Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia: Meloni inciampa in Europa a causa dell’immigrazione | Internazionale

Una delle regole cardinali della diplomazia è evitare di mettere in imbarazzo un altro paese nel bel mezzo di una disputa internazionale. La lite non deve riguardare i problemi interni di ciascuno nel suo ambito, soprattutto di natura elettorale. Il nascente governo del primo ministro italiano Giorgia Meloni, Tuttavia, ha ringraziato l’esecutivo francese per aver presumibilmente rifiutato di consentire all’Italia di far entrare una delle navi delle ONG che trasportavano centinaia di migranti la scorsa settimana senza alcuna parola ufficiale da parte dell’Eliseo. scendi Roma, in questo modo, dovette intervenire inviando diversi giorni di pressioni direttamente a Parigi, scatenando una bufera tra i due Paesi. Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella. Per lo stesso motivo la distanza creatasi, come quella apertasi pochi giorni fa con la Germania e non colmata al G20 di Bali, rende molto difficile il clima tra il governo italiano ei suoi principali partner europei.

Italia e Francia hanno ricucito i rapporti dopo un periodo travagliato con i governi populisti della Lega e del Movimento 5 Stelle. Ma diversi episodi hanno infranto l’armonia tra i due paesi: due episodi sono stati particolarmente dannosi. Primo arrivatoUna sontuosa trasferta di Luigi Di Maio, l’allora vicepresidente della dirigenza, per incontrare la squadra in giallorosso In un momento in cui stavano organizzando proteste di piazza contro Macron. Successivamente sono aumentate le tensioni con il vicepresidente e ministro dell’Interno Matteo Salvini. A causa dell’immigrazione e della chiusura delle frontiere tra i due paesi. Dopo un crollo completo, il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, ha contribuito a un riavvicinamento durante il mandato di Mario Draghi come Presidente del Consiglio. Fu firmato un trattato noto come Trattato del Quirinale. Un accordo di collaborazione privilegiata che mette fine ad anni di incomprensioni e sospetti. Questo dovrebbe essere l’inizio di una nuova era. Ma è durato solo un anno.

READ  Giro d'Italia 2021: Dopo il ritorno da Elia Viviani, Ineos con fiducia: "Posso tornare da QuickStep"

Il politologo Roberto de Alimont ritiene che la Meloni abbia commesso un errore di strategia diplomatica annunciando la scorsa settimana che la Francia avrebbe ospitato un carico di ONG. Vichinghi del mare. “Forse la reazione della Francia è stata esagerata, ma il modo in cui l’ha fatto non è stato corretto. La Meloni non ha tenuto conto che Macron ha avuto lo stesso dibattito con i suoi elettori sul tema dell’immigrazione. Inoltre, ha un problema con lei: la Meloni anche fisicamente ricorda Marine Le Pen. Davanti a lei appare come un leader debole. Lo disturba e lo ferisce interiormente”, sottolinea. Per D’Alimonte, inoltre, l’esecutivo italiano sta esagerando le posizioni anti-immigrazione per compensare l’immobilismo in altre aree. “Devono dare ai loro elettori l’impressione che faranno più di Tragi in questa particolare battaglia. Sulle questioni economiche. Non possono fare molto e non vogliono fare molto. Ecco perché vedo molta retorica e politica identitaria sul tema dell’immigrazione e dei vaccini, ma in cose come l’economia, l’accesso La copertina è molto realistica e pratica. Nessuna delle promesse elettorali della coalizione di destra sarà attuata nella prossima legge di bilancio.

La Meloni, che sull’immigrazione ha il 51% di consensi interni, ha promesso di non toccare la politica internazionale di Draghi, ma ha cambiato il piano della coalizione in un solo mese. L’entusiasmo del governatore della Bce per il ripristino del riavvicinamento con l’asse franco-tedesco (è stato fotografato con il cancelliere Olaf Scholes e Macron su un treno per Kew lo scorso giugno) contrasta con la calma diplomatica che ora regna tra Roma e Roma. Le due principali potenze dell’Eurozona. Inoltre, il riavvicinamento con la Spagna favorito dai governi di Giuseppe Conte si è stemperato con l’arrivo di Meloni. La scorsa settimana, infatti, la Spagna ha evitato di firmare la dichiarazione dei Paesi del Mediterraneo che l’Italia (che comprendeva anche Grecia, Cipro e Malta) aveva incoraggiato contro la politica di immigrazione dell’Ue. Meloni evidenzia ulteriormente lo stato sfocato in cui si trova attualmente in Europa. “Il pericolo di queste mosse – sottolineano fonti diplomatiche – è che il presidente trovi una valida giustificazione per avvicinarsi ai Paesi di Visegrad. [alianza política creada en 1991 e integrada por Polonia, Hungría, Eslovaquia y la República Checa]”. Meno pessimista è invece un’altra fonte: “Francia e Italia non possono vivere voltate le spalle, e presto i rapporti si ristabiliranno”.

READ  Play-off difficili attendono Portogallo e Italia

La questione è proprio se la tensione con Parigi e la distanza tra gli altri due partner sia dovuta a una strategia conflittuale per placare un determinato elettorato oa un errore di calcolo dovuto all’inesperienza. L’eurodeputato Sandro Gozi, che è stato ministro per gli Affari europei nel governo di Matteo Renzi ed esperto di politica francese (eletto in Francia dal Comitato per il rinnovo del partito di Macron), ritiene che “questa sia una mancanza di professionalità e una totale inesperienza”. . “La Francia ha perso fiducia nell’Italia. Non ha senso farlo. Macron era a Roma il giorno dopo l’insediamento della Meloni, e ha fatto di tutto per vederla e costruire un ponte di relazioni, apprezzando molto il Paese”, sottolinea. Per Gozi “l’Italia si è isolata con i movimenti recenti e guarda ancora di più a quello che ha fatto la Spagna. [en referencia a la negativa a firmar la declaración con el resto de países mediterráneos]”.

Tuttavia, Maloney ha corretto quegli errori con un’agenda ben strutturata al recente G-20 di Bali. Il presidente del Consiglio italiano è stato visto in incontri bilaterali con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden; con il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan; e con il presidente Xi Jinping della Repubblica popolare cinese. Tre incontri chiave segnarono la formazione delle alleanze italiane e il fulcro della sua politica di difesa e di commercio estero. “È vero che gli incontri hanno avuto successo. Ma è anche vero che rientrano nella normale attività diplomatica di un Paese come l’Italia, membro a pieno titolo del G-7, sottolineano le stesse fonti diplomatiche.

Segui tutte le informazioni internazionali Facebook Y Cinguettioo dentro La nostra newsletter settimanale.

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limitazioni