Dicembre 4, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Javier Ichalico: Come sfondare la bolla del “marketing” digitale dall’interno | Comunità Valenciana

Javier Echaleku, pioniere spagnolo nel mondo dell’e-commerce e direttore dell’agenzia digitale Kuombo.Monica Torres

Javier Echalik (Alicante, 48 anni) fa parte della comunità Harley Davidson “da quando aveva 15 anni”. Tuttavia, per acquistare lo Sportster 883 XL, ha dovuto aspettare fino all’età di 45 anni: “Per tutto quel tempo non ho smesso di guardare video, ho ammirato i suoi veicoli per strada, mi sono assorbito molto lentamente dei suoi valori e ho persino comprato una maglietta Harley, senza accorgersene, era diventata segno d’amore (Citato da Kevin Roberts di Saatchi & Saatchi). Ad Harley non è mai venuto in mente di interrompermi apparire Durante la visita di un sito web, Inviami uno spam Mentre scorrere di Instagram. Hanno passato decenni a dimostrare i valori che trasmettevano. Ed è così che si arriva all’obiettivo caro alla voglia di marketing oggi: creare una community. Il problema, dice l’esperto, è che gli inserzionisti, “solo perché Internet e le reti esistono”, hanno smesso di funzionare perché loro segno d’amore. “Il risultato è che il 99% degli esercizi di costruzione della comunità sono banali”.

Per tre decenni, Echaleku si è dedicato marketing. Lo facevo già prima di una crisi punto com. “Quindi ho pensato che non sarebbe successo di nuovo. Ora, ancora una volta, nell’ecosistema delle startup, siamo circondati da aziende da miliardi di dollari con un fatturato di 40. Sottolinea che il momento attuale nel settore pubblicitario è molto importante: “Il nickname online sta provocando la bolla più grande del mondo . marketing noto”. Dice: “La democratizzazione, l’arrivo di qualsiasi piccola e media impresa per la pubblicità, non ha solo reso insostenibile il numero di messaggi che ci riguardano; Alcuni dei problemi sono che le persone hanno capito che con 200 euro su Facebook venderanno i loro prodotti a migliaia di chilometri di distanza, che tecnologie come l’intelligenza artificiale stanno soppiantando la professione e che le metriche di Internet determinano il successo”.

READ  L'acquisizione e la gestione dei dati ambientali come strumento chiave per una trasformazione sostenibile

Insegnante e capo dell’agenzia, Kuombo, questo professionista non ha esitato a dare il nome al suo nuovo libro marketing su Internet. La grande bolla del ventunesimo secolo. Pubblicato da Universitat Politècnica de València, non nega la necessità di distinguersi in uno spettacolo globale: “Sì, devi dichiarare. La domanda è come, perché la somma di piattaforme e strumenti online ci ha reso pigri. Sempre più, noi hanno deciso di affidarsi a tecnologie di terze parti e analisi di terze parti.Sui nostri clienti.Come se non bastasse, queste soluzioni non sono nelle nostre mani e non rispettano ciò che, forse, fornendo loro i nostri dati, lo faranno darcelo tra 15 o 20 anni. E tutto questo abbracciava il soprannome: in linea. Questa entelechia ha fatto dimenticare alla maggior parte degli inserzionisti che il marketing riguarda la comprensione dei costi, il controllo del prezzo in un negozio, su un sito Web e su Amazon, l’investimento in canali di distribuzione migliori, nel servizio clienti, nel rendere il tuo marchio discreto in una conversazione in cui messaggi pubblicitari in realtà supera i messaggi non pubblicitari. La bolla inizia dove ignori questo ambiente e l’idea di una soluzione tecnologica che quello che fanno quasi tutti su reti e piattaforme è pubblicare annunci e non hanno una visione globale di cosa sia e di come possono migliorare il mondo che fare appello a. In questo scenario, Echaleku non è l’unico segnale acustico. Il rapporto annuale dell’agenzia specializzata in Influencer marketing H2H punta in due direzioni: 20 dei 55,7 milioni investiti in questo settore sono “persi”. la ragione? Più del 30% del contenuto di questi descrittori è pubblicità “quindi smettono di influenzare”.

READ  McDonald's include Bimbo come nuovo fornitore di pane

Echaleku invita le PMI a rinunciare all’apprendimento, in particolare, “a investire nelle reti, sì, ma con un’ossessione locale. Devono essere consapevoli del primo mondo che possono trasformare. Devi stare più attento, pensare a lungo termine, e butta via l’idea che il tuo marchio sia la prima e unica cosa che vuoi che appaia ogni volta che comunichi, non c’è più posto per questo. Tuttavia, scende a compromessi sulla complessità dello scenario che affronta nel suo libro e nei video che pubblicano questa esplosione controllata del titolo. in linea per lui marketing. “Capisco che il sistema stia mostrando una realtà distorta, perché anche i grandi marchi non fanno le cose per bene. E presentare tecnologie che sembrano risolvere i sondaggi, dal momento che ci sono, aiutano di meno. Basta aprire YouTube e lasciarsi andare. Taglia all’istante una pubblicità per un prodotto che non abbiamo mostrato Interessato. Faccio un esempio: quante volte ha pubblicizzato un’azienda responsabile dell’invio di denaro dall’Europa all’America Latina. Non ho famiglia lì, non l’ho fatto t cerco viaggi lì, non comunico con nessuno lì … ho dovuto saltare l’annuncio decine o centinaia di volte, è solo un esempio, ma fino a che punto nel settore siamo stati responsabili di convincere gli inserzionisti con il idea che tutto è classificato, tutto è misurabile e più efficace per il fatto che siamo digitali. Se questi fatti si moltiplicano nei 15-20 anni che abbiamo investito online… in realtà, abbiamo un problema.”

Ciò che colpisce di più è il più vicino a ciò che accade. Per non perderti nulla, iscriviti.

Sottoscrizione