Gennaio 19, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Indice dei prezzi al consumo: l’affitto nelle grandi città aumenta di oltre 500 euro all’anno a causa dell’elevato CPI | Economia

Il rialzo dell’indice dei prezzi al consumo (IPC), che ha già toccato due mesi consecutivi con anticipi annuali che non si vedevano dal 1992, trova una delle sue maggiori iterazioni nei contratti di locazione abitativa che aggiornano il canone da pagare in base all’indice pubblicato mensilmente dal Istituto Nazionale di Statistica. Secondo i dati forniti ieri dall’Istituto Nazionale di Statistica, a novembre, il CPI sarà aumentato del 5,6% su base annua, una percentuale che indica che i contratti medi nei grandi mercati residenziali in Spagna potrebbero diventare più costosi di oltre 40 euro al mese, che rappresenta un aumento di circa 500 euro all’anno.

Secondo i dati preliminari forniti da Idealista, che stilano i prezzi medi delle offerte di mercato nell’undicesimo mese del 2020, i ricavi dei contratti firmati un anno fa a Madrid e Barcellona e ora aggiornati aumenteranno di circa 47 euro ciascuno. Mese. Nello specifico, l’affitto medio per un appartamento di 55 mq passerà da 845 a 892 euro al mese nella capitale, mentre a Barcellona passerà da 839 a 886 euro al mese.

Gli importi effettivi possono variare leggermente quando Idealista calcola le tariffe chiuse in base agli affitti medi ammortizzati nel 10° mese del 2020, non ai prezzi di vendita, attualmente disponibili. Fino ad allora, un’analisi manuale ci permette di vedere come tutti i capoluoghi di provincia diventino più cari tra 47 euro al mese a Madrid e Barcellona e 15 euro al mese in città come Zamora, la più economica di tutte.

Nel mezzo, altri mercati molto richiesti come Bilbao, Palma di Maiorca, Las Palmas de Gran Canaria, Siviglia o Málaga aumentano i loro prezzi tra 31 e 35 € al mese, che arriva fino a 372-420 € al mese. anno.

READ  Il prezzo di Polkadot (DOT) aumenta del 100% e i dati sui derivati ​​suggeriscono che potrebbe continuare il rally di CoinTelegraph

Aggiornare il reddito da locazione all’indice dei prezzi al consumo è la probabilità che i locatori avranno per la durata del contratto tra le parti, fino a cinque anni se il proprietario è una persona fisica e sette anni se il proprietario ha una persona giuridica. Tuttavia, a causa della stabilità del CPI negli ultimi anni, dove sono state osservate variazioni negative, questi aggiornamenti sono stati tradizionalmente aneddotici o addirittura inesistenti.

Tuttavia, nel bel mezzo di un aumento del CPI, va ricordato che non tutti gli affitti funzionano secondo lo stesso schema. Generalmente, nei contratti stipulati prima del 31 marzo 2015, il locatore ha il diritto per legge di aggiornare i canoni in base all’aumento dei prezzi una volta trascorso l’anno dalla firma tra locatore e conduttore. Dal canto loro, i locatori che hanno rescisso il contratto da aprile 2015 potranno aumentare l’affitto se ciò si riflette nel documento firmato dall’inquilino.

In entrambi i casi, poiché la stragrande maggioranza degli affitti residenziali in Spagna tende a funzionare, il proprietario è obbligato a notificare formalmente all’inquilino l’aumento.