martedì, Luglio 23, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Il tempo senza precedenti nel 2023 mostra l’impatto dei cambiamenti climatici su…

Bloomberg – Quest’anno i record sono stati battuti nel modo sbagliato. Questa è la conclusione agghiacciante di un rapporto speciale sul cambiamento climatico pubblicato oggi sulla rivista Bioscience.

“La vita sul pianeta Terra è sotto assedio”, ha affermato William Ripple, illustre professore di ecologia presso l’Oregon State University e autore principale del rapporto. La nostra analisi annuale sullo stato del clima mira a fornire una visione concisa e accessibile degli impatti del riscaldamento globale che il mondo ha sperimentato nell’ultimo anno e di come possiamo mitigare tali impatti.

Una delle cose più strane del rapporto di quest’anno è quanto sarà caldo il 2023. Prima del 2000, ad esempio, la temperatura media giornaliera globale non è mai aumentata di più di 1,5°C (2,7°F) rispetto ai livelli preindustriali.. Dall’inizio dell’attuale millennio, il mondo ha superato questa temperatura solo occasionalmente in un dato anno. Al 12 settembre, data limite per la raccolta dei dati, la Terra aveva già vissuto 38 giorni in cui la temperatura media giornaliera superava 1,5 gradi Celsius, più che in qualsiasi altro anno.

La soglia di 1,5°C è diventata simbolica perché i paesi hanno concordato nell’accordo di Parigi del 2015 di cercare di mantenere l’aumento delle temperature medie globali al di sotto di tale limite e “ben al di sotto” dei 2°C. Finora la temperatura mondiale è aumentata di circa 1,2 gradi Celsius. La ricerca ha dimostrato che la differenza tra 1,5°C e 2°C nell’aumento della temperatura è significativa. A 1,5°C, il mondo probabilmente avrebbe alcune barriere coralline e ghiaccio estivo artico. A 2°C scompariranno entrambi.

“Ogni decimo di temperatura che possiamo evitare potrebbe evitare un’enorme quantità di sofferenze e salvare molte vite”, ha detto Ripple.

READ  Notizia di un'esplosione nei pressi della città iraniana di Natanz, dove c'è una centrale nucleare

I giorni superiori a 1,5°C nel 2023 facevano parte di una tendenza più ampia verso temperature record sia sulla terraferma che nell’oceano. Giugno e luglio di quest’anno sono stati i periodi più caldi mai registrati. Non solo luglio è stato il mese più caldo in oltre 170 anni di registrazioni, ma è stato probabilmente il più caldo in oltre 100.000 anni.

Il fenomeno El Niño, che di solito porta un clima più caldo, è spesso citato come motivo delle temperature più elevate di quest’anno. Ma il riscaldamento estremo del 2023 è difficile da spiegare solo con El Niño, afferma Zeke Hausfather, un ricercatore sulla Terra a Berkeley che non è stato coinvolto nel rapporto. Questo “suggerisce una delle due cose”, ha detto Hausfather. “O questo El Niño si sta comportando diversamente rispetto ai precedenti. Oppure ci sono altri fattori oltre a El Niño che stanno contribuendo al caldo estremo a cui stiamo assistendo.”

I ricercatori stanno studiando le possibili cause, tra cui l’altezza del ciclo solare di 11 anni e l’eruzione vulcanica dello scorso anno a Tonga, che ha rilasciato nell’aria una quantità insolita di vapore acqueo, un altro gas serra. Sebbene ciascuno di essi abbia contribuito un po’ al riscaldamento, “sembra esserci ancora un piccolo divario tra ciò che ci si aspetterebbe da El Niño e il riscaldamento di fondo”, ha detto Hausfather. “Il mondo è molto più caldo del previsto e non siamo sicuri del perché”.

Con l’aumento delle temperature quest’anno, è aumentato anche il numero dei disastri. Il rapporto sullo stato del clima include una cronologia dei disastri, dagli incendi in Canada ai cicloni tropicali in Myanmar e alle piogge torrenziali in Giappone e India che hanno causato frane, inondazioni e morti. “Alcune persone stanno iniziando a riprendersi da un disastro legato al clima o da un evento meteorologico estremo, e altri stanno iniziando a verificarsi”, ha detto Ripple. “Non c’è nemmeno il tempo di riprendersi.”

READ  L'ELN consegna una persona detenuta al CICR in Colombia

Il cambiamento climatico potrebbe portare a disastri aggravati, afferma Christine Schild, scienziata del progetto presso il Centro nazionale per la ricerca atmosferica, che non è stata coinvolta nella ricerca. Per esempio, La siccità seguita da una serie di forti tempeste può essere devastante perché il terreno secco è meno capace di assorbire l’umidità, aumentando il rischio di frane e inondazioni.

Tuttavia, sebbene gli effetti del cambiamento climatico si facciano sempre più sentire, gli sforzi per fermarlo sono in ritardo. Le emissioni globali di gas serra continuano ad aumentare insieme all’uso del carbone, soprattutto in Cina e India. Nello stesso modo, L’invasione russa dell’Ucraina ha aiutato alcuni paesi europei ad accelerare la loro transizione energeticaSi è allontanato dal gas fossile e si è spostato verso le energie rinnovabili, ma ha spinto altri paesi a tornare al carbone.

Il rapporto rileva che anche il continuo rilascio di emissioni globali di gas serra è una questione di equità. “Il Sud del mondo è più vulnerabile ai cambiamenti climatici”, ha affermato Ripple. “Questa è una questione di giustizia climatica perché la maggior parte delle emissioni storiche provengono dal Nord del mondo”.

Maggiori informazioni su Bloomberg.com

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles