Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Inflazione, agonia globale

Di Tony Diaz Diaz

Scrive giornalista in economia

Già a gennaio, il Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti ha riferito che l’inflazione generale a dicembre 2021 è aumentata del 7% su base annua – un numero che non si vedeva dal 1982 – un livello record dalla metà di quell’anno ea novembre ha raggiunto il 6,8%.

L’aumento dei prezzi è continuato e nel giugno di quest’anno il Paese settentrionale – considerato la prima economia mondiale – ha raggiunto un record del 9,1 per cento rispetto all’8,6 di maggio, il livello più alto dal 1981.

In Europa la situazione non è migliore, secondo i dati dell’Istituto statistico comunitario (Eurostat); L’inflazione nei 19 paesi che condividono l’euro è aumentata dell’8,6 per cento nel sesto mese dell’anno, il numero più alto da quando l’entità ha analizzato i dati.

Eurostat osserva che i prezzi a giugno sono aumentati del 41,9% su base annua, spinti dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari. Lettonia (19), Slovacchia (12,5), Grecia (12), Slovenia (10,8), Belgio (10,5), Lussemburgo (10,3) e Spagna hanno stabilito i record più alti con il 10,0 per cento.

D’altra parte, la Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC) ha indicato che i prezzi nella regione scenderanno dal 6,6 per cento nel 2021 all’8,1 nel 2022, con il conseguente aumento della povertà al 33,7 per cento del n. 29,8 nel 2018 .

Per i paesi del continente africano la situazione è più grave, secondo i dati del Fondo Monetario Internazionale, e si stima che l’inflazione in Sudan raggiunga il 245,1 per cento, con livelli molto alti in Zimbabwe (86,7), Etiopia (34,5) e Angola. (23,9), mentre altri otto paesi superano il 10 per cento.

READ  Il consiglio politico dell'ALBA si riunisce domani a New York

Di fronte a questo scenario complesso, le banche centrali di molti paesi hanno adottato la misura del rialzo dei tassi di interesse per controllare i prezzi, ma si parla poco delle implicazioni non solo per le economie più deboli, ma anche per quelle più vulnerabili.

Cosa significa tassi di interesse più alti?

A marzo, la Federal Reserve (FED) statunitense ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse e nei suoi ultimi tre incontri ha continuato quella politica -0,25 (marzo), 0,50 (maggio) e 0,75 (giugno) – pur non riuscendo a fermare l’accelerazione dell’inflazione che colpisce sul paese.

Quando i tassi di interesse salgono sul dollaro – la valuta dominante nell’economia mondiale – si ha un impatto diretto sul debito e sugli oneri finanziari, sull’acquisto di prodotti in quella valuta, accompagnato da una fuga di capitali dai paesi con economie deboli.

Ma potrebbe anche rallentare la spesa dei consumatori e l’occupazione, poiché la politica dei tassi di interesse bassi a lungo termine della Fed alimenta l’economia e i mercati finanziari statunitensi, portando alcuni esperti a ritenere possibile un’altra recessione.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, altre 74 banche centrali hanno adottato una misura simile per aumentare i tassi di interesse, le più importanti delle quali sono quelle di Regno Unito, Norvegia, Danimarca e Giappone.

A questo proposito, l’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale, Kristalina Georgieva, ha avvertito di una “crisi del debito in corso”, poiché l’aumento dei tassi di interesse aggiunge pressione sui paesi fortemente indebitati.

Peggio ancora, questa linea sarà presto affiancata dalla Banca Centrale Europea – altri 19 paesi – che finora ha mantenuto bassi i tassi di interesse, ma ha già annunciato il suo primo aumento a luglio a luglio.

READ  Dichiarazione congiunta dei Presidenti di Cuba e del Messico | Notizia

È uno scenario complesso a cui si aggiungono molteplici crisi globali e la Russia è stata classificata come il principale colpevole dei problemi che affliggono il mondo da anni.

Dopo l’operazione militare avviata dallo stato eurasiatico, il 24 febbraio un torrente di sanzioni economiche è caduto su Mosca, incoraggiato dagli Stati Uniti e sostenuto da Unione Europea, Regno Unito, Giappone e altri paesi.

Tra le misure coercitive ci sono quelle relative all’amministrazione del dollaro, alla separazione del sistema finanziario Swift, all’uso dello spazio aereo, nonché altre misure che prendono di mira i mercati energetici e limitano le importazioni di petrolio, gas e carbone dalla Russia.

Oltre al congelamento dei beni della Banca centrale russa e all’imposizione di restrizioni all’esportazione, le sanzioni nel loro complesso hanno superato le quattromila voci.

perdita di memoria

Oggi, pochi paesi incolpano Mosca per l’incombente crisi alimentare ed energetica globale, ma dimentica come la pandemia di Covid-19 abbia avuto un impatto diseguale sull’arena sociale ed economica internazionale.

Il mondo, che non si è ancora ripreso dalla crisi del 2008 e continua ad essere segnato da disuguaglianze e polarizzazioni, sta assistendo al rafforzamento e all’aumento delle disuguaglianze esistenti.

Il deterioramento sociale ed economico globale è stato esacerbato dalla crisi causata dall’epidemia e dalle misure adottate per fronteggiare il virus, come la quarantena, il forte calo dei trasporti, il crollo delle catene del valore e, in generale, gli effetti sulla produzione. di beni e servizi.

Da allora è proseguito il costante aumento dei tassi di inflazione, con forti rialzi dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari; Ma questo è stato dimenticato.

erba / td

READ  La bassa affluenza alle urne segna il secondo turno elettorale del Costa Rica