Marzo 1, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Karra Elejalde recita nel suo nuovo film Chisciotte dallo spazio

Il fumo invade tutto e si insinua negli angoli e nelle fessure delle stanze. Fortunatamente le maschere con cui vengono registrate le scene e il diradamento della fitta nebbia in un piccolo appartamento trasformato in un’astronave. nocca oggetti di scena Gli fa credere, come l’eroe del film, di essere in realtà su un’astronave.

Mentre i tecnici si preparano, si sente una voce chiara (e una risata) da Karra Elejalde in sottofondo, mentre la sceneggiatura scivola via con la nuova arrivata Daniela Pizzotti. Solo con le loro voci c’è l’alchimia che è nata tra le due persone immaginate.

Entrambi sono eroi Keplero VI bÈ l’ultimo film dell’attore basco e il debutto del regista leonino Alejandro Suarez Lozano.

Le riprese al Planetario di Castillo.

Natxo Martinez

Un racconto sociale che fonde fantascienza e umorismo e racconta la storia di Jonas (Kara Elegalde), un tipo di Chisciotte del nostro tempo – che vede gli alieni dove l’altro ha visto i giganti – e crede di essere in missione interplanetaria. Jonás viene salvato dalla sua vicina Zaida, una ragazza che vive intrappolata con il suo tutore legale, che ha pietà di quel vecchio che vaga sulla pista di atterraggio vestito con un costume da astronauta ed entra nella sua immaginazione.

Per alcuni giorni dopo l’inizio del fine settimana, il film, prodotto da Turanga Films e Pincheforn Producciones, è stato girato nella comunità valenciana in località come Vall d’Uixó (dove si trova l’esclusiva navicella spaziale), Castillo, Valencia e Torrent.

È una giornata complicata per le riprese e le interruzioni del copione. Pezzotti, nonostante la giovinezza e l’inesperienza, non si è fatto intimidire dai riflettori. “È l’amore di una ragazza. E la telecamera lo adora. A volte succede. Fai il casting e trovi qualcuno che ha abilità innate”, spiega Eligaldi.

Il regista del film parla con il giovane eroe.

Il regista del film parla con il giovane eroe.

Natxo Martinez

Questa armonia tra Karra e Daniela è fondamentale, perché quelle battute tra di loro mentre avviano i motori vengono poi trasferite ai ruoli che interpretano.

READ  La piattaforma musicale ha smesso di funzionare in tutto il mondo

Dopo diversi tentativi, Eligaldi la ricama. La scena finisce, scusandosi con la squadra per i fallimenti passati e abbracciando il regista. Togli la tuta dell’astronauta, rimuovi il suo trucco e prenditi cura di lui avanguardia Mentre si cerca di decomprimere con tè alla menta e due lattine di zucchero.

L'attrice Cara Eligalde vestita da astronauta.

L’attrice Cara Eligalde vestita da astronauta.

Natxo Martinez

Cosa ti ha spinto a scegliere un film per un nuovo regista?

“La sceneggiatura è una storia molto bella che condanna molte cose, ma allo stesso tempo è un inno alla speranza. È il rapporto di una ragazza con un vecchio che non ha avuto molta fortuna nella vita e che dimentica la realtà in cui vive .Pensa che il condominio in cui vive sia una nave senza pressione ed è fatto. È invaso dagli alieni. Sono tutti alieni: quello che viene a caricargli l’elettricità, quello che vuole evacuare, l’assistente sociale …”

Eligalde ammette che gli sarebbe piaciuto interpretare Chisciotte se “qualcuno in questo paese si fosse adattato per farlo di nuovo”. Si imbarca così in un progetto che ammette di essere modesto, ma è convinto che soddisferà.

Kara Al Khaled

L’attore basco ammette che gli sarebbe piaciuto interpretare il Don Chisciotte

L’attore spiega che il film ha qualcosa a che fare con questo piccolo PrincipeÈ una poesia dell’infanzia a cui si torna da grandi. Si parla anche di resistenza. Invia un messaggio che c’è ancora speranza nonostante tutte le difficoltà”.

Il regista Alejandro Suarez Lozano ha ammesso che è stato “sorprendente” debuttare come Elekhaledi. “Ha uno stile moderno, ma allo stesso tempo dà molta sicurezza. È il miglior rappresentante possibile del personaggio che ho scritto”, ammette.

La direttrice

Direttore di “Kleper Sexto B” Alejandro Suarez Lozano.

Natxo Martinez

Sebbene la sceneggiatura sia stata scritta cinque anni fa, sembra essere il risultato della pandemia perché il Covid ha esacerbato i problemi di salute mentale e ha messo in evidenza il problema delle case di cura “dove ci sono stati più morti di quanto avrebbero dovuto”, lamenta Eligaldi.

READ  Apple aspira a governare la vendita di computer e ha un piano per realizzarla

Tuttavia, come dice Suarez Lozano, la trama è nata dalla crisi del 2008, quella che lo ha costretto, come tanti altri, a lasciare la Spagna alla ricerca di progetti ad altre latitudini. Infatti, recensioni in conversazione con questo giornale, ha iniziato a scrivere la storia a New York. “Volevo scrivere una storia per il mio paese, la mia cultura e la mia lingua, sperando di tornare un giorno”.

Sebbene il film sia stato pensato per coprire la ferita della crisi precedente, non ha perso la sua attualità perché la pandemia ci colpisce in modo molto simile.



Alexandre Suarez LozanoLa direttrice

È stata proprio la pandemia a fermare altri progetti del regista e autore di cortometraggi. Pescatore S soldato nascosto– e ha messo in scena il regista d’uscita Kleper Sexto B, il suo progetto più personale. Sebbene il film sia stato pensato per coprire la ferita della crisi precedente, non ha perso la sua attualità perché la pandemia ci colpisce in modo molto simile. Ciò che è universale è che in ogni crisi, un legame emotivo, famiglia e amici è la risposta e ciò che ti fa andare avanti.

Liberato dal ruolo di Jonás, sorseggiando un tè e fumando una sigaretta, Elejalde riflette l’autenticità del cinema spagnolo.

A volte mi vergogno perché ho lavorato per tutto il Covid mentre vedevo progetti di colleghi caduti



Kara Al Khaledl’attore

“Mia madre mi diceva che durante la guerra civile c’era così tanta fame che dovevi nasconderti per mangiare un’arancia; ero imbarazzato a mangiare mentre gli altri avevano fame. E ho dato le bucce al tuo migliore amico. A volte ho mi vergogno perché ho lavorato per tutto il Covid mentre vedevo che i progetti dei miei colleghi stavano andando in pezzi; sono stato fortunato”.

READ  L'ultimo gioco di Retro Studios, è già vecchio? Donkey Kong Country: Tropical Freeze compie dieci anni

Per Eligalde, l’industria cinematografica in Spagna non potrebbe essere definita tale, se dovesse essere “sostenuta in modo massiccio”. “Non stiamo facendo niente di buono. Penso che abbiamo bisogno di una legge per proteggere il nostro cinema e la gente si sbarazza di questo composto come se non sapessimo come fare film con lo stesso contenuto, anche se non con un budget così grande il resto del mondo. C’è qualcosa di sbagliato nella nostra autostima e capacità di stimare noi stessi”.

Momento dalle riprese

Momento delle riprese di “Kleper Sexto B”.

Natxo Martinez

È convinto che sia necessaria un’azione. “Se vai in un bar e ordini uno spiedino di caviale e una tortilla, non costeranno lo stesso. Un biglietto del cinema da 10.000 milioni di euro non può costare come un biglietto del cinema che ne costa due. La gente dice che siamo sovvenzionati e ci lamentiamo tanto, ma chi, in un certo senso? Oppure non riceve aiuti? Se avessimo anche salvato la banca”, argomenta alzando la voce.

Abbiamo bisogno di una legge per proteggere il nostro cinema e che le persone si liberino di questo composto che non sappiamo come fare film con lo stesso materiale del resto del mondo.



Kara Al Khaled

Eligaldi si rende conto che il modo di consumare il cinema sta cambiando.

Le piattaforme fanno sì che le persone vadano meno al cinema, ma ci sono più spettacoli nelle case, aiutano o danneggiano?

“Le piattaforme ci hanno salvato molte vite. Un film è stato girato in sei o otto settimane, a seconda del budget, mentre la serie ha richiesto sei mesi di lavoro. Siamo molto nella grande famiglia e il cinema non bastava per tutti di questo tipo. La rivalità tra le piattaforme ha generato molto lavoro. May Fa male allo spettatore che smette di andare al cinema, ma i professionisti sono venuti a salvarci un po’ la vita”.

Così, non osando fare una diagnosi, crede che ogni professionista possa pensare a qualcosa di diverso, anche se si azzarda: “Non credo che ci stiamo divertendo”.