Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Italia, un altro incendio nell’estate infernale dell’Ue | Internazionale

Il movimento 5 stelle si sciolse e bruciò, e Roma bruciò.

Il panorama politico non poteva essere favorevole alla propagazione delle fiamme di rami secchi e sterpaglia. Tali circostanze grottesche hanno portato agli sforzi di contenimento di molti in Italia – a cominciare dal presidente – e all’estero, che hanno cercato di evitare il crollo del governo di unità nazionale guidato da Mario Draghi nell’ultimo anno e mezzo. Nessun uso. ecc. come rappresentato dall’attuale situazione internazionale. Dopo il gesto del Movimento 5 Stelle populista e ideologicamente amorfo – che la scorsa settimana si è astenuto dal voto di fiducia – nell’Emiciclo si sono scatenati vecchi istinti di imparziale interesse personale, e si sono fatte avanti sia la Lega di Salvini che Forza Italia di Berlusconi. Di Draghi. Prevalsero tremori atavici Sul recente serio impegno a cercare accordi politici in un parlamento plasmato dalle urne, sostanzialmente incontrollabile secondo i piani formali.

In questa decima notte di dramma politico a Roma, l’uscita è piena di gente che non sa. Il presidente Sergio Mattarella deve decidere cosa fare; Ha la prerogativa di sciogliere il Parlamento, e il Paese transsalpino è molto incline a sorprese e colpi drammatici. Ma è chiaro che l’Italia sta entrando in una giungla oscura, una situazione di anarchia prolungata in mezzo a una crisi formidabile. Condizioni di stabilità e prestazioni non sono in vista nei prossimi mesi. Nuove formule per stancare il legislatore sarebbero a dir poco pericolose. Un ritorno anticipato alle urne rischia di inaugurare una nuova fine per un’amministrazione diabolica come quella che ha segnato la fine della legislatura con mesi di campagne e trattative.

Date le dimensioni del Paese colpito e, soprattutto, si tratta di un incendio che potrebbe diffondersi in tutta l’Unione Europea. Il suo enorme debito pubblico. Già questo giovedì, la Banca Centrale Europea ha tenuto un incontro chiave per definire le politiche per prevenire l’aumento dei premi per il rischio nei paesi difficili. Quello che è successo aggiunge urgenza e dramma a questo complesso esercizio. Ma, inoltre, Roma deve affrontare diversi mesi di frammentazione tra questioni critiche come l’attuazione delle riforme legate alla crisi energetica o il massiccio pacchetto di aiuti dell’UE nel pacchetto di ripresa dalla crisi pandemica. Riforma del Patto di Stabilità e Crescita. L’instabilità, la riluttanza a prendere decisioni a lungo termine sulla sua terza economia, è sicuramente un nuovo colpo all’Unione Europea, tormentata su mille fronti.

READ  L'Italia conta più di 200.000 contagi al giorno e si riaccende il dibattito sul ritorno a scuola

Pressione su Draghi Questo viaggio nella giungla è stato fantastico da evitare. L’ex banchiere centrale ha preso atto, dopo che Mattarella ha respinto un tentativo di dimettersi la scorsa settimana, riconsiderando la sua posizione. Si è dichiarato pronto a procedere. Ma lo ha fatto senza concessioni, proponendo un discorso politicamente duro in cui chiedeva un chiaro impegno a sostenere un’ambiziosa tabella di marcia politica fino alla naturale conclusione della legislatura in primavera. Ha elencato le riforme in sospeso, ha sottolineato la posizione dell’Italia sulla scena internazionale e ha chiesto che i partiti si definiscano. “Siete pronti?” Ha chiesto alla festa. Fin dall’inizio della crisi è stato chiaro che non voleva continuare tra disordini, capovolgimenti di partito, rivolte e trattative a causa di una lunghissima campagna pre-elettorale piuttosto che di contenuti e interessi dei cittadini.

La maggioranza dei partiti ha risposto di non essere pronta. Il centrodestra ha appoggiato la riforma della maggioranza, la sospensione dell’ordine del giorno e l’adesione – che esclude i 5 stelle – cosa che a Draghi non piaceva. Ha giustamente sottolineato che un governo guidato da un non eletto avrebbe senso solo se avesse un consenso parlamentare molto ampio.

Unisciti a EL PAÍS per seguire tutte le notizie e leggere senza limiti.

Registrati

Sotto la sua guida, l’Italia ha intrapreso una serie di riforme sostanziali – che potevano essere o meno auspicabili, ma almeno si sono mosse di fronte ad altri periodi di tragica stagnazione – che hanno inaugurato una ripresa economica. Il 2020 è un anno per recuperare il PIL perso a causa della pandemia – a differenza, ad esempio, della Spagna o della Germania – e svolgere un ruolo rilevante nelle questioni internazionali. Come il congelamento delle riserve russe all’estero. Era più dalla parte delle soluzioni che dalla parte dei problemi. È ragionevole temere che oggi abbia cambiato schieramento, sia entrato in una foresta oscura e abbia perso la linea retta.

READ  Manu Urcera ha debuttato con il quinto posto in Italia

Segui tutte le informazioni internazionali Facebook Y Twittero dentro La nostra newsletter settimanale.

50 per cento di sconto

Contenuti esclusivi per gli abbonati

Leggi senza limitazioni