Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jamie Lynn Spears: la sorella di Britney Spears cerca di donare i proventi del suo diario a un’organizzazione non governativa, e l’entità lo rifiuta | la gente

Il duello di Britney Spears con suo padre per la sua tutela Non è l’unico che la cantante ha dovuto superare all’interno della sua cerchia familiare. A metà ottobre, la pop star ha criticato pubblicamente il prossimo libro che sua sorella, Jamie Lynn Spears, pubblicherà nel gennaio 2022. Young Spears ha deciso di ricordare il suo lavoro Devo ammettere… (che si traduce come “Devo confessare…”), un nome che si riferisce a una delle canzoni più famose di Britney, tesoro di nuovo, e che in seguito è stata costretta a cambiare a causa delle numerose critiche ricevute sui social e dalla sorella, che l’ha accusata pubblicamente di averlo commesso. Non supporta il movimento Britney Libera. La critica, che ha intaccato negativamente la fama di questo futuristico libro, è giunta alle orecchie della ONG alla quale la Spears ha voluto devolvere i soldi ricavati dalla sua vendita.

Organizzazione senza scopo di lucro This Is My Brave, dedita alla salute mentale, ha rifiutato l’offerta di Jamie Lynn Spears di donare i proventi delle vendite del suo libro di memorie. L’ONG ha risposto tramite un post su Instagram alle reazioni negative che ha provocato: “Vi abbiamo ascoltato. Stiamo agendo. Siamo profondamente dispiaciuti di aver offeso qualcuno. Abbiamo rifiutato di donare il prossimo libro di Jamie Lynn Spears”. Insieme al post, hanno incluso un testo esplicativo che è stato ben accolto da un gran numero di seguaci che sostengono il movimento. Britney Libera: “This Is My Brave è stato recentemente raccomandato come ricavato dal prossimo libro di Jamie Lynn Spears. Abbiamo preso la decisione di rifiutare l’offerta di vantaggi sulla vendita dei libri.”

READ  Il sito web della Corea del Nord afferma che il "gioco del calamaro" mostra la realtà della Corea del Sud

L’associazione ha chiarito con la sua decisione di stare dalla parte dell’icona pop, preferendo mantenere intatta la sua reputazione accettando i soldi. È stato a luglio quando Worthy Publishing ha annunciato il nome della biografia di un’attrice Zoe 101, ma in seguito è stato costretto a ritrattare, affermando che è stato “pubblicato in modo errato”.

“Siamo profondamente dispiaciuti che informazioni errate e incomplete sul libro siano apparse in pubblico, specialmente in questo momento molto delicato per Jamie Lynn e la sua famiglia”, ha detto in una nota l’editore specializzato in scrittori cristiani. Ha annunciato la scorsa settimana che il suo libro sarà finalmente ricordato Cose che ho da dire (“Cose che devo dire”) quando ha rivelato i suoi piani per donare a This Is My Brave.

L’attrice non ha esitato a lodare nei suoi social network il “meraviglioso lavoro” dell’organizzazione. “So di avere ancora molto da imparare, ma sento che finire questo libro mi ha permesso di chiudere questo capitolo della mia vita di 30 anni e spero che aiuti chiunque altro abbia dimenticato il proprio valore, perso la voce o stia cercando di rompere un ciclo folle nella tua vita. Ed è per questo che sono così felice di annunciare che una parte dei proventi del mio libro andrà a This is my Brave, perché so quanto può essere intimidatorio condividere le lotte personali, specialmente se non ti senti come se fossi supportati o uno spazio sicuro per farlo, e fanno un ottimo lavoro nel sostenere e incoraggiare le persone a condividere coraggiosamente le loro esperienze”. Poche parole non sono bastate all’associazione.

Una settimana fa, Britney Spears ha pubblicamente deriso il libro e le intenzioni di sua sorella, volendo pubblicarlo per beneficiare della sua fama. “Buone notizie… Sto anche pensando di pubblicare un libro l’anno prossimo”, ha scritto. “Ma ho difficoltà a trovare un soprannome, quindi forse i miei fan possono aiutare! Opzione 1, “Merda, non ne ho idea”. Opzione 2, “Sono davvero interessato a ciò che pensa la gente!!!!”

READ  Kanye West paga quasi 50 milioni di dollari per un secchio di cemento