Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Immagina questo in Francia o in Italia

Propongo un esercizio immaginario. Immagina di essere un cittadino francese o italiano. E vive in una zona con elementi nazionalisti o regionalisti in alcune parti di quei due paesi. Immagina, quando porti i tuoi figli in una scuola pubblica, ti informano che nella zona si parla anche un’altra lingua ufficiale. Non ti insegneranno niente in francese o in italiano. L’istruzione che riceveranno non sarà bilingue e non riceveranno lezioni in francese o italiano. E immagina che i tuoi figli non siano in grado di parlare francese o italiano nel cortile della scuola, durante la ricreazione o anche in sala da pranzo. E, per implementarlo, Nel migliore dei modi in una prigione o in un campo di concentramento, il governo regionale ha espressamente nominato uomini per controllare e rimproverare coloro che lo fanno. Gli adulti inseguono i bambini.

Immagina di essere un padre francese o italiano. Non riesco a credere a questa atmosfera parafasica dal suono distopico. Non capisce che l’uso della lingua ufficiale dello stato in cui vive viene violato in una scuola pubblica. Immagina che in quella regione ci sia una legge che almeno il 25% dell’orario di insegnamento sia in quella lingua, per ridurre le critiche di chi chiede l’uso della lingua ufficiale. Immagina se anche questa legge non fosse approvata E quello Sono le autorità nazionaliste che obbligano o inducono le scuole a non conformarsi.

Immagina di essere stufo perché le autorità scolastiche o educative non prestano attenzione alle tue lamentele sul fatto che la lingua ufficiale dell’intera nazione e una delle due lingue ufficiali della regione non sia parlata. Dai, la tua lingua non è un veicolo, è la non esistenza. Segnalalo tu. Immagina di isolare i tuoi figli e te stesso dagli insegnanti e dagli altri genitori a scuola. Nonostante tutto, immagina che tu e tanti cittadini che vogliono la stessa cosa vi condanniate.

READ  La Germania ritira la causa contro l'Italia davanti all'ICJ

Tutti i casi giudiziari sono d’accordo con loro. Nonostante le innumerevoli sentenze dei tribunali a suo favore, rimane insoddisfatta. Immagina di fare appello al governo della tua nazione per far rispettare la legge, e prima tace, poi non lo fa, e infine si inchina a pochi voti al Congresso e decide umilmente di incontrare coloro che violano quei diritti.Ma giustamente e cinicamente rafforzano il divieto di usare la lingua ufficiale di un’intera nazione con il pretesto di promuovere una lingua quando in realtà è una lingua. nelle scuole.

Immagina che ci fossero delle feste in Francia o in Italia che lo facevano da decenni. In questa corsa all’interesse personale, al denaro, al vittimismo e al controllo del governo regionale, ha deciso di ignorare la legge, la democrazia e il buon senso e di dichiarare l’indipendenza della regione.. Immaginate quei politici logicamente arrestati, processati e condannati dalla Corte Suprema di quel paese. Immagina se, contrariamente a tutte le dichiarazioni legali pertinenti, il governo li avesse graziati dopo un po’ di tempo.

“Un amico che vive in Catalogna di recente mi ha detto che lo spagnolo non è sotto assedio. Le persone sotto assedio sono quelle che vogliono usare lo spagnolo liberamente »

Immagina di vivere in Francia o in Italia, il governo francese o italiano ha una debole stabilità parlamentare e dipende da partiti nelle loro regioni o territori che sono contrari all’unità nazionale, alla sovranità nazionale e alla costituzione. Immagina che facciano costantemente il prepotente con il governo centrale per ottenere concessioni sul resto del paese Oppure i loro atteggiamenti pro-libertà danneggiano i milioni di cittadini di quelle regioni che condividono con noi queste opinioni. Immagina che il partito al governo non solo lo accetti in modo umiliante, ma cerchi di convincere tutti che è più progressista e democratico e accusa tutti i critici di essere fascista o di estrema destra.

READ  Mamba mood, il segreto della Serie Avell Milan in Italia

Immaginiamo che il diritto e lo stato di diritto da soli garantiscano e riconoscano i diritti dei cittadini in quel territorio che non è favorevole all’indipendenza, anche se molto lentamente. Immagina che questo governo centrale sia disposto a rinunciare anche a quei diritti fondamentali per rimanere al potere. E con la formula “non rende giustizia alla politica”, quello che fa è dare le sue responsabilità a tutti i cittadini.

Immagina di avere all’improvviso l’ufficio del procuratore di stato e l’ufficio del procuratore di stato dipendenti dal governo federale. Abbandonano le cose su cui dovrebbero vigilare per proteggere la legge ei diritti di tutti i cittadini. Immaginate che la pressione politica e sociale sulla legge e sui giudici e magistrati che sostengono quello stato di diritto sia sempre più severa e soffocante e richieda il trasferimento di molti in altre parti del Paese o la mancanza di candidati per coprire i posti vacanti.

Immaginate se parlassimo di Francia e Italia di questa dittatura linguistica in atto in quelle regioni. Molti cittadini di altre parti del paese non vogliono vivere in quelle zone I cittadini non sono liberi di istruire i propri figli nella lingua ufficiale del proprio paese. Oppure non possono far parlare la loro lingua alle amministrazioni locali o etichettare le loro aziende oi loro prodotti solo nella loro lingua.

Immagina se fosse successo in Francia o in Italia. Non puoi immaginare, vero? Normale. Non in nessun altro paese del mondo. Bravo in tutto, no.

Ora immagina che sia in Spagna. Immagina in fretta, perché di questo passo non sarà nemmeno la Spagna. Un amico che vive in Catalogna di recente mi ha detto che non c’è stato un blocco spagnolo in Catalogna, nelle Isole Baleari o nella comunità valenciana. Gli assediati sono persone che vogliono usare lo spagnolo liberamente. Non é la stessa cosa.

READ  ¿Qué es la flat tax que propone la derecha en Italia?

In realtà, non è la stessa cosa. Questo è l’inizio di qualcosa di brutto.