Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Jesús Gutiérrez, Professore UCLM: “Il partito che centralizza e va agli estremi, incapace di raggiungere accordi, ne paga il prezzo” – Lanza Digital

Il confronto tra Pablo Casado e il Presidente della Comunità di Madrid (nella foto), la debolezza della leadership e lo status della destra spagnola sono alcuni dei temi affrontati da Jesus Gutierrez/AFP

Leader del Partito Popolare, il declino della destra tradizionale di fronte all’ascesa di nuovi movimenti di destra, la necessità di accordi interpartitici e gli effetti del conflitto interno tra il leader nazionale e il leader di Madrid, che rimostranze consentite al punto da rovesciare Pablo Casado, sono alcuni degli argomenti trattati in questa intervista a Jesus Gutierrez, professore associato presso l’Università della California, Los Angeles. Sulla crisi del principale partito di opposizione, che ha lasciato i cittadini in uno stato di confusione, questo dottore in scienze politiche afferma che quando un partito occupa uno spazio centrale, dando risposte ai cittadini, va agli estremi e non riesce a trovare accordi. paga il prezzo”

Il Partito popolare deve decidere se vuole essere una forza politica in grado di raggiungere accordi in questo Paese. Se mette nel suo romanzo gli assi principali che fanno girare la sua politica, quale è l’identità nazionale, contro gli indipendentisti, e che pone al centro della storia, le questioni che riguardano i cittadini. E quando ti allontani, questo accade”.

È così che il Professore Associato dell’UCLA Jesus Gutierrez Vilalta comprende la situazione nel Partito Popolare, e in questa intervista analizza le conseguenze che una crisi di questa portata può avere sull’elettorato di centrodestra in questo paese, ovvero una crisi tale che è finita , per il momento, con la caduta del leader nazionale Pablo Casado.

Per il Dottore anche in scienze politiche e governo, la situazione del Partito popolare oggi non è solo una crisi di leadership, ma anche che la destra spagnola non ha occupato lo spazio che ha fatto la destra liberale europea presentandosi come un governo alternativo permanente mentre “non è successo qui, ma sono diventati molto preoccupati per l’avvento della forza politica alla loro destra”, spiega in questa intervista in cui affronta anche l’impatto delle lotte intestine tra il leader nazionale e il partito. Il condottiero madrileno e questo sbalordiva i cittadini.

Gesù Gutierrez

Jesús Gutiérrez Villalta è Professore Associato all’UCLM, Dottore in Scienze Politiche ed esperto in comunicazione strategica, consulenza politica ed euristica / Lanza

Domanda: Come spiegare a un cittadino di Castilla-La Mancha la crisi che sta attraversando il Partito Popolare?

Risposta– Quella che sta accadendo non è una crisi di partiti politici, ma una crisi di un partito popolare. La crisi economica ha spostato i tradizionali equilibri che avevamo nel 2008 e la pandemia non ha aiutato e stiamo ancora soffrendo gli effetti di quella grande crisi sociale e istituzionale, e non per niente un’intera generazione di giovani è piena di dubbi.

Questa nuova situazione ha portato al fatto che i partiti politici con una lunga storia di creazione, nati due secoli fa, devono adattarsi ai cambiamenti sociali, al ricambio generazionale che avviene al loro interno, cambiando il loro discorso, la loro storia, la loro narrazione, il loro progetto , ecc. Questa è la situazione a cui le altre parti hanno già assistito. Tieni presente che la mia generazione vive in una partnership bipartitica, qualcosa che, a quanto pare, non accadrà più.

READ  Nasce El Cau del Roure, un nuovo spazio espositivo per 'artisti emergenti'

Crisi mal risolta

La situazione in cui si trova oggi il Partito Popolare, però, potrebbe essere una crisi non risolta bene, è il primo partito politico a perdere la proposta di censura, che ha lacerato ovunque e persistito in alcune zone e ha scelto , a differenza della destra europea – la più centralizzata e liberale – di competere per un pubblico di elettori di estrema destra e questo sta facendo effetto.

Come spieghi questo? Quando un partito occupa uno spazio centrale, fornendo risposte ai problemi dei cittadini, lasciando quello spazio e andando agli estremi, incapace di raggiungere accordi e chiudere equilibri istituzionali, ne paga il prezzo. E questo è il prezzo.

D: Non è solo una crisi di leadership, ma anche una risposta al declino della destra tradizionale di fronte all’ascesa di nuovi movimenti alla sua destra. È anche?

S. Sì, dalla destra spagnola che non ha occupato lo spazio che aveva la destra liberale europea, potendo essere un governo alternativo permanente, con stabilità e comprensione dell’alternanza delle istituzioni. Questo non è successo qui, ma sono diventati molto ansiosi per l’emergere di una forza politica alla loro destra.

No, non credo che la crisi riguardi la leadership, davvero. Quello che è successo è stato uno scontro tra due persone che sono andate ciascuna con una torcia (Pablo Casado e Isabel Diaz Ayuso) e quindi una di loro stava per bruciare. Ma non è che la direzione del Partito popolare abbia fallito, perché non ha trovato risposte all’ultimo congresso e vedremo come risolverà la situazione attuale.

D’altronde c’è da dire che sul piano delle comunicazioni le cose non vanno bene per il Partito popolare perché in questo momento c’è una guerra in Europa, e nei media può aiutare il Partito popolare ad assumere la sua situazione meglio o perché la crisi sta raggiungendo la cittadinanza più del doppio.

D: Cosa c’è sul tavolo è quale linea seguire in futuro?

S. affatto. Il Partito popolare deve decidere se vuole essere una forza politica in grado di raggiungere accordi in questo Paese. Se abbandona o inserisce nel suo romanzo, nella sua storia, quegli assi fondamentali che fanno girare la sua politica, ovvero l’identità, il nazionalismo, contro gli indipendentisti e che mettono al centro della storia le questioni che riguardano i cittadini. E quando uno se ne va, questo accade.

Con la crisi di indipendenza il Partito popolare ha cercato di renderlo redditizio, poiché quando solleva la questione del terrorismo si allontana sempre più dai cittadini. Pertanto, non si trattava solo di una leadership debole e inadeguata, ma piuttosto che questa generazione di dirigenti del Partito popolare si era formata in quei giorni.

READ  Dai dati integrati dello spazio pubblico e privato alla sandbox

D: Chi beneficia di questa crisi popolare?

S. Argomento interessante. Mi chiedono perché la sinistra non approfitta di questa crisi. A mio avviso, se il Partito popolare scompare dalla scena, cosa che non succederà, e francamente, questo Paese non se la caverà bene; L’alternativa sarebbe molto complicata.

Chi è il beneficiario? Al momento qualcuno deve fornire spiegazioni e non sono beneficiari a breve termine, come nel caso del Presidente della Comunità di Madrid. Le cose qui accadono e sembra che la questione non sia stata discussa e che il signor Casado abbia deplorato una situazione complicata all’interno del suo partito, dopo quattro giorni ha finito per firmare le dimissioni per non essersi presentato al Congresso, costringendolo a convocare i suoi colleghi. L’uomo rovinato.

Chiunque sia il beneficiario sarà visto alle prossime elezioni. Potrebbero essere Vox. non desidero.

D: Tuttavia, può essere uno dei beneficiari

S. Certamente e dipende da come Vox gestisce la situazione. Finora giocava fuori dalle istituzioni. Lui è fantastico lì. Ma se entra a far parte del governo di Castilla y León o di qualsiasi altro governo, subirà anche le conseguenze di prendere decisioni che non piacciono ai cittadini e vedremo cosa succede ora.

D: Qual è l’impatto di questa crisi sull’elettore?

S. Una percentuale dei voti del Partito Popolare appartiene al partito, ed è necessario sapere qual è la loro terra e cosa accadrà se migliorerà un po’, se verrà integrata in un accordo istituzionale, se firmeranno accordi che fanno Non voglio firmare con il presidente del Consiglio in materia di giustizia e altri, ma ci sarà sicuramente un impatto sull’elettore. Ma può anche essere corretto se le elezioni si svolgono in tempo e

Pablo Casado è rimasto a capo del pubblico fino all’inizio di aprile e in politica succedono molte cose in un mese.

D: Da esperto, pensi che PP avrebbe potuto evitare di fare molti danni? Le persone sono rimaste sbalordite da ciò che hanno visto

S. Si è sempre detto che un avversario in politica è il contrario, ma il nemico è nel tuo stesso partito. Dobbiamo renderci conto che il cammino di Casado per arrivare a questa sconfitta non è stato facile. Aveva permanentemente la spada di Damocle di Lady Diaz Ayuso sopra la sua testa. Se alla fine non misuri bene la tua forza, non ti equilibri bene, perdi. Il motivo che ha perso è stato a causa di una cattiva gestione della comunicazione. Perché chi darà una spiegazione dei contratti del fratello del Presidente della Comunità di Madrid? Non ha detto questo.

D: Sei a conoscenza di situazioni simili in altri partiti politici?

READ  Econo Supermercati presenta lo spazio virtuale ridisegnato per “7 days of Flavour” | Aharon

S. Si segnalano quelli che ha attraversato il PSOE nel 2016, ma non sono affatto comparabili. Capisco che tutti devono trovare un modo per semplificare per rendere comprensibile il problema.

Queste domande, battaglie interne, hanno luogo nei partiti a tutti i livelli quando arrivano le elezioni ei consigli e si preparano le candidature, e questo è avventato. E se passiamo al livello successivo, sarà lo stesso e in tutte le aree, perché alla fine stiamo parlando di arrivare al potere e questo richiede molta forza e capacità per arrivarci.

Quindi non credo che la crisi del Partito popolare possa essere paragonata alla crisi del Partito socialista attraverso un processo di leadership aperta attorno a un Congresso incapace di determinare le politiche future.

elenco delle lamentele

Qui, quanto accaduto è stato più che messo in discussione dal governo della Comunità di Madrid in merito ai contratti che interessavano la presidenza e ha portato a una battaglia mediatica, un conflitto interno, che ha consentito l’elenco delle lamentele e il rovesciamento di Casado.

D- Confronto con il Presidente della Comunità di Madrid… Leadership debole… La situazione della destra spagnola…

R è stato trovato.Il momento che sta vivendo la destra spagnola non si presenta adesso. Vox è nato perché la destra non è in grado di capire la pulsione sociale. In altri luoghi è stato creato un “collare sanitario” per l’estrema destra, mentre qui sono ammessi a Murcia e vedremo cosa succede in Castilla y León, questo inonda gli occhiali con cui guardiamo anche la realtà distorcendo tutto ciò che vediamo .

D: Sei ottimista sul futuro dei partiti politici in Spagna?

R- Il Partito Popolare gode del sostegno delle fonti del potere, cioè ha una buona rete di supporto dei media che aiuta a comunicare al pubblico un modo per vedere questa crisi. Abbiamo già sentito alcuni leader dire che lo hanno chiuso.

Mi piace l’equilibrio istituzionale, come spettatore di questo, perché credo che qui ci siano le migliori condizioni per la crescita e lo sviluppo sociale, per l’uguaglianza, per combattere i problemi reali che dobbiamo affrontare e perché ci sia il rispetto delle regole del gioco. Questo non era il caso. Non dobbiamo dimenticare che il Partito popolare ha votato contro la riforma del lavoro che lo stesso amministratore delegato ha approvato, è contro tutto.

Dove vogliamo che vada il Paese?

Tuttavia, vorrei essere ottimista, perché abbiamo bisogno delle forze politiche per dare l’esempio di dove vogliamo che il nostro Paese vada, perché abbiamo molti problemi molto seri. Avremo la possibilità di acquisire i nostri progetti vitali in questa regione? Possiamo farlo? Di cosa abbiamo bisogno e di cosa stiamo parlando? Quali problemi dobbiamo affrontare oggi? …ma se l’interesse di questo Paese è il ruolo degli attori che devono portare la pace istituzionale – i partiti politici – un male.

Ma sì, voglio essere ottimista sul comportamento dei partiti politici. Abbiamo vissuto 40 anni di democrazia e dovremmo essere abbastanza maturi per sapere come affrontare questi processi interni in modo meno scandaloso.