Settembre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Johnson afferma che il rapporto IPCC è un “campanello d’allarme”

crisi climatica

Londra, 9 agosto (EFE). Il primo ministro britannico Boris Johnson ha dichiarato lunedì che il rapporto sui cambiamenti climatici pubblicato lunedì è un “campo di allarme” per il mondo, in vista del vertice di Glasgow (Scozia) che si terrà a novembre.

“È chiaro che il prossimo decennio sarà cruciale per garantire il futuro del nostro pianeta. Spero che il rapporto di oggi serva da campanello d’allarme affinché il mondo agisca subito”, ha detto il capo del governo in una dichiarazione al media.

Alok Sharma, presidente del vertice della COP del 26 novembre, ha osservato che la scienza è “chiara” osservando che l’impatto della crisi climatica può essere visto in tutto il mondo e che se non verranno prese misure, continueremo a vedere il peggio effetti”, a causa dell’impatto sui modi di vivere e habitat naturale.

“Il nostro messaggio a ogni Paese, governo, impresa e parte della società è semplice: il prossimo decennio è cruciale”, ha aggiunto.

Il nuovo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) avverte che molti degli effetti del riscaldamento globale, in particolare negli oceani e nelle regioni polari, sono “irreversibili nei prossimi secoli o millenni”.

Il documento stima che il livello del mare continuerà a salire in modo irreversibile, tra i 28 ei 55 cm entro la fine del secolo rispetto ai livelli attuali.

Il Regno Unito presiederà la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26) dall’1 al 12 novembre nella città scozzese di Glasgow.

READ  Il governo di Haiti vieta i grandi campi profughi a causa del terremoto nelle aree urbane