Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il vaccino nasale russo promette di essere la prima “linea di difesa” contro il COVID-19

Il farmaco contiene il secondo componente dello Sputnik V modificato e, secondo The Aesthetic Center, sarà un integratore che hanno soprannominato la loro prima “linea di difesa” contro il COVID-19, quindi non è affatto un sostituto di un vaccino.

Russia, 27 novembre (RT). – il nuovo vaccino nasale contro Il COVID-19 Coloro che entrano in contatto con una persona infetta potranno non diventare portatori del virus, come dettagliato sabato questo sabato da Alexander Gowensburg, direttore del National Research Center in Epidemiology and Microbiology. gamelia Chi ha sviluppato il farmaco antivirale russo? Sputnik in, Informa RIA Novosti.

Cosa sono e quali sono i loro vantaggi?

Secondo Guwensburg, il vaccino è il secondo componente di Sputnik in È stato modificato per essere somministrato per via intranasale.

Secondo gli sviluppatori, l’uso di medicina del naso Non può sostituire, ma piuttosto integrare, il tradizionale vaccino intramuscolare. Quando viene inserito attraverso il naso, il farmaco funzionerà per formare anticorpi secretori che neutralizzano il virus, formando così quello che chiamano a “sterilizzazione immunitaria”.

Questo tipo di protezione consentirà lo sviluppo della “prima linea di difesa” nel naso e nella gola, che impedirà a una persona di diventare portatrice di infezione e trasmettere il virus.

“Dopo la vaccinazione iniziale con iniezioni avremo l’immunità sistemica. Dopo un’ulteriore vaccinazione attraverso il naso, verrà creata un’ulteriore barriera sotto forma di immunità nel tratto respiratorio superiore”, ha spiegato domenica scorsa il vicedirettore del Centro di ricerca estetica, Denis Logunov, citando TASS.

Le prove sono ancora in corso

Ad oggi non sono stati identificati effetti collaterali del vaccino nasale, anche se va notato che gli studi clinici sono ancora in corso.

READ  Il rispetto della democrazia è una condizione per la partecipazione al Vertice delle Americhe

in ottobre, Ministero della Salute russo Il farmaco è stato approvato per l’uso da parte di volontari nell’ambito della seconda fase degli studi clinici, che sarà completata, secondo le stime, fino a dicembre 2023, alla quale parteciperanno 500 persone. Allo stesso modo, è stato dettagliato che il vaccino potrebbe essere disponibile nei mercati internazionali nel 2022.

Tra coloro che hanno già provato il vaccino c’è il presidente russo Vladimir Putin, che ha assunto il farmaco antivirale mercoledì scorso, un giorno dopo essere stato rivaccinato contro il virus Corona con una singola dose. Sputnik Lite.

Questo contenuto è pubblicato da SINEMBARGO con l’espressa autorizzazione di RT. Vedi l’originale qui. La riproduzione è vietata.