Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Venezuela saluta la posizione del Messico sul vertice globale | Notizia

Il ministro degli Affari esteri del Venezuela, Carlos Faria, mercoledì ha ricevuto e ringraziato la posizione del presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, che chiede un vertice delle Americhe senza eccezioni e che il governo degli Stati Uniti inizi a livello dell’emisfero. Una politica che rispetta la diversità politica e la privacy e l’indipendenza dei popoli.

Leggi anche:

Il presidente Lopez Obrador esorta gli Stati Uniti a intraprendere una nuova politica nei confronti dell’America

In un messaggio trasmesso sul social network Twitter, Freya ha osservato che il presidente messicano sta mediando per un’America diversificata e inclusiva.

“Il suo appello per un vertice delle Americhe senza eccezioni risuona in America”, ha affermato il capo della diplomazia venezuelana, riferendosi ai ripetuti appelli di Lopez Obrador per il suddetto incontro per promuovere il confronto e l’amicizia tra le nazioni piuttosto che la subordinazione e l’interferenza.



Il capo di stato messicano incontrerà mercoledì gli inviati statunitensi associati all’organizzazione del vertice, che si terrà dal 6 al 10 giugno a Los Angeles, in California. Nella suddetta riunione, dovrebbe insistere per includere Cuba, Nicaragua e Venezuela tra gli invitati al vertice.

Durante la giornata, è stato rivelato che parteciperanno l’ambasciatore degli Stati Uniti in Messico Ken Salazar e il ministro degli Esteri messicano Marcelo Ebrard, mentre l’ex senatore Christopher Dodd, consigliere speciale al Summit delle Americhe presso la Casa Bianca, parteciperà tramite collegamento video.

READ  Possibile caso di sindrome dell'Avana ritarda il volo di Kamala Harris

Lopez Obrador ha riferito dell’incontro mercoledì durante la sua consueta conferenza stampa. Ha apprezzato che il rapporto degli Stati Uniti con l’America non debba essere caratterizzato in questo momento dall’egemonia e dal predominio di interventi e imposizioni, ma piuttosto da rapporti di amicizia, cooperazione e unità dei popoli.

Dopo che il presidente messicano ha respinto l’intenzione deliberata di escludere Cuba, Venezuela e Nicaragua dal vertice, la sua posizione è stata approvata dai leader di Honduras e Bolivia, rispettivamente Xiomara Castro e Luis Arce, nonché dagli Stati membri del CARICOM.