Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Banca centrale europea taglia le sue previsioni di crescita nel 2022 e prevede un aumento dell’inflazione dovuto alla guerra in Ucraina

Primo emendamento:

Francoforte (AFP) – La Banca centrale europea ha abbassato dello 0,5% le sue previsioni di crescita del PIL della zona euro nel 2022, aumentando al contempo le aspettative di inflazione di quasi il 2% a causa dell’impatto economico della guerra in Ucraina.

Questa guerra “avrà un impatto significativo sull’attività economica e sull’inflazione, con l’aumento dei prezzi dell’energia e delle materie prime, interrompendo il commercio internazionale e la fiducia”, ha affermato Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea.

Ha aggiunto che i rischi per l’economia della zona euro sono “significativamente aumentati” a causa del conflitto.

Gli esperti della Banca centrale europea prevedono che il PIL quest’anno crescerà del 3,7%, rispetto al 4,2% dell’ultima previsione, mentre l’aumento dei prezzi potrebbe raggiungere il 5,1%, rispetto al 3,2% previsto finora.

“Si prevede che l’economia della zona euro crescerà fortemente nel 2022, ma a un ritmo più lento di quanto previsto prima dell’inizio della guerra”, ha affermato Lagarde.

Secondo la società, i prezzi dell’energia, che sono aumentati del 31,7% a febbraio, continuano a guidare l’inflazione.

Lagarde ha affermato che l’energia “rimane la ragione principale di questo alto tasso di inflazione e sta facendo salire i prezzi in molti altri settori”.

I prezzi, già colpiti dall’aumento della domanda dopo la pandemia e dalla mancanza di offerta, sono ora sotto pressione al rialzo a causa della guerra in Ucraina perché la Russia è uno dei principali fornitori di energia dell’Unione Europea.

Indossando una spilla blu e gialla – i colori della bandiera ucraina – sul bavero, Lagarde ha affermato che l’istituzione con sede a Francoforte “manterrà aperte tutte le opzioni” per proteggere l’economia dagli effetti della guerra e dall’aumento dei prezzi dell’energia.

READ  CIMEX nega la vendita di carburante in dollari alle stazioni di servizio cubane

Nel loro incontro, i presidenti della BCE hanno confermato la fine di questo mese per il massiccio programma di acquisto di obbligazioni di emergenza pandemica (PEPP) di questo mese.

Tuttavia, la Banca centrale europea ha sorpreso gli osservatori annunciando che avrebbe accelerato la fine del suo programma di acquisto di obbligazioni pre-pandemia, che dovrebbe scadere nel terzo trimestre del 2022.

D’altra parte, la Banca Centrale Europea ha mantenuto i tassi di interesse di riferimento al livello più basso della storia, in particolare il tasso negativo dello 0,50%, imposto su una parte della liquidità bancaria non distribuita a titolo di credito all’economia.

L’istituto ha posticipato l’inizio di un possibile aumento dei tassi, dicendo che arriverà “ad un certo punto” dopo la fine del programma di acquisto di asset.

“L’orizzonte temporale non è il più importante”, ha affermato Lagarde, aggiungendo che il rally potrebbe arrivare “la prossima settimana” o “mesi dopo” e che i nuovi dati economici sarebbero il fattore decisivo.

“Questa decisione offre alla banca centrale la massima flessibilità e mantiene aperta l’opzione di un aumento dei tassi prima della fine dell’anno”, ha affermato Karsten Brzeski, responsabile della macroeconomia presso ING Bank.