Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

J Balvin e le polemiche dopo essere stato nominato artista afro-latino dell’anno

A pochi giorni dalla fine del 2021, J Balvin è tornata protagonista delle polemiche. La cantante colombiana è vittima di uno scandalo dopo essere stata nominata Best Afro-Latin Artist of the Year, un premio degli African American Entertainment Awards (Aeausa).

Dopo aver appreso la notizia, Palvin ha usato i suoi social network per ringraziare per questa distinzione.

Premi americani per l’intrattenimento musicale. Grazie”, ha scritto sul suo account Instagram.

Immediatamente, la critica non cessò di considerare l’evento come un’appropriazione culturale, poiché altri artisti lo consideravano “fuori luogo”.

Secondo EFE, il cantante colombiano Goyo è stato uno dei primi a protestare. È la cantante e leader di ChocQuibTown, un gruppo che promuove e rende visibile la cultura afro. Si è espressa su Twitter:

“Se vuoi sapere la mia opinione: credo nei Grammy più che in queste stronzate. E vado a dormire perché iniziano a dirmi il loro dispiacere.”

Anche il cantante Mapeland ha notato il premio. Ha usato più parole per esprimere il suo pensiero. Ha anche chiamato Palvin “fuori luogo” e ha affermato che era un uomo bianco.

Se qualcuno della tua squadra ti dicesse di fermarti ora, è da pazzi, quanto vuoi essere bravo a prendere le tue stronzate e sperare che non accada nulla. Che assurdità è tutto questo, scrisse.

L’artista ha citato il proprio tweet aggiungendo: “Uomo bianco, latino, fuori luogo e possessivo. Jose, sto parlando con te. Fino a che punto sei disposto a spingerti per ottenere il riconoscimento? (…)”.

READ  Ibrahim Maalouf: Il dialogo interculturale avviene attraverso l'arte, non la politica

Le critiche sono arrivate non solo dagli artisti, ma anche dagli utenti di Internet.

Dopo l’accaduto, il cantante di Medellin ha cancellato il primo post che aveva realizzato sul suo account Instagram, in cui ringraziava il premio. Quindi ha caricato una storia su Instagram in cui ha scritto:

“Non sono un afro-latino, ma grazie per avermi dato un posto nel contributo e nel movimento della musica afrobeat.”

Dopo le critiche, Aausa ha rilasciato una dichiarazione tramite il suo account Instagram. Lì hanno chiarito che la categoria in cui si distingue il colombiano è aperta agli artisti dell’America Latina che contribuiscono alla cultura africana e al genere afro-musicale.

“Non si basa sulla razza ma, soprattutto, sulla promozione della cultura africana sulla scena mondiale. Questo è il primo anno in cui abbiamo introdotto questa categoria per includere i nostri fratelli e sorelle latini che hanno abbracciato la musica”. afrobeat all’interno delle loro piattaforme. “

Più controverso

L’ultima polemica non è stata l’unica controversia che J Balvin ha dovuto affrontare nel 2021. La maggior parte delle controversie è andata oltre l’incontro virtuale che ha avuto con il residente alla fine di settembre e è proseguita fino a ottobre. I portoricani hanno chiesto al colombiano di non supportare il Latin Grammy.

Due settimane dopo, Palvin era di nuovo nei guai. È stato segnalato per aver promosso messaggi “sessisti” e “razzisti” attraverso il video della canzone di Perra, che ha pubblicato in collaborazione con Tokischa.

READ  Morbius è la peggiore apertura della Marvel dai tempi di The New Mutants

All’epoca, il vicepresidente e ministro degli affari esteri della Colombia, Marta Lucia Ramirez, descrisse le immagini nella canzone “Pira” come “misogine, razziste e sessiste”.

“Il cantante trasporta due donne afroamericane legate con catene al collo e striscia per terra come animali o schiave”, ha detto il politico in una dichiarazione, nel video musicale, che è stato rilasciato il 7 settembre.

Le critiche hanno spinto il cantante a scaricare il video dal suo account YouTube e a scusarsi.

“Voglio offrire mille scuse a tutte le persone che sono state offese, in particolare donne e neri”, ha detto una settimana dopo.