sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Inquinamento da ozono ed eventi cardiovascolari – Medical News

La prima prova che il superamento del limite di ozono dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è legato a un aumento significativo dei ricoveri ospedalieri per infarti, insufficienza cardiaca e ictus è stata pubblicata oggi su Giornale europeo del cuoreGiornale della Società Europea di Cardiologia (ESC). Anche i livelli di ozono al di sotto del limite dell’OMS sono stati collegati a cattive condizioni di salute.

“Durante questo studio triennale, l’ozono è stato responsabile di una percentuale crescente di ricoveri per malattie cardiovascolari con il passare del tempo”, ha affermato l’autore dello studio Shaoyi Wu dell’Università di Xi’an Jiaotong, in Cina. “Si ritiene che il cambiamento climatico, creando condizioni atmosferiche favorevoli alla formazione di ozono, continui ad aumentare le concentrazioni in molte parti del mondo. I nostri risultati indicano che gli anziani sono particolarmente vulnerabili agli effetti cardiovascolari avversi dell’ozono, il che significa che l’inquinamento da ozono ha peggiorato con il cambiamento climatico e aumentato L’invecchiamento della popolazione mondiale può portare a un maggior rischio di malattie cardiovascolari in futuro.

L’ozono è un gas e il principale inquinante atmosferico nello smog fotochimico. L’inquinamento da ozono differisce dallo strato di ozono, che assorbe la maggior parte dei raggi ultravioletti del sole. L’inquinamento da ozono si forma quando altri inquinanti reagiscono in presenza della luce solare. Questi altri inquinanti sono composti organici volatili e ossidi di azoto emessi da autoveicoli, centrali elettriche, caldaie industriali, raffinerie, impianti chimici e impianti che bruciano biomasse e combustibili fossili. Precedenti studi hanno indicato che l’inquinamento da ozono danneggia il cuore e i vasi sanguigni, ma ci sono prove limitate e inconcludenti del suo effetto sul rischio di malattie cardiovascolari.

READ  La Corte Suprema del Brasile inizia il processo che definisce i futuri popoli indigeni

Questo studio ha esaminato la relazione tra inquinamento ambientale da ozono e ricoveri ospedalieri per malattie cardiovascolari. I dati sui ricoveri ospedalieri giornalieri per malattie cardiovascolari durante il periodo 2015-2017 in 70 città della Cina sono stati raccolti dai due principali sistemi di assicurazione sanitaria nazionale. Durante il periodo di studio, i due database coprivano quasi 258 milioni di persone in 70 città, pari a oltre il 18% della popolazione cinese. I tipi di malattie cardiovascolari includono malattia coronarica, ictus e insufficienza cardiaca, nonché sottotipi come angina pectoris, infarto miocardico acuto, sindrome coronarica acuta, ictus e ictus emorragico.

Le concentrazioni massime medie su otto ore di ozono, particolato fine (PM2,5), particolato respirabile (PM10), anidride solforosa, biossido di azoto e monossido di carbonio per ciascuna città sono state ottenute dalla Piattaforma nazionale di pubblicazione in tempo reale. Qualità dell’aria urbana in Cina.

Durante il periodo di studio, ci sono stati 6.444.441 ricoveri per malattie cardiovascolari in 70 città e la concentrazione media giornaliera massima di ozono per otto ore è stata di 79,2 μg/m³. L’esposizione all’ozono ambientale è stata associata a un aumento dei ricoveri per tutte le malattie cardiovascolari studiate ad eccezione dell’ictus emorragico, indipendentemente da altri inquinanti atmosferici. Ad esempio, ogni aumento di 10 μg/m3 nella concentrazione media di picco di ozono in 8 ore è stato associato a un aumento dello 0,40% dei ricoveri per ictus e dello 0,75% per infarto cardiaco acuto.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles