Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Intervista all’allenatore del Real Madrid: Carlo Ancelotti racconta la sua grande stagione e la Supercoppa Europea contro l’Eintracht

Dopo aver guidato il Real Madrid a vincere la Champions League nel suo paese Primo mandato nel 2014Carlo Ancelotti è tornato nella capitale spagnola nel 2021 per guidare i Bianchi alla Liga, alla Supercoppa di Spagna e alla Supercoppa di Spagna. Champions League. “Tutto tranne i favoriti” per vincere il titolo europeo, ma con Karim Benzema al suo meglio, sono arrivati ​​in rimonta contro. Parigi Saint GermainIl Chelsea e il Manchester Prima di battere il Liverpool in finale.

Ancelotti è l’unico allenatore ad aver vinto quattro volte la Champions League (anche con il Milan nel 2002/03 e 2006/07), e ha vinto anche la Supercoppa Europea in ognuno dei suoi tre tentativi. Il 63enne sta ora puntando sul quarto trofeo quando la sua squadra affronterà l’Eintracht Francoforte. Vincitore della UEFA Europa League62 anni dopo, 7–3 nella finale della Coppa dei Campioni del 1960 a Glasgow.

In attesa dell’inizio della stagione a Helsinki, l’allenatore del Real Madrid commenta la campagna “fantastica” dello scorso anno e spiega come il club abbia ingaggiato giocatori “tra i migliori al mondo nel loro ruolo”.

Real Madrid – Eintracht: copertura in diretta

Tutti i gol del Real Madrid in Champions League 2021/22

Sull’importanza di vincere la Supercoppa

Abbiamo qualche difetto in più rispetto all’Eintracht, che ha iniziato presto la sua stagione, ma giocheremo per vincere. Non vediamo l’ora, non torniamo indietro. Le vittorie dell’anno scorso rafforzano ciò in cui crediamo, ma dobbiamo concentrarci sulle prossime partite. Ci sono sei titoli in palio la prossima stagione e vogliamo lottare per tutti loro.

Su cosa aspettarsi dall’Eintracht

L’anno scorso, l’Eintracht ha ottenuto qualcosa di speciale perché non era tra i favoriti. Hanno giocato grandi partite Battere il Barcellona al Camp Nou Con uno stile di calcio frenetico, con grande interesse per la difesa e trasferimenti ad alta velocità.

READ  Secondo un sondaggio, gli appassionati di calcio negli Stati Uniti sostengono la celebrazione della Coppa del Mondo ogni due anni | calcio | Gli sport

Per essere stato il primo allenatore a vincere quattro volte la Champions League e vincere titoli nei primi cinque campionati europei

Sono molto orgoglioso di tutto questo. È stata una grande stagione per me e per il Real Madrid. Naturalmente, tornare al Real Madrid è stato molto gratificante per me. Per me è importante continuare ad essere l’allenatore di questo grande club e di questa grande squadra.

Sul movente del giocatore

Siamo pronti. La squadra è già al meglio. Sensazione di gioia e soddisfazione dopo queste vittorie [en la final de la Champions League] Tendono a restare, facendoti sentire come se nessuno dovrebbe mai prendere il tuo posto. Questa è una motivazione molto forte per continuare a vincere.

Analisi di Ancelotti dopo il titolo

Ritorno in Champions

È un ricordo molto fresco e c’era anche un’armonia molto speciale con i tifosi e lo stadio. Tutti i guadagni che abbiamo fatto sono stati realizzati sul nostro campo, grazie a quella spinta che è arrivata dagli spalti. Sempre al sicuro, non mollare mai. Dopotutto, abbiamo giocato contro squadre molto forti. Era inevitabile che avremmo sofferto.

Sulla differenza tra il decimo e la vittoria nell’ultima Champions League

Nel 2014, Decima era probabilmente più prevedibile perché la squadra si era già avvicinata a lui più volte. Gareth Bale si era appena unito a noi ed eravamo i favoriti per vincere il titolo fin dall’inizio.

Quest’anno eravamo a dir poco i favoriti, ma siamo riusciti a vincere grazie alla fantastica costanza e qualità della squadra. Penso che i fattori principali siano stati l’umiltà e l’esperienza dei giocatori più grandi, integrate dall’energia e dall’entusiasmo dei giocatori più giovani.

READ  Volta continua con un accento australiano: Groves, vincitore

Dell’arrivo di Aurélien Tchouameni e Antonio Rüdiger e della partenza da Madrid in estate

Penso che a loro volta abbiamo due dei migliori giocatori del mondo. Innanzitutto la sua qualità accresce le capacità fisiche e tecniche della squadra. Poi questo [la necesidad de] Si adatta al gruppo e il gruppo si adatta un po’ ad esso.

Non dobbiamo dimenticare che i tre che se ne sono andati, Marcelo, Isco e Bale, hanno fatto la storia di questo club negli ultimi anni, per il quale il Real Madrid è grato a questi giocatori. Ci auguriamo che i nuovi arrivati ​​riescano a ripetere le gesta di coloro che sono partiti.

Scarica l’app Champions League!