Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il tempo sta punendo il Pakistan nel 2022

Alfredo Boada Mola*

Secondo gli scienziati, il cambiamento climatico provocato dall’uomo in corso ha probabilmente contribuito alle inondazioni mortali nel paese da giugno, che hanno distrutto 1,7 milioni di case.

Secondo la National Disaster Management Authority, morirono più di 735.000 capi di bestiame, mentre più di 8.000 km di autostrade e 3.000 km di ferrovie furono distrutti, centinaia di ponti demoliti, diversi ettari di raccolti furono distrutti e altri furono totalmente danneggiati. di 30 miliardi di dollari.

Il Pakistan subisce piogge abbondanti e intense durante la stagione annuale dei monsoni, che è fondamentale per l’agricoltura e l’approvvigionamento idrico, ma piogge così intense non si vedevano da decenni.

I funzionari hanno accusato il cambiamento climatico, che sta aumentando la frequenza e l’intensità degli eventi meteorologici estremi in tutto il mondo.

L’Organizzazione meteorologica mondiale ha dichiarato che i disastri meteorologici come quello assistito in Pakistan nel 2022 sono quintuplicati negli ultimi 50 anni, con una media di 115 morti al giorno.

Fahad Saeed, ricercatore presso il Centro di Islamabad per i cambiamenti climatici e lo sviluppo sostenibile, ha affermato che le inondazioni improvvise nella regione hanno mostrato ancora una volta la necessità per i paesi ricchi di aumentare drasticamente i finanziamenti per aiutare i paesi poveri ad adattarsi al clima.

In Pakistan, gli stati del Sindh e del Balochistan sono stati i più colpiti dalle correnti, dopo aver ricevuto precipitazioni più del normale in agosto, secondo i dati del Dipartimento meteorologico.

La perdita di bestiame, raccolti e riserve alimentari potrebbe spingere molte famiglie del paese ulteriormente nella povertà e alimentare l’insicurezza alimentare in questo paese dell’Asia meridionale.

I meteorologi hanno già allertato la possibilità di gravi fenomeni idrometeorologici nei bacini idrografici, con conseguenti inondazioni nei principali fiumi del Paese.

Si aspettavano anche inondazioni improvvise nelle regioni più alte, che sarebbero state favorite dallo scioglimento delle nevi a causa di temperature più alte del normale in montagna, e questo alla fine è avvenuto.

READ  Immigrazione e Stati Uniti si scusano per l'agenda mediatica ad Haiti - Prinsa Latina

Uno dei motivi dell’aumento delle precipitazioni è la continuazione del fenomeno La Niña nell’Oceano Pacifico tropicale per il terzo anno consecutivo.

Durante un tale evento, le temperature dell’oceano scendono, interrompendo gli alisei sul mare, e questo disturbo provoca un effetto a catena sul clima globale, provocando tipicamente forti piogge nell’Asia meridionale.

Secondo quanto riferito, le ondate di caldo che hanno colpito il Pakistan da marzo a giugno hanno accelerato lo scioglimento dei ghiacciai nelle province degli altipiani, aumentando la portata dei fiumi e provocando gravi inondazioni.

Si prevede che le inondazioni distruttive diventeranno più frequenti man mano che il pianeta si riscalda.

Gli esperti pakistani di clima e ambiente ritengono che gli effetti del riscaldamento globale sulle massicce inondazioni nel paese siano solo l’inizio e che gli effetti diventeranno più gravi ed estremi nei prossimi anni.

La stagione dei monsoni è essenziale per irrigare i raccolti e ricostituire laghi e dighe nel subcontinente indiano, ma questa volta ha colpito un pakistano su sette.

Islamabad e le Nazioni Unite hanno lanciato il Flood Response Plan, che dà la priorità agli interventi nei settori dell’istruzione, della sicurezza alimentare, dell’agricoltura, della salute e della nutrizione, della protezione, degli alloggi, dei prodotti non alimentari e dell’acqua, dei servizi igienici e dell’igiene.

La solidarietà prima del cambiamento climatico

Nel corso della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP27), svoltasi nella città egiziana di Sharm el-Sheikh, il Primo Ministro del Pakistan, Shehbaz Sharif, ha sollecitato la solidarietà e la cooperazione internazionale per affrontare il cambiamento climatico in tutto il pianeta. .

Il funzionario ha sottolineato che i paesi in via di sviluppo esposti al riscaldamento globale, come il Pakistan, stanno assistendo agli effetti devastanti di questo fenomeno, nonostante il loro piccolo contributo all’emissione di gas serra.

READ  India per vaccinare le ragazze contro il cancro cervicale

Sharif ha sensibilizzato la comunità internazionale sulla difficile situazione del suo paese dopo piogge torrenziali, inondazioni e smottamenti e ha esortato il mondo a prendere coscienza della sfida climatica e tradurre gli impegni in risultati concreti, con cambiamenti trasformativi nel flusso di competenze, finanza e tecnologia.

Deterioramento climatico in Pakistan

Il Pakistan sta vacillando per le ondate di caldo estremo e gli eventi meteorologici estremi, dalle inondazioni improvvise agli incendi, tra le preoccupazioni per il loro impatto sulla salute e sui mezzi di sussistenza delle comunità più vulnerabili ed emarginate.

Di solito fa più caldo in India e Pakistan da marzo a giugno quando arriva il monsone in circostanze normali.

Secondo gli scienziati, il cambiamento climatico sta aumentando la circolazione dell’aria dal Sahara, dai deserti arabi e persiani alle valli dell’Indo e del Gange, comprese le regioni desertiche indiane come il Rajasthan.

Questa circolazione era meno frequente prima del riscaldamento globale e l’aria calda stava attirando a nord dell’Himalaya, ma le condizioni meteorologiche di oggi stanno attirando aria calda a sud dell’Himalaya.

La situazione in India e Pakistan comporta il blocco dell’aria fredda da nord da parte delle alte quote dell’Himalaya, che a loro volta alimentano i monsoni e raccolgono l’acqua dagli umidi venti meridionali per irrigare una delle più grandi masse continentali del mondo. . Lo scienziato.

Negli ultimi anni, l’impatto del cambiamento climatico si è accelerato nell’Asia meridionale sotto forma di caldo estremo e condizioni meteorologiche imprevedibili.

Jacobabad, nella provincia pakistana del Sindh, è una delle città più calde del pianeta, con temperature che quest’anno superano i 50 gradi Celsius.

L’inaspettata ondata di caldo nel subcontinente indiano, che ha eclissato la stagione primaverile a marzo e aprile, è stata seguita da una serie di eventi meteorologici estremi nel Paese.

READ  Il presidente della Bolivia mette in guardia a Silak sulla crisi del capitalismo

A maggio si è verificata una massiccia inondazione dal lago glaciale nel distretto di Hunza, Gilgit-Baltistan, e sebbene un tempestivo allarme da parte delle autorità abbia evitato molte vittime, 22 famiglie sono state sfollate a causa dell’alluvione improvvisa.

Inoltre, sono stati distrutti frutteti e colture che rappresentano un’importante fonte di sostentamento nelle montagne del delicato ecosistema dell’Hindu Kush.

Sempre nel quinto mese dell’anno, si sono verificati grandi incendi boschivi a Sherani, nella provincia del Balochistan, che hanno distrutto il 40% delle più grandi foreste di pini e ulivi selvatici del mondo, e altri due grandi incendi boschivi nelle pinete di Khyber. Pachtunkhwa.

Gli incendi boschivi colpiscono i mezzi di sussistenza delle minoranze etniche beluci e pashtun, la cui principale attività economica è il commercio di pini.

Altri residenti nella zona allevano bovini e animali selvatici che si nutrono di piccole erbe e altre piante di montagna anch’esse colpite.

Allo stesso modo, molti animali e uccelli, alcuni dei quali in pericolo di estinzione, sono minacciati da epidemie che distruggono i loro habitat e li lasciano senza cibo.

Kamran Hussain, coordinatore delle foreste pakistane del WWF, ha affermato che la stagione degli incendi, che di solito dura da giugno ad agosto, è stata rinviata quest’anno a causa delle temperature estreme e delle condizioni di siccità.

Questi disastri climatici sono estremamente pericolosi per l’ambiente di montagna e per i suoi abitanti, che soffrono fisicamente, economicamente e mentalmente in un ambiente sempre più instabile.

* Corrispondente di Prensa Latina in India

rm/abm