Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jaén esporta principalmente alla rinfusa e in Italia, l’80% del suo petrolio insieme al Portogallo.

La provincia ha importato 60 milioni di euro di “oro liquido” in sei mesi.

giovedì 1 settembre 2022, 00:33

Sebbene Jain abbia cercato per decenni di diversificare i suoi mercati dell’olio d’oliva e venderlo confezionato in modo che il valore aggiunto del prodotto rimanga nella provincia, la maggior parte delle vendite di Jain sono ancora all’ingrosso, autocisterne e destinazione Italia. Tra loro. Lo confermano i dati forniti da Extenda a questo quotidiano per la prima metà dell’anno, che include esportazioni di olio d’oliva ‘Made in John’ per un valore di 187,5 milioni di euro, il 55% in più rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente.

Di questi, il 64% è finito nel Paese transalpino, fatturando 120,4 milioni di euro in sei mesi. Questo è il 60% in più rispetto all’anno precedente. Nei corsi precedenti come il 2019, oltre il 70% delle esportazioni di succo d’oliva Jain proveniva in Italia.

È stato seguito dal Portogallo, con 31,3 milioni di euro, che rappresentano il 16,7% delle esportazioni di olio d’oliva di John. In totale, tra il paese confinante e l’Italia si sommano otto su dieci litri che John vende all’estero. La Francia ha completato il podio con 7,4 milioni di euro. Seguono gli Stati Uniti con 6,3, il Giappone con 3,3, la Svizzera con 2,9 e la Colombia con 2,6. Taiwan, Brasile, India e Israele hanno più di un milione di euro, mentre Emirati Arabi Uniti, Cina e Iran hanno più di 600.000 euro.

John ha anche importato 60 milioni di euro di olio d’oliva.

READ  Serie A italiana: doppietta Dybala e Roma | Gol di Lautaro e Joaquin Correa nella vittoria dell'Inter; Il peggior pareggio del Milan

L’export totale della provincia, comprensivo di tutti i suoi prodotti, ha raggiunto nei primi sei mesi del 2022 i 781 milioni di euro, il suo “record storico” del periodo.

La provincia mantiene una sana bilancia commerciale con l’estero con un surplus di 159 milioni. Macchinari, attrezzature e materiale elettrico sono la più grande esportazione di petrolio, rappresentando 293 milioni, il 38% del totale. L’olio è del 25%. Al terzo posto ci sono 68 milioni di materie plastiche ei loro produttori.

Il mercato principale è stato la Germania, con 205 milioni di esportazioni, il 26,2% del totale e l’8,1% in più. Seguono l’Italia con 156 milioni e il Portogallo con 82.