Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Individuano 195 migranti stipati in un hotel in Messico

Come ha osservato in un comunicato l’Istituto Nazionale delle Migrazioni (INM), 195 migranti, per lo più provenienti dall’America Centrale e minori compresi, si trovavano ad Apodaca, cittadina alla periferia di Monterrey, “sovraffollata, senza cibo né acqua, nelle camere d’albergo .”

ottanta honduregni; 38 da El Salvador; 36 dal Guatemala; 36 dal Nicaragua; Uno da Cuba, uno dal Perù e tre dalla Repubblica Dominicana.

I migranti, smascherati dalla procura, sono stati posti sotto la custodia dell’Istituto nazionale per le migrazioni, che di solito li trattiene in questo tipo di casi nei centri di immigrazione o li rimanda nei paesi di origine.

Nelle ultime settimane, le misure per trattenere i migranti che attraversano il Messico irregolarmente sono state accompagnate da offerte di insediamento proposte dall’Istituto Nazionale delle Migrazioni per i membri di una carovana che da quasi un mese attraversa il Messico meridionale e al suo apice ha raccolto circa 4.000 persone .

Dopo aver percorso quasi 500 chilometri, da quando hanno lasciato Tapachula il 23 ottobre, all’incirca al confine con il Guatemala, sono appena un migliaio le persone che hanno trascorso il mercoledì sera in una comunità del comune di Jesus Carranza, nello stato di Veracruz. Il resto si staccherebbe dal gruppo o acconsentirebbe alla proposta del governo.

“Mi fiderò di loro, non voglio continuare a camminare, non posso, quello che voglio è il lavoro, e se è vero, ne approfitterò”, ha detto l’honduregno Jose Luis Rodriguez. , che era sicuro che avrebbe ottenuto i documenti e trovato un lavoro a Monterey, dove i suoi amici gli avevano detto che avevano bisogno di manodopera.

Per tutto il mercoledì, mentre alcuni gruppi hanno viaggiato su piattaforme di camion per muoversi più velocemente e altri hanno continuato a camminare, una cinquantina di migranti ha fatto lo stesso di Rodriguez. Secondo l’istituto, più di 1.500 hanno approvato la proposta, che i membri dell’istituto ripetono per loro ad ogni tappa del percorso.

READ  Il governo degli Stati Uniti eliminerà la politica sull'immigrazione per rimanere in Messico

“Non li rimanderemo a Tapachula”, ha confermato dal vicino stato di Oaxaca Héctor Martinez Castoeira, un funzionario del Movimento nazionale iracheno che stava negoziando con i membri del convoglio. “A nome del governo federale, ripetiamo quanto affermato dall’Istituto nazionale per le migrazioni: in primo luogo, organizzare tutte le donne incinte con il nucleo familiare; i minori con il loro nucleo familiare; le persone in stato vulnerabile e il loro nucleo familiare; i disabili e i anziani con il loro nucleo familiare”.

Tuttavia, la sfiducia persiste perché il Movimento Nazionale delle Migrazioni ha affermato che per beneficiare di questa proposta, gli immigrati devono essere trasferiti in altri paesi del paese.

L’honduregna Ingrid Linares, che si identifica come una “donna transgender”, ha denunciato che quando è arrivata ad accettare l’offerta ufficiale, è stata ridicolizzata per la sua affiliazione LGBT, cosa che l’agente dell’immigrazione ha ammesso davanti alle telecamere della stampa mentre gli chiedeva di scusarsi e detto che ti sbagliavi.

Il convoglio, che è avanzato molto lentamente e sotto l’occhio vigile delle forze di sicurezza con cui sono scoppiati scontri solo in due occasioni, prevede di proseguire la marcia verso nord.

Nel frattempo, a Tapachula, alcuni immigrati si stavano preparando alle voci secondo cui un nuovo gruppo potrebbe iniziare a marciare giovedì, esattamente quando il presidente Andres Manuel Lopez Obrador dovrebbe incontrare Joe Biden alla Casa Bianca per discutere, tra gli altri argomenti, di immigrazione. All’incontro di Washington parteciperà anche il Primo Ministro del Canada, Justin Trudeau.

Il governo del Messico ha scelto di contenere i flussi migratori dalla precedente amministrazione statunitense guidata da Donald Trump, quando Lopez Obrador ha schierato migliaia di membri del personale della Guardia Nazionale. Il presidente spera ora di avanzare proposte concrete per investire nello sviluppo dei Paesi di origine, anche se il disaccordo continua. Da gennaio a ottobre di quest’anno, le autorità hanno arrestato più di 190.000 migranti, più che in tutto il 2019.

READ  L'UE chiede una nuova legislazione nello scandalo Pandora's Papers - Prensa Latina