Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Israele spera in un accordo presto con il Libano sui confini marittimi

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 set 2022-17:42

GERUSALEMME, 19 settembre (EFE) – Il premier israeliano Yair Lapid ha confermato oggi che un accordo con il Libano sul confine marittimo è “possibile e necessario”, ma ha chiarito che inizierà l’estrazione del gas nel giacimento di Karish, nelle acque contese” il prima possibile.” Indipendentemente dall’accordo e nonostante le minacce di Hezbollah.

“Israele crede che sia possibile e necessario raggiungere un accordo sui confini marittimi tra Libano e Israele in un modo che serva gli interessi dei cittadini dei due paesi”, ha affermato un portavoce israeliano in una nota.

Il presidente del Consiglio ha anche ringraziato il lavoro del mediatore americano nelle trattative, Amos Hochstein, che appare vicino a un accordo definitivo, come confermato oggi dal presidente libanese Michel Aoun, il quale ha indicato che i colloqui sono già entrati nella loro “fase finale”. .

Lapid ha affermato che Israele considera lo sfruttamento della piattaforma del gas di Karish “non correlato ai negoziati” e inizierà a estrarne carburante “il prima possibile”.

Quest’estate il leader sciita di Hezbollah Hassan Nasrallah ha minacciato più volte di attaccare le operazioni di perforazione di Israele, sostenendo che Israele stesse violando i diritti marittimi del Libano.

Nasrallah ha affermato, sabato, che l’inizio della produzione di gas in quel campo senza un accordo di confine è una “linea rossa”, dopo che il ministero dell’Energia israeliano ha annunciato il giorno prima, “che collega la riserva di Karish al sistema energetico israeliano.

Secondo Israele, la posizione di Karish non è in discussione, poiché la linea tracciata dalle Nazioni Unite un decennio fa lascia l’area della scarpata nelle acque israeliane e l’area contesa sarebbe una lunga striscia a nord.

READ  Il sindacato uruguaiano mobilita risorse per la ricerca scientifica

Israele e Libano non hanno relazioni diplomatiche formali, hanno combattuto un’ultima breve guerra nel 2006 e hanno svolto una missione di mantenimento della pace delle Nazioni Unite sul confine terrestre dal 1978.

Ma resta un’intensa ostilità nei confronti di Hezbollah, il principale nemico di Israele in Libano, che lo scorso giugno ha sparato droni contro Karish e ha minacciato di aggravare il conflitto se lo stadio ebraico avesse continuato a pompare gas nell’area contesa. EFE

sga / si

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.