Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Il Movimento Cinque Stelle perde maggioranza parlamentare | Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha lasciato il M5S e ha formato il nuovo partito

Da Roma

Ministro degli Esteri italiano, Luigi de MayoAbbandonato Moto a cinque stelle (M5S) Lo ha portato al potere, come lui stesso ha annunciato martedì sera. Y Fondato il nuovo partito Almeno finora 62 parlamentari, 51 deputati e 11 senatori, tutti del M5S. Alcuni media parlano di sostituire i 70 parlamentari in totale, ma per ora tutte le cifre sono provvisorie.

In questo modo ili “> Il M5S perde la maggioranza parlamentare alle elezioni del 2018. Secondo l’agenzia italiana AdnKronos, due dei sette rappresentanti del movimento al Parlamento europeo si sono uniti al gruppo di de Mayo. Tra i combattenti del M5S che hanno aderito al nuovo partito ci sono Laura Castelli, viceministro dell’Economia, quattro vicesegretari di diversi ministeri e capi di quattro commissioni parlamentari. Il nuovo partito si chiama “Insieme per il futuro” (insieme per il futuro).

A 24 ore dall’ultima controversia interna sulla proposta italiana di inviare nuove armi all’Ucraina in Europa, l’annuncio della formazione di questo nuovo partito ha confuso molte, ma ha segnato contraddizioni interne. Non sono molto comuni e esistono già da molto tempo.

De Mayo, aspramente critico nei confronti delle nuove armi e ministro degli Esteri smentito dal M5S, scrive in una nota: “Da ministro degli Esteri ribadisco che l’Italia non può accettare posizioni contro l’euro. Valori atlantici… democrazia, libertà , il rispetto delle persone e la sicurezza degli Stati”. .) “Vogliamo e vogliamo tutti la pace. Nel frattempo Putin continua a bombardare l’Ucraina, ignorando le richieste della comunità internazionale di sedersi per colloqui. Al quartier generale anche decidere di assumere le posizioni che mettono in imbarazzo il governo italiano. Un atteggiamento immaturo creerà tensioni e instabilità nel governo. Un evento molto grave”.

READ  Stephen Chauz non correrà al Giro d'Italia

Prima di annunciare pubblicamente la sua decisione martedì sera, de Mayo ha visitato il palazzo di Guerrero e ne ha informato il presidente Sergio Matterella. In seguito ha tenuto una conferenza stampa in un albergo del centro di Roma, ma non ha risposto alle domande dei giornalisti. “Grazie al movimento per tutto quello che ha fatto per me”, ha detto De Mayo in una conferenza stampa. E ha proseguito: “Lascio il movimento. Questa è la decisione più difficile che devo prendere. Non avrei mai pensato che sarei stato in grado di farlo. Ma oggi inizia un nuovo viaggio. Ha aggiunto del nuovo partito: “Nascerà il potere politico personale, dove non c’è spazio per odio, sovranità e populismo. Forza politica in parlamento”.

“Dovevamo scegliere quale parte della storia doveva essere”, ha detto De Mayo, riferendosi alla guerra in Ucraina e alla scissione del M5S. I leader del movimento hanno indebolito il Paese e messo in imbarazzo il governo per ragioni legate alla crisi del consenso.

Dal canto loro, i vertici del M5S, in particolare l’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte, hanno sempre negato che il loro scopo fosse mettere in imbarazzo il governo o Draghi Io, e che il M5S sarebbe scomparso dopo questa scissione. Solo più tardi possiamo vedere cosa succede davvero con l’M5S.

Nuove armi per l’Ucraina

Intanto la Camera dei Deputati italiana – dopo che lo stesso ha fatto ieri il Senato – ha approvato la proposta del premier Mario Draghi di inviare nuove armi in Ucraina e utilizzare nuove sanzioni contro la Russia. La proposta sarà presentata al Consiglio d’Europa a Bruxelles il 23 e 24 giugno per decidere nuove misure per l’Ucraina. L’ONU chiede alla candidatura dell’Ucraina di aderire all’UE, bloccare i porti ed evitare una crisi alimentare senza precedenti

READ  L'Ambasciata Italiana lancia la piattaforma tridimensionale "Made in Italy" - Spanish Edition

“Il governo italiano continuerà a sostenere l’Ucraina come indicato da questo Parlamento”, ha affermato Draghi. Intervenuto al Senato, ha detto prima del discorso, a chi gli chiedeva se fosse preoccupato per quanto stava accadendo nel M5S che stava destabilizzando il suo governo, ha detto di no.

“Il Sanzioni contro la Russia Funzionano – ha aggiunto -. Il Fondo monetario internazionale prevede che queste sanzioni costeranno alla Russia l’8,5% del PIL (PIL). Il tempo ha dimostrato che queste misure sono sempre efficaci. Ma i nostri canali di conversazione sono ancora aperti. Non smetteremo di cercare la pace nei termini che l’Ucraina sceglie “(…)” L’Ucraina deve difendersi. L’invio di sanzioni e l’invio di armi aiuterà”, ha aggiunto. Alla domanda dei parlamentari sul perché il piano di pace non dovrebbe essere formulato, Draghi ha detto: “Sono necessarie entrambe le parti per progettare il piano di pace. Invece uno di loro è costantemente alla ricerca della guerra, l’altro dice che i russi dovrebbero andare e solo allora inizieranno a parlare. Sono due posizioni intransigenti.