Ottobre 26, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Indignazione dei popoli indigeni di Panama

13 ottobre 2021, 14:24Panama, 13 ottobre (Prensa Latina) Il Coordinatore Nazionale dei Popoli Indigeni di Panama (Coonapip) ha confermato che queste comunità sono discriminate contro le loro terre e risorse, secondo una dichiarazione diffusa oggi sui social network.

Secondo l’organizzazione, nonostante l’esistenza di accordi internazionali come la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione razziale e la Dichiarazione delle Nazioni Unite sui diritti dei popoli indigeni (2007), questa popolazione è stata sterminata per più di 529 anni.

Ad Appia Yala (America), continuano le uccisioni, le sparizioni fisiche e la persecuzione dei leader indigeni per difendere le loro terre, territori e risorse, afferma il testo.

“I governi insistono sulle pratiche coloniali per far rispettare mega-progetti e programmi come l’estrazione mineraria, l’energia idroelettrica e gli idrocarburi in nome dello sviluppo e dell’interesse comune, che vengono attuati senza il rispetto di un consenso libero, preventivo e informato”, afferma.

“Esortiamo tutti gli indigeni di Apia Yala a dichiararsi in lutto ea ricordare il 12 ottobre come il giorno della resistenza indigena in tutto il mondo”, afferma.

Invita inoltre il governo panamense a firmare la Convenzione n. 169 dell’Organizzazione internazionale del lavoro, che prevede leggi che consentano l’effettiva attuazione della Dichiarazione universale dei diritti dei popoli indigeni, l’eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale e la tutela dei luoghi sacri.

Chiedono anche la designazione di terre comunali, la demarcazione e la pulizia delle terre indigene, l’inclusione delle donne nell’equità e la presa in considerazione della voce degli anziani, dei giovani e dei bambini per garantire il pieno sviluppo nel quadro della loro visione del mondo .

Il Coonapip riunisce i sette popoli indigeni (Ngäbe, Buglé, Guna, Emberá, Wounaan, Bri bri e Naso Tjërdi), 12 congressi e consigli situati a livello nazionale a Panama, dove il 12% della popolazione totale è indigena.

READ  Costa Rica, aumento casi e ricoveri per Covid-19 - Prensa Latina

jha / npg