Febbraio 4, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Banca centrale del Cile mantiene un tasso di interesse di riferimento dell’11,25% da parte dell’EFE

La Banca Centrale del Cile mantiene un tasso di interesse di riferimento dell’11,25%.

Santiago del Cile, 6 dicembre (.). – La Banca Centrale del Cile ha deciso questo martedì di non apportare modifiche al tasso di interesse di riferimento per la prima volta in un anno e mezzo e di mantenere il tasso all’11,25%, il suo livello più alto. tra due decenni.

La fonte ha spiegato: “La politica monetaria ha operato un aggiustamento significativo e preferisce risolvere gli squilibri esistenti nell’economia. Tuttavia, l’inflazione è ancora molto alta e la convergenza con l’obiettivo del 3% è ancora soggetta a rischi”.

La banca ha aggiunto che il cosiddetto tasso di politica monetaria (TPM) rimarrà all’11,25% “fino a quando la situazione macroeconomica non indicherà che detto processo si è consolidato”.

L’emittente ha tagliato drasticamente i tassi di interesse al minimo storico dello 0,5% poco dopo lo scoppio del coronavirus in Cile, nel marzo 2020, ma ha iniziato a ritirare lo stimolo monetario nel luglio 2021 quando la crisi sanitaria ha iniziato a placarsi.

Gli esperti hanno affermato che gli aiuti finanziari forniti dal governo cileno per mitigare l’impatto della pandemia, così come i prelievi anticipati dai fondi pensione, hanno notevolmente aumentato i consumi lo scorso anno, oltre agli effetti della guerra in Ucraina.

L’economia cilena è cresciuta di uno storico 11,7% nel 2021, dopo un forte calo del 5,8% nel 2020 a causa della pandemia e un’inflazione cumulativa del 7,2%, la più alta in 14 anni.

A ottobre, l’inflazione era dello 0,5% e il suo avanzamento su 12 mesi era del 12,8%, ben al di sopra dell’intervallo di tolleranza dell’organismo dal 2% al 4%.

READ  La Cina liberalizza i prezzi dell'energia a carbone di fronte a una crisi dell'offerta - El Periodico de la Energía

“L’economia nazionale ha continuato il processo di aggiustamento dopo aver speso eccessivamente nel 2021. Nel terzo trimestre, la serie destagionalizzata del PIL non minerario è diminuita dello 0,8% rispetto al trimestre precedente”, ha affermato la banca.

La banca stima una crescita del PIL cileno per quest’anno tra l’1,75% e il 2,25% e una contrazione tra -1,05% e -0,5% per il 2023, anche se questo mercoledì aggiornerà le sue proiezioni e le modifiche previste.