Giugno 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Banca centrale europea pone fine agli acquisti di debito e inizierà ad aumentare i tassi di interesse

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 giu 2022 – 12:27

Francoforte (Germania), 8 giugno (EFE). La Banca centrale europea dovrebbe decidere giovedì di porre fine agli acquisti di debito e quindi iniziare ad aumentare i tassi di interesse nell’eurozona, per la prima volta in undici anni, per frenare un forte aumento dell’inflazione.

Il Consiglio direttivo della Banca centrale europea si riunirà giovedì ad Amsterdam per discutere la politica monetaria sotto gli auspici della Bank of Nederlandesche, la banca centrale olandese.

Quindi, il capo dell’organizzazione, Christine Lagarde, terrà una conferenza stampa a cui sarà possibile partecipare per la prima volta dall’inizio della pandemia di persona e anche virtualmente.

Il consiglio di amministrazione si è riunito una volta all’anno negli ultimi anni fuori dalla sua sede di Francoforte, ma a causa della pandemia ha smesso di farlo.

L’inflazione costringe la Banca centrale europea ad accelerare gli aumenti dei tassi di interesse

La Banca Centrale Europea continua a normalizzare la sua politica monetaria, iniziata a dicembre, in un momento in cui l’inflazione a causa della guerra in Ucraina è salita all’8,1% su base annua a maggio, quattro volte l’obiettivo del 2%.

Il presidente della Banca centrale europea ha confermato due settimane fa che l’entità monetaria inizierà ad aumentare i tassi di interesse a luglio, e ha affermato che l’eurozona uscirà dai tassi di interesse negativi alla fine del terzo trimestre (ora la struttura di deposito a -0,50%) .

Diversi governatori si sono espressi a favore di un inasprimento aggressivo della politica monetaria e di aumenti dei tassi di interesse di 50 punti base, mentre altri sono favorevoli a un’adozione graduale e moderata con incrementi di 25 punti base.

READ  Quest'anno Farfetch accetterà pagamenti utilizzando Bitcoin e altre criptovalute

Lagarde e il capo economista della BCE Philip Lane hanno recentemente favorito un aumento iniziale di 25 punti base a luglio, seguito da un altro aumento di 25 punti base a settembre.

Un improvviso aumento dell’inflazione a giugno aumenterebbe la possibilità di un rialzo dei tassi di 50 punti base e non dovrebbe essere escluso a fine settembre, secondo alcuni esperti.

Un aumento dei tassi di interesse abbassa la domanda, e quindi i prezzi, il suo obiettivo è controllare l’aumento dell’inflazione senza causare una recessione.

La richiesta di prestito è più costosa per consumatori, aziende, investitori e governi, motivo per cui la domanda è inferiore.

La Banca Centrale Europea potrebbe prima alzare la sua struttura di deposito, che ora si attesta a -0,50% e dovrebbe tornare allo 0% nel terzo trimestre, dopo otto anni in territorio negativo.

Questo è il tasso di interesse che la Banca centrale europea paga tradizionalmente alle banche per i depositi a vista nell’entità, ma otto anni fa ha iniziato ad addebitare loro riserve in eccesso per incoraggiarle a investire nell’economia reale e per evitare che il denaro venisse depositato solo nel BCE.

Quindi, puoi aumentare il tasso di interesse sul tuo rifinanziamento principale, che è stato allo 0% per più di sei anni.

Oppure potrebbe aumentare dello stesso importo sia la struttura di deposito che il tasso di interesse settimanale dell’asta, lasciando invariato il range dei tassi di interesse.

“Riteniamo che la Banca Centrale Europea aumenterà di pari importo il tasso sui depositi sui depositi, oltre al tasso di rifinanziamento principale, mantenendo inalterato il range dei tassi di interesse, perché l’inasprimento del range citato ridurrà il piano di stimolo previsto dal attuali operazioni di rifinanziamento a lungo termine per indebolire l’attività del mercato monetario in generale”, prevede Konstantin Vet, Portfolio Manager di Pimco.

READ  Il Venezuela celebra le decisioni dell'OPEC a favore della stabilità energetica

Previsioni degli analisti

Martin Wahlberg, capo economista di General Investments, ritiene che “i problemi per la Banca centrale europea non faranno che peggiorare” poiché la crescita salariale negoziata è accelerata al 2,8% su base annua nel primo trimestre, il più alto in più di 10 anni.

General I Investments ritiene che quattro aumenti consecutivi di 25 punti base (luglio, settembre, ottobre e dicembre) nel 2022 siano più probabili di soli tre.

Jill Muek, capo economista di AXA Investment Managers, prevede che il primo aumento dei tassi a luglio sarà fissato a 25 punti base.

Pertanto, a settembre il tasso sui depositi tornerà in territorio positivo.

Moëc osserva inoltre che “la probabilità di un aumento di 50 punti base, in reazione alla recente accelerazione dell’inflazione, è in aumento” e dipenderà dai dati sull’inflazione di giugno.

Tuttavia, avverte Moëc, “non è chiaro come reagirà il mercato obbligazionario all’effettivo completamento degli acquisti”.

Giovedì, inoltre, la Banca centrale europea pubblicherà le sue nuove previsioni macroeconomiche, di inflazione e crescita, dove potrà rivedere al rialzo le previsioni sui prezzi e al ribasso le previsioni di crescita.

A marzo, la Banca centrale europea prevede un’inflazione del 5,1% e una crescita del 3,7% nel 2022. EFE

aia / si

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi Efe, senza il preventivo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.