domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Julio Chavez: “Il teatro è il luogo in cui ho deciso di essere un combattente”

Julio Chavez riceve “El Planeta Urbano” nel suo laboratorio, Uno spazio dove l’arte respira in ogni angolo. il suo gatto, Malbecsi presenta subito per assicurarsi che tutto sia a posto, e quando se ne va, lascia il palco pronto per una conversazione profonda.

Durante la conversazione, Attore, regista e drammaturgo Riflette sulla parola come strumento, ispirandosi al libro Arco e liraScritto da Ottavio Paz. “Oggi l’espressione è imbarazzante, soprattutto quando si vogliono dargli concetti seri. In teatro la parola chiara chiama il contenuto ad apparire.

E nel suo nuovo lavoro santoche può già essere visto in passeggio la piazza, Chavez si mette nei panni del filosofo e scrittore per teorizzare sulla condizione umana, sollevando più domande che risposte. Per la prima volta è invitato a confrontarsi con il triplice ruolo di autore (con Camila Mansilla), regista e attore dello spettacolo. Parla con qualcuno di questa sfida e di molte altre Unione Europea.

– Immagino sia stato difficile coprire così tanti fronti.

-È stato complicato, non lo nego. La cosa più difficile per me è riuscire a seguire i miei colleghi mentre sono dentro, ma allo stesso tempo Sono abituato ad avere un occhio esterno che guarda, Controllare e Riflettere Quindi sono arrivato a questo con molte cose che ho sperimentato lungo il percorso, che oggi mi rendo conto mi stavano preparando per questo momento. Ho interpretato questo triplice ruolo anche nel mio film Quando la guardo (2022), ma in teatro è la prima volta.

-La tua vista ci invita ad osservare gli universi profondi. Come mantieni questa ricerca di fronte alla contemporaneità che spesso sembra aggredire l’invisibile, muovendosi a una velocità diversa?

-È un lavoro, quindi non pensare che non sia innamorato o che non ascolto quello che succede intorno a me; So cosa sta succedendo a Calle Corrientes, è una decisione che ho preso. Riguarda il modo in cui creo e cerco di fare l’esercizio di tradurre un dialogo che ho con me stesso: “Com’è per me”, “Qual è la voce della mia soggettività”, “Quanto tempo vale questo?”.

Forse lo spettatore si sentirà chiamato a farlo Il ritmo non è quello a cui sono abituato, Ma devi scegliere se lasciarti trasportare dall’evidente bisogno dello spettatore o se lasciarti guidare da come lo percepisci. Questo è chiamato responsabile. Ammiro chi si assume la responsabilità e può non piacermi quello che decide, ma se una persona è consapevole e si assume la responsabilità di quello che fa, ha un grande valore. Ti dirò una cosa che dico a molti tuoi colleghi: Il teatro è lo spazio in cui ho deciso di essere attivo.

READ  José María Velázquez-Gazetillo ha aperto l'agenda di aprile all'Espacio Expoflamenco

– Puoi spiegarmelo?

– Pratico l’etica, l’estetica e la responsabilità e cerco di pensare in questo ambito. Non mi impegno politicamente, perché se decidessi di farlo, penso che non lavorerei come attore, sarei in missione o farei un lavoro sociale. per me La tenacia è ciò che decidi tu, È la posizione del corpo. Credo che l’idea abbia una scena, e che l’uomo debba fare da palcoscenico ai suoi pensieri, e questo significa un impegno attivo, cercando di far corrispondere l’azione alla parola, e la parola all’azione. Dato che in questo senso tengo molto a me stesso, ho deciso di restare qui nella professione di attore, cercando di costruire quella che intendo come arte.

-Tornando al lavoro, come immagini il suono e il suo rapporto con il teatro? Sul palco e nella recitazione, visto che anche qui sei regista?

Innanzitutto, crea un collegamento, in questo caso con Diego Viner È un musicista eccezionale e un tecnico del suono eccezionale. Quello che volevo fare era vedere se potevo imparare a lavorare meglio in squadra, perché per me è molto difficile capire Lavorare in squadra non è una democrazia di opinioni. Almeno nell’arte e per quello che ne capisco. La creatura, per me, ha un padre o una madre, e quindi ha dei collaboratori molto importanti che ti permettono di esercitare la vista.

penso che L’orientamento è imparare a governare; Giudicare significa imparare ad avere, lasciare andare, ascoltare, ricevere, decidere e anche riconoscere quando qualcosa non va bene. È un esercizio costante tra la prospettiva personale e la possibilità di renderla più flessibile. In natura i bastoncini più resistenti sono quelli che possono piegarsi leggermente, quindi se qualcosa è troppo rigido è molto probabile che si rompa.

– In “Il Sacro” avviene un incontro complesso. Il tuo personaggio ha appena terminato la sua autobiografia e riceve una visita a sorpresa dal figlio del suo ex compagno, che gli chiede di mantenere la sua promessa. Cosa puoi dire a riguardo?

READ  La pazienza di Sonic non è infinita e se fai aspettare troppo il riccio di SEGA si ucciderà su Sonic CD

-Parte di ciò che vogliamo raccontare nell’opera è che c’è un incontro, non è del tutto chiaro se si tratti di un incontro di un uomo adulto con un uomo molto giovane, di un incontro di un padre con suo figlio, di un incontro di una donna. Il Creatore si identifica con l’essere che lo ha ispirato, ma l’importante è che lo rappresenti anche L’incontro di una persona con la sua coscienza. Era come se la sua coscienza suonasse un campanello e gli dicesse: “È giunto il momento della resa dei conti”. In santo Volevamo anche produrre una verità estetica classica, in cui abbiamo avuto l’audacia di dire che amiamo i film, il clima, la musica e amiamo raccontare una breve storia di natura teatrale.

– Sei un attore affermato da molto tempo, ma la tua interpretazione in questo ultimo lavoro è particolarmente commovente. Pensi di aver raggiunto un’altra fase della tua carriera?

Innanzitutto ti ringrazio moltissimo, ma non posso rispondere affermativamente alla tua domanda, perché contiene un complimento (serie). proverò a risponderti, E sono nel bel mezzo del viaggio, Quindi non posso valutare bene. Ciò che posso sentire dal mio lavoro è che c’è risoluzione e pericolo in questo spettacolo. Un modo di relazionarmi con i miei colleghi in questo campo è che il teatro per me è questo, il che non significa che quello che fanno gli altri non è teatro, ma semplicemente quello che rappresenta la mia visione in un momento molto specifico del mondo, del Paese. E anche dal nostro ambiente.

-Ti senti ostracizzato dai tuoi colleghi?

– No, per niente, dal mondo dello spettacolo sicuramente, ma non dai miei colleghi. Se a loro interessa cos’è un evento teatrale e le problematiche che comporta, allora faccio totalmente parte della famiglia. Ma non è che io abbia l’esperienza nel mio corpo che siamo davvero una grande famiglia, ma non è perché lo rifiuto, ma perché non lo vivo in quel modo. La mia famiglia spazia da Peter Brook a qualsiasi essere umano che fa una scena, cioè fa qualsiasi gesto che tenti di essere una maschera per un certo sentimento.

Ho assoluto rispetto per i miei colleghi, Ma non mi sento obbligato ad avere una relazione con qualcuno solo perché è un attore, un’attrice o un regista. Il posto migliore per incontrarli è il posto di lavoro, dove creo comunità e fratellanza.

READ  Limonero, un nuovo spazio per l'arte e per gli incontri

– Pensi di lasciare una sorta di eredità attraverso i tuoi lavori artistici?

-Forse sì, forse no, e anche se così fosse, penso che sia bello fare l’esercizio di sapere che se tu, io o qualcuno sparissimo domani, il sole sorgerebbe ancora, la gente continuerebbe a camminare e la vita andrebbe avanti. Continuerà. Questo ci porta ad apprezzare quale sia la condizione umana. I due sono dentro santo Proprio come nella mia vita, cerco di pensare a quello che mi dico e parte di ciò che mi dico è che non importa quanto combatto, il mio governo, il mio lavoro, Non sono il centro del mondo Quando morirò, non accadrà molto.

In questo senso, sto parlando dei nostri bisogni come esseri umani TrasgressionePerché noi vogliamo restare qui ed è bello che quando arriva il momento, la vita ti avverta che quello che hai fatto è bello, che sei molto apprezzato e che ora puoi andartene in pace.

– Hai imparato a recitare più di 45 anni fa. Cosa trovi dell’essere insegnante e formatore di attori?

– Non sono un insegnante di attori, Sto collaborando con qualcuno che vuole formarsi, Ho imparato che la volontà e la decisione di allenarsi sono individuali. Ho avuto grandi maestri, e ho avuto un aiuto fondamentale, ma il maestro che mi ha formato, però, sono stato io. Formiamo attori per due ragioni: in primo luogo, perché mi ha aiutato a stabilire un’economia di sopravvivenza di base in tempi in cui non riuscivo a trovare il tipo di lavoro che volevo fare, e per questo nutro profondo rispetto e gratitudine. E in secondo luogo, poiché è uno spazio in cui posso riflettere su molti aspetti del mestiere, mi costringe a dialogare con me stesso e con qualcuno interessato alla recitazione. Lavorare con gli studenti è stato, e continua ad essere, un luogo di apprendimento estremamente prezioso durante tutta la mia carriera.

Foto: Agenzia Tommy Pashkus @tpagencia

Foto in teatro: @maderenaudier

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles