hanno chiuso in rialzo dopo una giornata di disperazione in Europa a causa delle rinnovate tensioni politiche.

Nella prima metà della sessione di lunedì, l’oro si è attestato vicino ai minimi di quattro settimane a 2.287 dollari, dopo che il dollaro USA ha ricevuto un doppio impulso, con richieste di vendita dell’EUR/USD in ulteriore aumento, mentre anche l’avversione generale al rischio ha aiutato il dollaro come rifugio.

L’euro è stato esposto a vendite a causa dell’escalation della tensione politica nella zona euro, soprattutto dopo che il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato domenica elezioni anticipate e ha sciolto il Parlamento dopo che i sondaggi d’opinione hanno mostrato che la sua coalizione ha subito una pesante sconfitta alle elezioni europee contro l’estrema destra. guidato dal National Rally Party di Marine Le Pen (RN).

READ  - Sala stampa LAT-AM Porsche

Inoltre, il prezzo dell’oro è stato influenzato dai forti dati sull’occupazione statunitense pubblicati venerdì, che hanno mostrato che l’occupazione non agricola è aumentata di 272.000 posti di lavoro lo scorso mese, rispetto a un aumento previsto di 185.000. La retribuzione oraria media, una misura dell’inflazione salariale, è aumentata del 4,1% nello stesso periodo rispetto all’aumento del 4% di aprile, battendo le aspettative di una crescita del 3,9%.

Secondo lo strumento FedWatch del CME Group, i mercati ora si aspettano una probabilità del 46% che la Federal Reserve americana tagli i tassi di interesse di 25 punti base a settembre, leggermente superiore al 43% osservato dopo la pubblicazione dei dati sui salari del settore non agricolo. Martedì.

Tutti gli occhi sono ora puntati sui grandi eventi di mercoledì: i dati dell’indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti e gli annunci politici della Federal Reserve, che avranno un impatto significativo sul valore del dollaro USA e determineranno il prossimo movimento direzionale per il prezzo dell’oro.

Nel frattempo, il prezzo dell’oro non è riuscito a beneficiare della persistente propensione al rischio dopo che i mercati azionari in Cina e Hong Kong hanno riaperto in rosso martedì, tenendo il passo con l’incertezza politica nell’Unione Europea.

Resta da vedere fino a che punto il prezzo dell’oro potrà estendere la debolezza causata dal ritardo della Fed nel tagliare i tassi di interesse e dalla Cina che ha interrotto gli acquisti di riserve auree dopo un periodo di 18 mesi.

“I dati provenienti dalla Cina hanno mostrato una pausa. (Ma) stanno solo aspettando e guardando. Se i prezzi saliranno a 2.200 dollari l’oncia, riprenderanno a comprare”, ha detto a Reuters David Tate, CEO del World Gold Council, a margine dell’Asia. Conferenza sui metalli preziosi del Pacifico a Singapore.

READ  Wall Street apre su terreno misto, Dow Jones in rialzo dello 0,09%

Analisi tecnica del prezzo dell’oro: grafico giornaliero

Come si vede sul grafico giornaliero, il prezzo dell’oro è in una fase di consolidamento ribassista dopo la rottura ribassista del modello a cuneo ascendente.

Il prezzo dell’oro rimane vulnerabile a ulteriori rischi al ribasso a causa di una forte rottura al di sotto del minimo del 3 maggio di 2.277 dollari.

Il Relative Strength Index (RSI) a 14 giorni punta al di sotto del livello di 50, vicino a 44, indicando ulteriori diminuzioni del prezzo dell’oro all’orizzonte.

Il prossimo supporto rilevante si trova presso la barriera psicologica a 2.250$, sotto la quale è inevitabile un test della SMA a 100 giorni a 2.217$.

Invece, qualsiasi ripresa del prezzo dell’oro dovrà essere accettata al di sopra del livello di supporto trasformato in resistenza della media mobile semplice a 50 giorni a 2.344 dollari. Inoltre, un recupero della SMA a 21 giorni a 2.355 dollari sarebbe cruciale per annullare l’orientamento ribassista a breve termine.

Gli acquirenti di oro mostreranno quindi i muscoli verso il massimo del 24 maggio di 2.364 dollari.

Domande frequenti sull’oro

L’oro ha svolto un ruolo essenziale nella storia umana, essendo stato ampiamente utilizzato come riserva di valore e mezzo di scambio. Oggi, a parte la sua brillantezza e il suo utilizzo in gioielleria, il metallo prezioso è considerato un bene rifugio, il che significa che è un buon investimento in tempi turbolenti. L’oro è anche considerato una copertura contro l’inflazione e il deprezzamento valutario, perché non dipende da alcuna fonte o governo specifico.

Le banche centrali sono i maggiori detentori di oro. Nell’ambito del loro obiettivo di sostenere le proprie valute in tempi turbolenti, le banche centrali tendono a diversificare le proprie riserve e ad acquistare oro per migliorare la percezione della forza dell’economia e della valuta. Elevate riserve auree possono essere fonte di fiducia per la solvibilità di un paese. Secondo i dati del World Gold Council, le banche centrali hanno aggiunto 1.136 tonnellate di oro per un valore di circa 70 miliardi di dollari alle loro riserve nel 2022, e questo è il più grande acquisto annuale da quando esistono dati. Le banche centrali delle economie emergenti come Cina, India e Turchia stanno rapidamente aumentando le loro riserve auree.

READ  Controlla qui i risultati di Chispazo per domenica 20 febbraio 2022

L’oro ha una relazione inversa con il dollaro statunitense e i titoli del Tesoro statunitensi, che sono le principali riserve e beni rifugio. Quando il valore del dollaro diminuisce, il prezzo dell’oro tende a salire, consentendo agli investitori e alle banche centrali di diversificare i propri asset in tempi turbolenti. L’oro è anche inversamente correlato agli asset rischiosi. Un rialzo del mercato azionario tende a indebolire il prezzo dell’oro, mentre una svendita nei mercati più rischiosi tende a favorire il metallo prezioso.

Il prezzo dell’oro può variare a causa di una vasta gamma di fattori. L’instabilità geopolitica o il timore di una profonda recessione possono far aumentare rapidamente il prezzo dell’oro a causa del suo status di bene rifugio. Essendo un asset non redditizio, il prezzo dell’oro tende ad aumentare quando i tassi di interesse scendono, mentre i prezzi monetari più alti tendono a mettere sotto pressione il metallo giallo. Tuttavia, la maggior parte dei movimenti dipende dall’andamento del dollaro statunitense (USD), poiché l’asset è scambiato in dollari (XAU/USD). Un dollaro forte tende a tenere sotto controllo il prezzo dell’oro, mentre un dollaro debole probabilmente spingerà i prezzi dell’oro più in alto.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles