Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

India e Cina si incolpano a vicenda per il crollo dei colloqui sui confini

Di Devgiot Ghoshal e Gabriel Crossley

il nuovocibo delizioso/Pechino11 ottobre – Lunedì India e Cina si sono accusate a vicenda per i colloqui in stallo tra i loro leader militari per risolvere il lungo stallo lungo la contesa frontiera himalayana, data l’impossibilità di progressi.

Migliaia di soldati indiani e cinesi hanno combattuto nella regione indiana del Ladakh dallo scorso anno, anche se i due eserciti hanno tenuto più di una dozzina di colloqui per disinnescare la situazione.

Il ministero della Difesa indiano ha dichiarato in una dichiarazione che i leader cinesi e indiani si sono incontrati per la tredicesima volta domenica, quando i leader indiani hanno sottolineato che lo stallo è scoppiato a causa di “tentativi unilaterali da parte cinese di cambiare lo status quo”.

“Durante l’incontro, la parte indiana ha quindi avanzato suggerimenti costruttivi per risolvere le aree rimanenti, ma la parte cinese non è stata d’accordo e non ha potuto avanzare proposte per il futuro”, ha affermato il ministero indiano, aggiungendo che l’incontro non ha portato a un decisione. conflitto.

A febbraio, le due parti hanno concordato di ritirare le truppe da alcune aree intorno a Pangong Tso, un lago glaciale di 4.270 metri, dopo lunghi negoziati tra leader militari e diplomatici di entrambe le parti.

“La parte indiana ha continuato a insistere su richieste irragionevoli e irrealistiche, che hanno reso difficili i negoziati”, ha affermato Long Shaohua, portavoce del Comando occidentale dell’Esercito di liberazione popolare.

Long ha affermato di sperare che l’India non “giudichi male la situazione” e collabori con la Cina per mantenere la pace nella regione.

Il dispiegamento delle forze dei due Paesi della regione è stato rafforzato dopo gli scontri del giugno 2020, quando 20 soldati indiani sono stati uccisi in uno scontro con sbarre di ferro e pietre nella Jalwan Valley, nella provincia del Ladakh.

READ  Le principali figure che hanno negato che Trump abbia ora fatto un passo indietro per darle voce

La Cina ha anche subito un numero imprecisato di vittime, che è stata la prima perdita mortale in combattimento per entrambi i paesi al confine in 45 anni.

Tuttavia, le truppe rimangono vicine in altre parti del Ladakh, un deserto innevato e arido che si estende lungo parte dei 3.500 km del confine condiviso tra i due stati nucleari.

India e Cina, che hanno combattuto una guerra di confine nel 1962, rivendicano entrambi territori che si sovrappongono in vaste aree lungo i loro confini.