Maggio 19, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In una foto sorprendente, il telescopio Hubble celebra il suo 34° anniversario in orbita

In una foto sorprendente, il telescopio Hubble celebra il suo 34° anniversario in orbita

Lui Il 24 aprile il telescopio spaziale Hubble della NASA e dell'ESA compirà 34 anni. Festeggia catturando la magnifica Nebulosa Piccolo Manubrio, situata a 3.400 anni luce di distanza nella costellazione del Perseo.

Dal suo lancio nel 1990, il telescopio ha effettuato 1,6 milioni di osservazioni di oltre 53.000 oggetti astronomici. Ad oggi, l'Archivio Mikulski dei telescopi spaziali dello Space Telescope Science Institute contiene 184 terabyte di dati elaborati pronti per essere utilizzati dagli astronomi di tutto il mondo nella ricerca e nell'analisi. Dal 1990 sono stati pubblicati 44.000 articoli scientifici basati sulle osservazioni di Hubble.

La maggior parte delle sue scoperte non erano previste prima del lancio, come i buchi neri supermassicci, le atmosfere esoplanetarie, la lente gravitazionale della materia oscura, l'esistenza dell'energia oscura e la frequente formazione di pianeti interstellari.

Ora, Hubble cattura una nebulosa conosciuta come Messier 76, M76 o NGC 650/651.Classificata come nebulosa planetaria, è un guscio in espansione di gas luminosi espulsi da una stella gigante rossa morente. La stella alla fine collassa e diventa una nana bianca calda e super densa.

Le nebulose planetarie non hanno nulla a che fare con i pianetima ha questo nome perché gli astronomi del XVIII secolo, utilizzando telescopi a bassa potenza, pensavano che questo tipo di oggetto assomigliasse a un pianeta.

L'M76 è costituito da un anello, visto dal bordo come struttura della fascia centrale, e due lobi in ciascuna fessura dell'anello. Prima che la stella bruci, espelle un anello di gas e polvere.

L'anello è stato probabilmente scolpito dagli effetti di una stella che in precedenza era accompagnata da una stella binaria. Questo materiale spostato ha creato uno spesso disco di polvere e gas lungo il piano dell'orbita del suo compagno. L'ipotetica stella compagna non è visibile nell'immagine di Hubble, quindi potrebbe successivamente essere inghiottita dalla stella centrale. Il disco sarebbe una prova forense di cannibalismo astrale.

READ  Fuoco libero | Codici di oggi, domenica 28 aprile 2024: premi gratuiti

Potrebbe interessarti: L'origine della frase “Houston, abbiamo un problema” dell'Apollo 13: una frase che quasi finì in tragedia

La stella primaria collassa per formare una nana bianca. È uno dei resti stellari più caldi conosciuti, con una temperatura torrida di 138.000 gradi Celsius, 24 volte la temperatura superficiale del nostro Sole. La nana bianca sfrecciante può essere vista come un punto al centro della nebulosa. La stella visibile nella proiezione sottostante non fa parte della nebulosa.

Due lobi di gas caldo, intrappolati nel disco, fuoriescono dall'alto e dal basso della “cintura”, lungo l'asse di rotazione della stella perpendicolare al disco. Sono spinti da un flusso di materiale simile a un tornado proveniente dalla stella morente, che sfreccia attraverso lo spazio a tre milioni di chilometri all'ora. Questo è abbastanza veloce da viaggiare dalla Terra alla Luna in poco più di sette minuti.

Questi abbondanti “venti stellari” si scontrano con il gas più freddo e lento che è stato espulso in precedenza nella vita della stella, quando era una gigante rossa. L'intensa radiazione ultravioletta della stella surriscaldata fa brillare i gas. Il colore rosso deriva dall'azoto e il blu dall'ossigeno.

Poiché il nostro sistema solare ha 4,6 miliardi di anni, l’intera nebulosa è un salto nel tempo cosmico. Scomparirà tra circa 15.000 anni.