Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Italia alla ricerca di investitori dopo l’accordo con il FMI | L’Ambasciatore Carles ha tenuto a Roma un seminario sulle nuove opportunità per l’economia argentina.

Da Roma

L’accordo dell’Argentina con il FMI crea forti aspettative di investimento. I partecipanti al seminario su “Riconsiderazione del debito e nuove opportunità per riavviare l’economia argentina” sono giunti a questa conclusione. Incontro ospitato dall’ambasciatore argentino in Italia Roberto Carles e dal Centro di studi di politica internazionale (CESP), guidato da Daniel Frigary.

L’incontro si è svolto online, oltre a Carlos e Frigeri, il governatore di Santa Fe, Omar Perotti, il deputato italiano dei Democratici, il capo della divisione promozione investimenti dell’ambasciata argentina, Leandro Salinardi, Piero Fasino. , Partecipato. E Claudio Cordellis, economista che lavora per l’IDB da molti anni.

Carles ha ringraziato l’Italia per il suo sostegno nei colloqui con il Fmi, ricordando che il prestito rientrava in una crisi economica da parte del governo di Mauricio Macri. “Il prestito non ha altro scopo che quello di consentire il più grande capitale mai registrato nella storia dell’Argentina”, ha affermato l’ambasciatore. Ha inoltre chiarito che il governo di Alberto Fernandez è concentrato sull’integrazione come “produttore sostenibile di cibo ed energia”. Penso che questa sia la risposta alla domanda che molti si chiedono cosa accadrà dopo l’accordo con il Fmi”, ha affermato Carles.

Il governatore Borotti, da parte sua, ha sottolineato che “questo è un buon momento per creare un nuovo look in Argentina” da altri paesi come l’Italia perché il paese ha opzioni per creare nuovi collegamenti nel settore alimentare. Minerali come energia e litio.

Intanto Piero Fazino, presidente della Commissione Esteri della Camera dei Deputati italiana e rappresentante del Partito Democratico, ha affermato che i rapporti con l’Argentina sono “sempre importanti per l’Italia” e che il nuovo accordo monetario darebbe ora stabilità e sicurezza finanziaria. , Fazino ha concluso che l’Argentina è diventata un “terreno favorevole per lo sviluppo di nuove relazioni bilaterali” e un’opportunità per riavviare l’economia italiana.

READ  La designer Emma Whitema e il suo viaggio da sogno attraverso l'Italia - People

Secondo il suo metodo, Cortellis ha fatto un’analisi dettagliata delle piccole e medie imprese “centrate nel settore manifatturiero” in Argentina, che sarebbe senza dubbio utile ai potenziali investitori. Il 70% dell’export argentino proviene dal settore primario – ha spiegato – e il 90% delle imprese argentine sono di piccole e medie dimensioni. Queste aziende rappresentano il 50% dei salari, il 46% del PIL e il 16% delle esportazioni. Le piccole imprese gestiscono soprattutto il settore dei servizi, i prodotti di bassa qualità, il commercio e il turismo, le medie imprese il settore delle costruzioni e delle comunicazioni. Un altro fatto importante è che il 50% di queste società si trova nella città e provincia di Buenos Aires. Il resto è distribuito a livello nazionale, soprattutto a Santa Fe e Cர்டrdoba.

“Ci auguriamo che le aziende italiane inizino a investire in Argentina”, ha concluso l’incontro il direttore del Cesby Daniel Frigary con questa frase.