Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il tutto ai piedi dell’Evenepoel nella Vuelta a España | Gli sport

Evenepoel, il momento di tagliare il traguardo dopo essere saliti a bordo di Les Praeres.Ander Gilenya (AFP)

Muro, muro, una salita di quattro chilometri per dare il tocco finale alla piattaforma che ha bruciato gambe e polmoni, la fine bruciante e, tra l’altro, l’affermazione che non c’è nessuno più forte di Remco Evenepoel, la struttura Bici nella Vuelta. Galleria e morrocotudo garrotazo per il belga, biglietto sottolineato per Laureato a Madrid Quando sono state completate solo nove tappe, perché ogni volta che la strada decolla, il ritmo e la musica sono forniti da Evenepoel. “È stata una settimana molto difficile e la stanchezza può arrivare. Farà anche molto caldo. Ma finora sono molto contento del livello e delle mie gambe”, ha ammesso il corridore di Quick-Step. Luis Meintjes (Intermarchy) ha festeggiato la sua vittoria di tappa, comunque e ancora in devozione allo scioglimento della giornata, il secondo sudafricano a vincere una tappa alla Vuelta del mattino per la gioia del suo agente, Robert Hunter, che è stato il primo nel 1999 e nel 2001.

Gli attacchi di Evenepoel sono logori, perché non scende dalla bici ma trova invece un ritmo di pedalata che nessuno deve trascurare gli avversari come se fosse alleato della forza di gravità. Uno, un altro, un terzo… e così il tutto, incapace di stare al passo con la velocità e la fretta, schiaccia senza perdono. Da dietro veniva, a mascella serrata, elui è ragazzino Ayuso (34 secondi dietro Rymko).; Più tardi, Mas (44) e la maglia bianca Carlos Rodriguez (46) si sono messi in discussione; Roglic, 52 anni, lo ha fatto con la faccia storta, che per ora indica che non ha le gambe per riprovare la sua quarta ghirlanda; Yates è finito alla grande (1m 3s). Evenepoel al potere; Tutto è ai suoi piedi.

READ  Bill Verdon, ex giocatore e allenatore della MLB, muore a 90

Anche se le fughe di notizie sono ancora in diretta alla Vuelta. È successo nelle tre fasi precedenti e anche in questa. Probabilmente perché non esiste una squadra forte come Jumbo Capace di imporre una cadenza militare, a malincuore liberato dal compito perché non ha Roglic come comandante, esige una mossa rapida e accelera perché ha Evenpoel. Inoltre, il livello medio del gruppo, ora che tutto è così globalizzato, è cresciuto molto e quando si apre un gap non è facile neutralizzarlo. E se a questo aggiungiamo il fatto che ci sono concorrenti di rottura che potrebbero essere coinvolti top ten Di razza, nel caso di Vine o Soler, i numeri aumentano tanto che i disertori ripaghino. In questo caso sono state cinque le fermate durante la giornata, ma niente a che vedere con l’ultima fermata, la stazione di Les Praeres, che ha richiesto quattro chilometri con una pendenza media del 12,9%, ma con tratti demoniaci del 24%. Nulla menzionato per Evenepoel.

Tuttavia, capita che non tutte le fughe di notizie siano approvate dal plotone, per non parlare di Remco. Così quando ha cercato di scappare carabaz, che stava tremando nel momento in cui la strada è in discesa, il belga è saltato per azionare i freni su di lui. Non voglio nessun groviglio. Altri l’hanno provato più tardi, tipo Marco Soller anche Jay Bene – come gli instancabili campioni di questa Vuelta – sono stati ignorati dai chilometri.

Altri dieci corridori lo hanno seguito prima di centrare il primo passaggio della giornata, l’Alto del Torno, e il gruppo, sempre con Quick-Step al comando, ha resistito all’attacco perché Arensman (DSM) era tra gli attaccanti, solo 3m e Evenepoel 18s. Ma l’olandese capì la situazione, i gesti contorti dei suoi coraggiosi compagni, lasciandosi divorare dalla fazione, e, per inciso, diede il via libera alla fuga. Così, a coronamento del secondo porto, il Mirador del Vito, la fuga era avanti di quattro minuti e mezzo. cinque al terzo colpo, Alto de la Llana; E poco più di quattro dopo il quarto, La Campa. Era chiaro che la gloria sarebbe stata contestata tra loro.

READ  I Maffes hanno confermato che Luka Doncic salterà la seconda partita contro gli Utah Jazz

Il paesaggio era inondato di belle Asturie verdi, niente più dossi, tutto ridotto a quattro chilometri, era un po’ una pendenza che era troppo. E nonostante ci abbiano provato Battistella (Astana) e Janssens (Alpecin), nessuno è riuscito a battere Mentjes. “Una delle salite più difficili che abbia mai fatto”, ha accettato il vincitore.

Anche se la ragazza era dietro. gomiti Cadaveri E quello che serviva è stato dato nei chilometri precedenti per Les Praeres. “L’approccio al porto finale è piuttosto tecnico, quindi il posizionamento sarà importante”, ha rivelato Simon Yates (BikeExchange) prima di guidare la moto, sapendo di cosa stava parlando perché l’ha conquistata gambe rotte Nel 2018, poi, la quattordicesima tappa, quella di indossare la maglia e non farla passare mai più. “Faremo tutto il possibile per garantire che Evenepoel sia in regola ai piedi dell’ultimo passaggio”, interviene Alaphilippe. E così è successo. Remko è stato il primo all’inizio del muro e nessuno è riuscito a fermarlo, surclassando tutti fino a quando non viene detto il contrario.

Puoi seguire EL PAÍS Sports su Facebook S Twitteroppure registrati qui per ricevere Bollettino settimanale.