Ottobre 2, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Joe Biden e Vladimir Putin | Guerra Russia-Ucraina | ‘Non ha idea di cosa accadrà’: il più grande avvertimento da un leader americano a un russo dalla fine della Guerra Fredda | Stato dell’Unione | Volodymyr Zelensky | NATO | Donbass | Globalismo

Il più grande avvertimento di un presidente americano a un leader russo dalla fine della Guerra Fredda riferito a lui come “dittatore” e afferma di dover pagare un “prezzo” per la conquista .

“Non ha idea di cosa accadrà”, ha detto Biden durante il suo discorso sullo stato dell’Unione a entrambe le camere del Congresso, dopo che la Russia ha intensificato i suoi attacchi alle città ucraine.

Aspetto: ‘Sembra una realtà parallela’: come i media russi riportano l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin

La legge sul Campidoglio è stata un chiaro segno del sostegno bipartisan di Washington all’Ucraina, così come delle forti sanzioni economiche che sono state imposte alla Russia e allo stesso Putin nei giorni scorsi.

I legislatori democratici e repubblicani hanno fatto una standing ovation al popolo ucraino quando Biden ha chiesto loro questo “segno” e hanno affermato che l’ambasciatrice del Paese negli Stati Uniti, Oksana Markarova, era presente nella stanza con la First Lady Jill Biden.

Tuttavia, il discorso presidenziale è stato anche un promemoria dei limiti che la Casa Bianca ha posto di fronte al conflitto armato in Europa, anche se gli Stati Uniti hanno fornito aiuti militari ed economici all’Ucraina.

Sia chiaro: Le nostre forze non partecipano e non prenderanno parte a un conflitto con le forze russe in Ucrainadisse Biden.

“Le nostre forze non andranno in Europa per combattere in Ucraina, ma per difendere i nostri alleati della NATO, nel caso Putin decidesse di avanzare verso ovest”, ha aggiunto.

Ha detto che gli Stati Uniti ei loro alleati “difenderanno ogni centimetro del territorio della NATO con tutta la forza” della loro forza collettiva.

READ  Negli Stati Uniti, prima del furto del tosaerba, ha tagliato l'erba ai proprietari

Ma anche riconoscendo il “coraggio” con cui gli ucraini stanno combattendo per il loro Paese, Biden ha osservato che “i prossimi giorni, settimane e mesi saranno difficili per loro”.

“Errore”

In passato, altri presidenti degli Stati Uniti si sono scontrati con Putin per vari motivi.

Ad esempio, quando la Russia ha annesso la Crimea nel 2014, l’allora presidente Barack Obama ha avvertito che Mosca avrebbe imposto “costi”.

Il presidente russo ha “giudicato male” invadendo l’Ucraina, secondo Biden. (Getty Images).

Ma le sanzioni applicate a questa misura e alla guerra che la Russia ha iniziato nel Donbass, nell’Ucraina orientale, contro compagnie petrolifere, finanzieri e privati ​​russi sono state molto più leggere di quelle risolte negli ultimi giorni dagli Stati Uniti e dai suoi alleati.

Ricorda Biden quello Queste sanzioni mirano ad escludere le maggiori banche russe dal sistema finanziario internazionale Alla Banca centrale russa è stato impedito di concedere 630 miliardi di dollari di riserve per stabilizzare la propria valuta.

Biden ha detto al Congresso che il valore del rublo è sceso del 30% e la borsa russa è stata costretta a chiudere.

“L’economia russa vacilla e solo Putin è responsabile”, ha detto.

Era anche insolito che Biden si riferisse a Putin come a “dittatore”anche se in precedenza aveva messo questa etichetta su di esso nel 2016 quando era vicepresidente di Obama e la Russia ha interferito nelle elezioni statunitensi vinte da Donald Trump.

Tuttavia, dopo essere entrato in carica l’anno scorso, Biden ha cercato un’intesa con Putin.

L'ambasciatore ucraino negli Stati Uniti è stato uno degli ospiti d'onore del discorso.  (Agenzia per la protezione ambientale).
L’ambasciatore ucraino negli Stati Uniti è stato uno degli ospiti d’onore del discorso. (Agenzia per la protezione ambientale).

I due leader hanno tenuto un incontro personale a Ginevra lo scorso giugno, dopo il quale Biden ha affermato di vedere prospettive per migliorare le relazioni con la Russia.

Tuttavia, il confronto tra i due ricorda i momenti più tesi della Guerra Fredda.

Il presidente russo aveva messo in allerta le forze nucleari del suo Paese, soprattutto pochi giorni fa, in risposta a quelle che ha definito “dichiarazioni aggressive” dei leader della Nato sull’Ucraina.

Martedì, Biden ha affrontato la crisi ucraina all’inizio del suo discorso annuale al Congresso, il primo del suo mandato che tradizionalmente inizia con questioni interne statunitensi piuttosto che internazionali.

Affronta il problema assicurandolo “La libertà trionferà sempre sulla tirannia”.

“Nel corso della nostra storia abbiamo imparato questa lezione: quando gli autocrati non pagano il prezzo della loro aggressività, causano più caos. Continuano a farlo. I costi e le minacce per l’America e il mondo continuano ad aumentare”, ha detto.

Ha anche detto che il presidente russo ha lanciato un attacco premeditato contro l’Ucraina ma “calcolato male”.

“Pensava che l’Occidente e la NATO non avrebbero risposto. Penso che questo potrebbe dividerci”, ha detto. “Putin si sbagliava. Eravamo pronti.”

un momento speciale

Alcuni analisti hanno elogiato il modo in cui Biden ha risposto a Putin, cercando l’unità tra gli alleati degli Stati Uniti senza impegnarsi in uno scontro militare diretto con la Russia.

“La risposta del presidente Biden all’invasione russa dell’Ucraina è stato il suo momento migliore come presidente”, afferma William Galston, esperto di politiche pubbliche presso la Brookings Institution di Washington ed ex consigliere del presidente Bill Clinton.

“L’Occidente è molto più unito di quanto la maggior parte dei pessimisti avrebbe detto qualche settimana fa, e la performance di Biden ha qualcosa a che fare con questo”, ha detto Galston a BBC Mundo.

Diverse bandiere e insegne ucraine sono state viste durante il discorso di Biden al Congresso.  (Getty Images).
Diverse bandiere e insegne ucraine sono state viste durante il discorso di Biden al Congresso. (Getty Images).

Come indicano gli applausi ricevuti al Congresso per le sue dichiarazioni sull’Ucraina, Biden ha anche un ampio sostegno nazionale per le azioni che ha intrapreso contro Mosca.

Tre americani su quattro sostengono sanzioni economiche contro Russia e Putinsecondo un sondaggio di CBS News di questa settimana.

Inoltre, il 65% sostiene l’invio di armi in Ucraina e il 63% approva l’invio di truppe per proteggere gli alleati NATO di Washington.

Ma in un paese politicamente polarizzato come gli Stati Uniti, la domanda è quanto durerà questo sostegno.

La popolarità di Biden è diminuita da quando è entrato in carica l’anno scorso e il suo indice di gradimento varia tra il 44% e il 37% secondo vari sondaggi.

Joe Biden sta cercando di mantenere un ampio sostegno per le sue azioni in Ucraina.  (Getty Images).
Joe Biden sta cercando di mantenere un ampio sostegno per le sue azioni in Ucraina. (Getty Images).

Sia i democratici che i repubblicani chiedono che le misure contro la Russia includano un divieto alle importazioni di petrolio da quel paese.

Si tratta di una questione particolarmente delicata per gli Stati Uniti, che devono far fronte al tasso di inflazione più alto degli ultimi 40 anni (7,5%) e hanno già visto aumentare i prezzi del petrolio a causa del conflitto in Europa.

Se la guerra continua per mesi, l’economia statunitense e l’economia globale potrebbero subire ulteriori effetti.

“Biden ha l’opportunità di convincere il popolo americano che i sacrifici per la libertà e la democrazia nel mondo valgono la pena”, afferma Galston.

Aggiunge: “Molto probabilmente le conseguenze economiche delle misure adottate saranno negative. Ma penso che gli americani siano ora pronti ad accettarle”.

“Lo faranno tra tre o quattro mesi se le cose vanno male? Non lo so.”

_________________________________

Video consigliato

Russia: Vladimir Putin riconosce le repubbliche separatiste e genera disapprovazione internazionale
Il presidente russo Vladimir Putin ha dato una nuova svolta alla crisi ucraina riconoscendo oggi l’indipendenza delle autoproclamate repubbliche separatiste filo-russe di Donetsk e Lugansk, nella regione del Donbass dell’Ucraina orientale, che ha immediatamente portato alla nascita di il rifiuto e la condanna dei principali attori internazionali coinvolti in questa crisi a sostenere Kiev: gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione Europea. (Fonte: EFE)

Potrebbe interessarti