Maggio 20, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Venezuela attua misure per contrastare l’impatto delle sanzioni sulla Russia

“Siamo pronti a contrastare l’impatto dell’effetto rimbalzo (…), a seguito di sanzioni anomale contro l’economia russa. C’è molta arroganza in Occidente. Queste sanzioni devono essere revocate, come quelle imposte al Venezuela “, ha detto il presidente durante la giornata lavorativa, che si è svolta dal Palazzo Miraflores. Cuba e Nicaragua.

Ha sottolineato che le sanzioni in corso contro la Russia mostrano che i mercati e le organizzazioni internazionali non sono indipendenti e che servono solo gli Stati Uniti.

Ha sottolineato che il concetto di sanzioni mostra che l’economia non è neutrale e che le banche internazionali, la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale “servono alla politica, all’ideologia e alla lotta di potere di coloro che governano gli Stati Uniti e l’Europa, e l’uso del dollaro per piegare le braccia del mondo”.

A questo proposito, ha affermato che le sanzioni applicate allo Stato eurasiatico, dopo l’inizio delle operazioni militari speciali sull’Ucraina, annunciate il 24 febbraio, hanno gravemente danneggiato l’economia globale e generato un’impennata inflazionistica.

Maduro ha stabilito il punto di riferimento per l’inflazione negli Stati Uniti, che ha raggiunto il livello più alto negli ultimi 40 anni, e l’inflazione in Spagna, che ha registrato il suo tasso più alto dal 1985.

Dal canto suo, il vicepresidente esecutivo, Delcy Rodriguez, ha confermato che questo piano prevede il potenziamento della produzione nazionale attraverso politiche doganali e non tariffarie.

Allo stesso modo, si lavorerà per combattere la speculazione e aumentare la produzione nei campi di legumi e olio, perché sono due dei settori che hanno il maggiore impatto sull’aumento dell’inflazione in alcuni paesi.

jha / ycv