giovedì, Giugno 13, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Internet ha accelerato i crolli bancari, che una volta erano lenti

NEW YORK (AP) – Una serie di prelievi di depositi bancari evoca le immagini del film del 1946 “La vita è meravigliosa”, mentre i clienti sconvolti si radunano spalla a spalla, implorando disperatamente George Bailey – interpretato da James Stewart – di restituire loro i loro soldi .

La chiusura della banca della Silicon Valley della scorsa settimana ha mostrato un panico simile, ma pochissime somiglianze. Invece, vivi il dolore su Twitter, bacheche, telefoni cellulari e siti bancari.

Ciò che ha reso unico il crollo della banca della Silicon Valley rispetto alle precedenti chiusure fallimentari delle grandi banche è stata la velocità con cui è crollato.

Lo scorso mercoledì pomeriggio, la banca ha annunciato un piano per raccogliere nuovo capitale, ma venerdì mattina la banca da 200 miliardi di dollari era insolvente e sotto il controllo del governo.

Le autorità di regolamentazione, i legislatori e i banchieri stanno esaminando il ruolo che i messaggi di testo e i social media potrebbero aver giocato nel crollo e se le banche sono entrate in un’era in cui il comportamento psicologico è dietro la fuga precipitosa dei depositanti nelle banche: enormi prelievi causati dai depositanti che temono di perdere i propri risparmi. – può gonfiarsi e diffondersi più rapidamente di quanto i banchieri e le autorità di regolamentazione possano gestire correttamente.

“È stata più una corsa agli sportelli che uno sprint per la banca, e i social media hanno svolto un ruolo centrale in questo”, afferma Michael Emmermann, professore alla Paul Mirage School of Business della UC Irvine.

La FDIC stima che i clienti abbiano ritirato 40 miliardi di dollari – un quinto dei depositi bancari della Silicon Valley – in poche ore, spingendo l’agenzia a chiudere la banca entro le 12:00 ET, piuttosto che aspettare fino alla chiusura dell’attività, che è la normale procedura operativa per regolatori quando la banca esaurisce i soldi.

Alcuni altri famosi crolli bancari – o chiusure fallimentari – come quelli di IndyMac o Washington Mutual nel 2008, o Continental Illinois negli anni ’80, sono avvenuti dopo giorni o settimane di segnalazioni secondo cui quelle banche erano in gravi difficoltà finanziarie. Poi è seguita una corsa agli sportelli e l’intervento dei regolatori.

Il panico dei depositanti associato alla banca della Silicon Valley è stato, per molti versi, il primo nell’era digitale. Pochi correntisti in fila alle filiali. Invece, hanno utilizzato app bancarie e telefonate per accedere ai loro soldi in pochi minuti. Venture capitalist e imprenditori hanno descritto le prime fasi della gestione di una banca della Silicon Valley come guidate da bacheche private o canali Slack, dove gli imprenditori erano incoraggiati a ritirare i propri fondi.

READ  Perdais difenderà il suo dominio nel circuito scacchistico catalano

La Silicon Valley Bank era anche unica in quanto era esposta quasi interamente a una comunità: l’industria tecnologica, il capitale di rischio e le startup. Quando questa comunità affiatata di depositanti si parlasse, utilizzando i canali digitali per farlo rapidamente, la banca diventerebbe probabilmente più vulnerabile alle voci e alle fughe precipitose dei depositanti. Questo era un rischio derivante dalla crescita dei social media, affermano gli esperti del settore.

Sam Altman, CEO di Open AI, ha twittato: “La velocità del mondo è cambiata. Le cose possono muoversi velocemente. Le persone parlano velocemente. Le persone spostano denaro velocemente.”

Sebbene i prelievi possano essere inizialmente avvenuti in modo ordinato, sono diventati universali giovedì sera, dopo che su Twitter è arrivata la notizia che il miliardario venture capitalist Peter Thiel aveva consigliato alle società in cui aveva investito di chiudere i loro conti nella Silicon Valley Bank. .

“Se non stai consigliando alle tue aziende di prelevare denaro, non stai facendo il tuo lavoro come membro del consiglio o azionista. La vita quotidiana nelle startup è abbastanza rischiosa, non giocare con la tua ancora di salvezza…” Mark Tlszeks, CEO di Mangrove ha twittato, è una società di venture capital con sede in Europa, venerdì mattina.

Per David Murray, l’avvertimento sulla prima rissa della banca nell’era dei social media è arrivato in un’e-mail di una frase.

È il co-fondatore di Confirm.com, una società di gestione delle prestazioni dei dipendenti a San Francisco con conti multimilionari presso la Silicon Valley Bank.

Murray ha ricevuto una breve e-mail giovedì mattina in cui diceva che c’era una banca lì e consigliava a tutti di ritirare immediatamente i propri soldi. L’e-mail proveniva da un investitore di cui Murray ha sentito parlare così di rado che il co-fondatore si chiedeva se si trattasse di un tentativo di phishing o di qualche altra truffa.

READ  I sette comandamenti delle startup per superare la crisi, secondo gli esperti

Dopo aver controllato la posta elettronica e aver visto il forte calo del prezzo delle azioni della società madre della banca, SVB Financial, Murray ei suoi colleghi si sono precipitati a prelevare denaro dalla società. Invece di dirigersi verso la filiale, hanno rapidamente aperto una pagina web ed effettuato l’accesso. Ci sono voluti alcuni tentativi, ma alla fine hanno trasferito ogni centesimo su un conto bancario diverso entro mezz’ora.

Murray ha assistito in tempo reale a come la paura stava crescendo tra le altre startup.

“Abbiamo una rete fidata di fondatori” di startup che comunicano tra loro attraverso Slack, spiega Murray. Questi gruppi di chat sono generalmente morti. Ma quel giorno, tutti i gruppi Slack stavano lavorando”.

Come descritto nell’immaginario Building and Loan in It’s a Wonderful Life, gli scontri in banca spesso iniziano come voci e possono rapidamente degenerare in una paura collettiva simile a una tribù quando i depositanti chiedono indietro i loro soldi. Anche quando non ci sono problemi. Poiché le corse agli sportelli possono avvenire in modo casuale e sono difficili da fermare una volta iniziate, il governo degli Stati Uniti ha creato la FDIC per fermare future corse agli sportelli, fermo restando che il denaro dei depositanti sarebbe stato al sicuro.

Durante la Grande Depressione, tra il 1930 e il 1933, fallirono circa 9.000 banche. Dalla creazione della FDIC nel 1933, le operazioni di gestione bancaria sono diventate meno comuni. Secondo la FDIC, tra il 2001 e il 2023 ci sono stati 562 fallimenti bancari, la maggior parte dei quali si è verificata durante la recessione del 2007-2009.

L’intera banca è ora alle prese con il fatto che potrebbe essere il prossimo obiettivo di una fuga precipitosa alimentata dai social media. Il comportamento della cellula è simile a quanto accaduto durante il boom delle “azioni di meme” nel 2021, quando alcune aziende sono diventate il bersaglio di gruppi di investitori per lo più al dettaglio, anche se in questo caso i gruppi di investitori hanno utilizzato i social media per spingere al rialzo le proprie azioni.

READ  Binance.US e la SEC stanno lavorando a un accordo per evitare il congelamento...

La chiusura della banca della Silicon Valley ha dominato per giorni le piattaforme dei social media. Diversi investitori di alto profilo hanno emesso previsioni grandiose secondo cui se il governo federale non fosse intervenuto per garantire che tutti i depositanti delle banche della Silicon Valley ricevessero tutti i loro soldi – sia assicurati che non assicurati – lunedì ci sarebbero state più corse agli sportelli.

Alla fine, Washington capitolò. In base al piano, annunciato domenica dalle autorità di regolamentazione statunitensi, i depositanti delle banche della Silicon Valley hanno accesso a tutti i loro fondi. Il nuovo programma della Federal Reserve consentirà alle banche di offrire alcuni titoli di alta qualità come garanzia da prendere in prestito dal fondo di emergenza del governo. I funzionari del Tesoro e della Federal Reserve hanno detto ai giornalisti durante il fine settimana che i programmi sono stati creati in parte a causa delle preoccupazioni per ulteriori corse agli sportelli alimentate dai social media.

“Gli ultimi giorni rappresentano un incidente una tantum alimentato dalla disinformazione sui social media che non indica lo stato di salute del nostro settore”, ha dichiarato in una nota Lindsey Johnson, presidente della Consumer Bankers Association.

Per i legislatori, non sembra esserci una soluzione immediata. Una possibilità che esiste da decenni – esemplificata anche in It’s a Wonderful Life – è l’idea di un giorno festivo in cui gli organizzatori chiudono una banca per alcuni giorni per consentire a una mente tranquilla di circolare.

Lunedì, dopo che il governo è intervenuto per sostenere il sistema bancario, parte della comunità tecnologica sembrava rendersi conto del suo potenziale per provocare un panico finanziario di massa e che dovrebbe essere più attenta quando pubblica opinioni sul potenziale di salute delle banche.

“Nell’era dei social media, se hai una piattaforma abbastanza grande e gridi abbastanza forte di una corsa in banca, alla fine potresti avere ragione. Ciò non significa che vada bene”, ha scritto Logan Bartlett di Redpoint Ventures.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles