Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Vietnam celebra la riunificazione con un passo deciso verso gli obiettivi del 2022 (+ video)

Ho Chi Minh City, precedentemente Saigon, è oggi una delle città economicamente più dinamiche del Vietnam. Foto: incredibile Vietnam

A 47 anni dalla caduta di Saigon, gli indicatori sociali ed economici del Vietnam continuano a stupire il mondo, anche nelle complesse condizioni dell’epidemia.

Lo confermano le organizzazioni economiche internazionali e gli esperti citati dai media vietnamiti Il Paese, che il prossimo 30 aprile festeggerà la riunificazione della sua patria, quest’anno si avvia con successo verso la ripresa economica.

La Banca mondiale, il Fondo monetario internazionale, la Banca asiatica di sviluppo e Fitch Rating Consulting Aspettatevi una crescita economica fino al 6,5% nel 2022, adeguato alle aspettative del governo. Nel primo trimestre, questo indicatore ha mostrato un aumento inter-anno del 5,03%.

Nello stesso periodo, il Paese asiatico ha registrato un aumento del 6,4% nella produzione industriale, del 4,4% nelle vendite al dettaglio di beni di consumo e servizi e di circa il 9% nel capitale di investimento sociale.

Notevoli nella performance commerciale del paese sono stati gli aumenti rispettivamente del 12,9% e del 15,9% delle esportazioni e delle importazioni, nonché un surplus commerciale di $ 809 milioni.

L’apertura di 34.600 aziende, anche nel primo trimestre, mostra il dinamismo imprenditoriale e l’imprenditorialità che ancora esiste tra i vietnamiti in tempi di difficoltà.

Investire in opere di infrastrutture stradali è tra gli obiettivi economici del Paese quest’anno. Foto: VNA

“Questi tassi di crescita sono segnali incoraggianti e plausibili, dato l’attuale ritmo di ripresa e apertura dell’economia vietnamita”, ha affermato Lu Xuan Sang, vicedirettore dell’Istituto di economia vietnamita.

“Nel contesto dell’aumento dei prezzi degli input, in parte dovuto al conflitto russo-ucraino, questi risultati dimostrano gli sforzi del governo vietnamita e delle aziende per far avanzare l’economia nazionale”, ha aggiunto.

READ  La Bolivia ribadisce che non accetterà un patto di silenzio sul golpe

Da parte sua, Le Doi Binh, Direttore Esecutivo del Vietnam Center for Economic Research, ha ritenuto che “l’aumento del 5,03% del PIL nel primo trimestre di quest’anno indica che la nostra economia si è ripresa molto bene e che politiche proattive e proattive hanno è riuscito ad adattarsi in modo flessibile al virus Corona e alla vaccinazione”.

Secondo l’economista, “questi sono fattori che cambiano il gioco, riportano l’economia su un percorso di crescita e gettano buone basi per il prossimo anno”.

Entrambe le istituzioni vietnamite indicano che il governo, la comunità imprenditoriale e il popolo nel suo insieme dovrebbero aspirare a un tasso di crescita medio di circa il 7% nel secondo, terzo e quarto trimestre, per raggiungere l’obiettivo del 6,5% entro la fine del anno.

Il Vietnam ha sollevato 10 milioni di persone dalla povertà in un decennio. Foto: VNA

Risultati incoraggianti nella lotta alla povertà

Nell’ultimo decennio, il tasso di riduzione della povertà in Vietnam è diminuito dal 16,8% al 5%.con oltre 10 milioni di persone che superano la condizione, secondo un rapporto della Banca Mondiale.

Secondo il rapporto di valutazione dello stato di povertà e uguaglianza di genere in Vietnam nel 2022, pubblicato il 28 aprile ad Hanoi, gli indicatori mostrano che il Vietnam è sulla strada giusta, con cambiamenti significativi nell’economia e nella società.

Lo ha affermato la Banca Mondiale Il Vietnam ha raggiunto un progresso sociale ed economico senza precedenti in meno di mezzo secolo dalla fine del Guerra, con progressi in tutti i settori della popolazione. Questo è impressionante, se parliamo di quasi 100 milioni di persone.

READ  La Cina lancia il primo "treno sopraelevato" al mondo. Galleggia senza spendere energia

Il rapporto rileva che il PIL pro capite è aumentato da $ 481 nel 1986 a $ 2.655 nel 2020.

Attrarre investimenti diretti esteri è un obiettivo chiave della strategia di sviluppo nazionale del Vietnam. Foto: incredibile Vietnam

Investimenti, Obiettivo Strategico

L’attrazione di investimenti esteri resta un obiettivo essenziale della strategia di sviluppo nazionale.

Il Vietnam ha attratto oltre 10,8 miliardi di dollari di investimenti diretti esteri nel primo trimestre dell’announ calo annuo di quasi il 12%.

La riduzione è stata registrata nei nuovi progetti (56,3% in meno), dove le start-up hanno ricevuto il 92,5% in più di capitale rispetto allo stesso periodo del 2021, mentre gli acquisti di azioni sono aumentati del 74,5%.

Il capitale estero è stato principalmente collocato nell’industria di trasformazione e manifatturiera, raggiungendo $ 6,2 miliardi, pari al 57,2% del totale degli investimenti diretti esteri. Seguono investimenti immobiliari per 2,8 miliardi di dollari (26,1%). Si stima che più di 21 settori abbiano ricevuto investimenti esteri diretti durante questo periodo.

Nel frattempo, le società vietnamite hanno investito oltre 327,72 milioni di dollari all’estero da gennaio ad aprile 2022.

L’Indocina è oggi tra le principali destinazioni turistiche del mondo. Foto: incredibile Vietnam

Durante il 2021, nonostante la pandemia, gli investimenti diretti esteri nella nazione indocinese hanno raggiunto i 32 miliardi di dollari, con un aumento di quasi il 10% rispetto all’anno precedente.

Tra i 106 paesi e regioni che hanno investito in Vietnam, Singapore (10,7 miliardi di dollari, più di un terzo), seguita dalla Corea del Sud (circa 5 miliardi) e dal Giappone (circa 4 miliardi).

Concentrandosi sullo sviluppo economico insieme al progresso sociale, L’avanzata vietnamita in doi moi o rinnovamento, un processo iniziato nel 1986 volto a liberare le forze produttive, utilizzare tutto il potenziale della società per lo sviluppo nazionale e promuovere l’integrazione internazionale del Paese per sfruttare i benefici della globalizzazione.

READ  Il secondo elenco dei temi principali della Giornata di Prensa Latina

Con un’economia di mercato dinamica e adattativa orientata al socialismo, oggi il Vietnam sta intraprendendo la ristrutturazione delle istituzioni statali, nel mercato monetario e finanziario, negli investimenti pubblici, al fine di mantenere la stabilità macroeconomica, ridurre l’inflazione e aumentare la competitività.

La terra degli Anamis, come la definì José Martí nel suo famoso scritto del 1889, si è trasformata da paese estremamente povero, devastato dagli orrori della guerra, a nazione a reddito medio, una delle poche con un reale potenziale per soddisfare il Millennio Obiettivi di sviluppo. E tutto nel brevissimo periodo storico di meno di cinque decenni che ci separa dal 30 aprile 1975.

Città di Ho Chi Minh. Foto: incredibile Vietnam

Video, rapporto della Vietnam News Agency: il Vietnam è più vicino ai suoi obiettivi economici per il 2022

Guarda anche:

Cuba e Vietnam esplorano le prospettive di cooperazione e investimento nell’edilizia