Maggio 22, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia, alluvioni dopo la siccità: crisi climatica?

Italia, alluvioni dopo la siccità: crisi climatica?

Alluvioni in Emilia-Romagna, maggio 2023: una delle situazioni più urgenti di questi giorni. Foto tratta dal video dei vigili del fuoco.
Lorenzo Pasqualini Lorenzo Pasqualini Clima Italia 10 minuti

Nel giro di pochi giorni, il nord Italia è passato da una grave siccità a diffuse inondazioni, che hanno causato 14 persone sono morte e circa 35.000 sono state sfollate, soprattutto in Emilia-Romagna.. Una situazione drammatica, purtroppo, continua ancora.

in questa situazione, È naturale essere distratti da una domanda chiave: cosa sta succedendo? Innanzitutto, partiamo dai dati…

Dalla siccità all’alluvione: situazione nel 2022 e nel 2023

Per tutto il 2022 e all’inizio del 2023, l’Italia settentrionale, compresa l’Emilia-Romagna, è stata colpita. Una grave siccità, la peggiore degli ultimi decenni, ha portato i fiumi ai livelli più bassi E con terreno asciutto, condizioni stressanti per le piante. La situazione è continuata a lungo ed è peggiorata Forte assenza di nevicate sulle Alpi.

I dati ora parlano del mese di maggio, a cui mancano pochi giorni, Ha piovuto di più negli ultimi 70 anni. Abbiamo affrontato due eventi meteorologici davvero eccezionali, all’inizio di maggio e il 16 maggio, con precipitazioni record.

A maggio parti dell’Emilia-Romagna, l’Appennino ravennate e forlivese, Sono caduti dai 400 ai 500 mm di pioggia: si tratta di aree che ricevono in media 900 mm di pioggia all’anno!

6 mesi fa (fine novembre) L’Italia è stata colpita da un altro evento catastrofico: Ha piovuto molto Isola d’Ischia (126 mm in 6 ore) 12 persone sono morte nella frana. Due mesi fa, Nel settembre 2022 un’altra alluvione si è abbattuta sulle Marche. Ancora una volta, 12 persone sono morte a causa di forti piogge nel giro di poche ore.

READ  Sosa domina le Asturie prima del Giro di Italia

Se torniamo indietro nel tempo, i fatti si susseguono: A luglio, una parte di un ghiacciaio delle Alpi è crollata a causa di temperature eccezionalmente elevateHa causato la morte di 11 persone.

Ha qualcosa a che fare con il cambiamento climatico?

“Attribuire eventi estremi ai cambiamenti climatici è difficile – spiega Luca Lombroso, AMPRO e meteorologo meteorologo, e comunicatore scientifico, ma grazie ai progressi nella modellazione climatica, un team di scienziati e giornalisti ha creato una piattaforma, worldweatherattribution.org, che fornisce alcune risposte. Secondo loro, il caldo estremo di aprile in Spagna, Portogallo, Marocco e Algeria è quasi impossibile senza il cambiamento climatico.

“Negli ultimi anni”, aggiunge Lombroso, “ho notato un andamento delle precipitazioni dai periodi secchi tra le estati 2012 e 2014 e le estati 2002 e 2005. Questo mi fa pensare che il cambiamento climatico stia influenzando queste situazioni. E penso che una situazione come l’uragano Minerva sarebbe stata meno probabile e, comunque, meno grave di quanto accaduto”.

Come ha annunciato a Meteored Italia Pierluigi Randi, Presidente Ambro (Società Meteorologica Professionale Italiana), “Un evento, per quanto grave, non può essere attribuito direttamente al cambiamento climatico. Ma considerando la prolungata e grave siccità del 2021-2022, l’arrivo di un ciclone subtropicale nel riminese nel gennaio 2023, e due precipitazioni estreme nell’arco di 14 giorni, è abbastanza significativo. 3 Eventi estremi, indicazione contraria, rapida successione e solo nella nostra regione.”

READ  Come Spagna e Italia possono cooperare nel turismo

“In questo caso”, aggiunge Randy, L’attribuzione è molto coerente con quanto indicano i modelli climatici. Da inizio maggio, nella regione montuosa dell’Emilia orientale e della Romagna, Cadono tra i 400 ei 500 mm (localmente anche di più), che corrisponde a circa la metà delle normali precipitazioni annue. Nei due eventi sono caduti nelle stesse zone da 150 a 250 mm, quindi due eventi simili in termini di accumulo di pioggia, il primo per circa 36 ore e il secondo per circa 30 ore (quest’ultimo!, quindi, più intenso) ”.

Anche altri meteorologi intervistati nei giorni scorsi affermano che gli eventi estremi (siccità e precipitazioni eccezionali) sono in aumento e diventano più frequenti. Tra questi, Meteorologo e climatologo Giulio Petti Enfatizzato per FanPage In che modo gli eventi estremi sono aumentati di frequenza negli ultimi 20 anni.

La debolezza del territorio italiano di fronte agli eventi estremi

dietro Grave inondazione il 15-17 maggio 2023Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) ha emesso una nota sottolineando la debolezza del territorio italiano.

“di nuovo –Dice la nota– Sotto la costante pressione meteorologica e climatica, il nostro territorio rivela la sua fragilità, richiamando l’attenzione sui gravi problemi ad essa connessi Instabilità idrogeologica. Nelle 48 ore tra il 15 e il 17 maggio ’23, un evento pluviometrico di forti precipitazioni in Emilia Romagna ha provocato numerosi smottamenti e allagamenti lungo l’Appennino tra Bologna e Cesena. Dipartimento della Regione Zona marchigiana.

READ  CitizenM debutta in Italia con 162 camere nel quartiere trendy di Roma

Si evidenzia l’analisi dei dati orari di pluviometria disponibili dai pluviometri della Rete della Fondazione Protezione Civile, riferisce il CNR. La piovosità massima è di 200 mm nelle 24 ore precedenti il ​​17 maggioLa sua massima intensità si trova nella fascia compresa tra Mongitoro, Civitella di Romagna e Castrocaro Terme. Codice raro Eventi di precipitazione descritti dai dati di precipitazione degli ultimi 20 anni dal Cnr-Irpi Quest’ultimo evento può essere classificato come “eventi estremi” in Emilia Romagna.

L’evento in Emilia-Romagna può essere classificato come estremo.

Sebbene i valori delle precipitazioni regionali siano bassi e localmente intensi, questo fenomeno si estende alla regione Marche, che ne testimonia la validità Eccezionalità anche in termini di estensione spaziale. Questo evento estremo, registrato due settimane fa nella stessa regione dell’Emilia Romagna, ha già provocato diffusi smottamenti in zone collinari e montuose, grandi alluvioni e dissesti di importanti fiumi della regione. .

In queste regioni, per la loro topografia e conformazione geologica, c’è un’elevata predisposizione al dissesto, essendo lo scenario pluviometrico attuale molto favorevole durante le frane diffuse. Le piogge delle scorse settimane hanno già reso il suolo molto saturo, una nuova pioggia più intensa e ampiamente distribuita è arrivata in svantaggio. In questo caso, come hanno già dimostrato le frane già segnalate nelle ultime ore, la probabilità di innescare altre frane è molto alta e aumenterà se le forti piogge continueranno.