Novembre 27, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La banca recupera quasi 8000 milioni di entrate dai conti correnti | Economia

Il settore finanziario sta affrontando mesi di cambiamento con un vento favorevole. Aumento dei tassi della Banca centrale europea (BCE). Aiuteranno le banche a recuperare le linee di entrate ricorrenti perse negli ultimi anni. Uno dei più importanti è il ritorno sui depositi a vista dei clienti, il denaro nei conti correnti, che non è certo un bonus per essere sempre disponibili. Parte di questo importo è destinato al finanziamento di prestiti e mutui, che avranno un rendimento maggiore per gli enti. In altre parole, il divario tra ciò che la banca paga per i soldi degli utenti e ciò che addebita sui prestiti aumenterà man mano che l’Euribor continua a salire e non vengono pagati bonus sui depositi. Ciò significa una ripresa di circa 8000 milioni di euro per le entità spagnole, secondo i calcoli di EL PAÍS, e nella sua previsione più prudente, per le banche di investimento internazionali.

Il settore ha, in tutto, 1,3 trilioni di euro di conti a vista in Spagna, secondo gli ultimi dati disponibili dalla Banca di Spagna – solo entità Ibex che hanno aggiunto poco più di un trilione alla fine di giugno, secondo i dati compilati da CNMV-. Nei depositi vincolati, a luglio c’erano solo 102.000 milioni, A causa del basso salario offerto. Nel 2016, secondo i dati di vigilanza, la distribuzione era più equilibrata: 753.000 milioni all’orizzonte e 403.000 milioni nella fascia. Il trasferimento negli ultimi anni è stato interpretato come tassi zero o negativi. “Perché mantenere un deposito a termine per aumentare la redditività di pochi punti base? Questa situazione si invertirà quando i tassi di interesse aumenteranno”, afferma il rapporto della Bank of America.

Il prezzo del denaro e dell’Euribor è in aumento da mesi, ma L’attesa guerra dell’ignoto non finisce mai. Almeno non tra le grandi aziende del settore. Gli esperti consultati concordano che prima o poi accadrà. Ma tutto il tempo che trascorre prima che ciò accada consentirà alla banca di recuperare maggiore redditività. Pertanto, vogliono estendere questa decisione, a meno che non vedano a rischio la loro quota di mercato. “Non c’è molto interesse nell’iniziare a pagare i depositi dei clienti. La gestione delle entità per contenere questi costi al dettaglio sarà la chiave per migliorare i margini”, afferma Marta Alberni, consulente bancario per International Financial Analysts (AFI).

READ  Wallbox introduce un nuovo caricabatterie a due vie per veicoli elettrici in grado di alimentare la tua casa quando la rete non funziona

La scarsità di attività proattiva degli enti è dovuta anche al fatto che sono carichi di liquidità. “Poiché la BCE continua ad aumentare i tassi di interesse, la banca passerà anche l’aumento alle passività, sebbene sia moderato perché non ha bisogno di liquidità”, afferma Joaquín Maudos, vicedirettore e professore di IVIE all’Università di Valencia. Inoltre, una volta compensati i rendimenti del risparmio, la conversione dei conti correnti in depositi vincolati non sarà immediata, a vantaggio anche degli enti finanziari. “Più è alta la percentuale dei conti a vista delle famiglie, più una banca è in grado di monetizzare le variazioni dei tassi di interesse a parità di condizioni, poiché rivaluta le sue attività, mentre le sue passività lo fanno al minimo”, raccoglie Goldman Sachs. rapporto.

In questo senso, sarà difficile per il settore ritardare a lungo il pagamento dei depositi. Le fonti finanziarie giustificano che questo recupero di reddito dovuto all’aumento dei prezzi sia dovuto al ritorno alla normalità, ma questo ritorno non sarà completato fino a quando i risparmi non saranno compensati allo stesso modo. “Lì il confronto con quanto si paga per un titolo del tesoro a 12 mesi avrà un peso speciale e un titolo spagnolo supera già il 2%. La situazione non sarà sostenibile nel tempo”, afferma Leopoldo Torralba, economista di Arcano Economic La ricerca, inoltre, ci sarà un costo “Non so se una buona strategia non sia compensare gli obblighi di un cliente arrabbiato perché l’inflazione consuma i suoi risparmi”, aggiunge Eduardo Arilza, senior manager di Alvarez & Marsal.

Con i dati alla mano, le banche potranno aumentare i propri ricavi, soprattutto nei conti a vista da 1,3 miliardi. Se a tale importo vengono applicate aliquote del 2,5%, l’importo aggiuntivo supera i 30.000 milioni. Da questa cifra vanno tuttavia sottratti altri costi aggiuntivi derivanti dalla nuova politica monetaria. Secondo le società di consulenza internazionali e le banche di investimento, un quarto di questo importo, circa 8000 milioni di euro, sarà liquidato per le banche. Qualche nuovo reddito non lo è Profitti inviati dal cielo Secondo gli esperti consultati, perché ciò che era atipico è quello che era una volta. “È un rimbalzo del margine e della redditività dopo anni di stagnazione a causa dei tassi negativi. Parte di questo vantaggio consentirà un aumento delle riserve, e quindi della solvibilità”, spiega Modus.

READ  Quanto vale il dollaro in Cile: il cambio di oggi, domenica 8 maggio 2022 | Il dollaro oggi | Valore del dollaro in peso cileno | Banca Centrale | TDEX | Risonanza magnetica nucleare | Economia

Più giudizi

Tra le voci che verranno detratte, ad esempio, c’è l’importo non destinato al finanziamento. Anche i crediti a tasso fisso o la parte coperta delle fluttuazioni della politica monetaria. Secondo Arielza, della società di consulenza Alvarez & Marsal, “Il rapporto tra prestiti e depositi è di circa il 90% e la quota di credito sensibile al tasso del portafoglio è del 65%”. Detto questo, è importante sottolineare che non tutto questo reddito si tradurrà direttamente in profitti. “Fino al 75% dell’aumento reale dei tassi di interesse potrebbe essere compensato dalla pressione sui tassi di deposito nei prossimi due anni”, afferma la società di consulenza Alvarez & Marsal nel suo rapporto. impulso bancario. Considerando che Bank of America è un po’ più ottimista e pone la quota che sarà pulita da polvere e paglia al 35%.

Inoltre, l’evoluzione di questa ripresa reddituale non sarà lineare, poiché c’è un gap sul repricing dei prestiti – ci vorranno almeno 12 mesi per aggiornare l’intero portafoglio, secondo fonti finanziarie -. I calcoli fatti da questo quotidiano, quindi, sono nella fascia bassa, in un gap a favore del banking al 25%, da cui deriveranno i ricavi di questo segmento di 8000 milioni. Anche se il numero potrebbe essere più alto. “Il rapido aumento dei tassi di interesse sui prestiti, in un contesto di rendimento quasi nullo sui depositi, conferma la nostra opinione sul significativo aumento delle entrate bancarie nell’Europa meridionale”, afferma Credit Suisse in uno dei suoi recenti rapporti.

Una volta liquidati questi costi aggiuntivi, le entità finanziarie dovranno anche affrontare nuove spese: 1.500 milioni di tassa speciale annua, più accantonamenti per rischio di mancato pagamento a fronte del rallentamento economico (Alvarez & Marsal lo stima a 3.316 milioni.) o superiore spese dovute all’inflazione (il consulente prevede un costo aggiuntivo di quasi 900 milioni). “Ci sarà un miglioramento dei margini e della redditività, ma ci sono molte sfumature e non tutto è un profitto”, afferma Modus.

READ  La Banca centrale europea taglia le sue previsioni di crescita nel 2022 e prevede un aumento dell'inflazione dovuto alla guerra in Ucraina

Recupero a forma di J

Il recupero del margine bancario, seppur in rialzo nel medio termine, avrà un inizio negativo e la linea sarà a forma di J, ovvero partirà leggermente al ribasso fino all’inizio del forte rialzo. Ciò accadrà quando il portafoglio di crediti sensibile agli aumenti dei prezzi verrà rivalutato. “L’inizio del declino di J deriva principalmente dalla parte che le banche finanziano nell’interbancario, che si sta apprezzando molto rapidamente e aumenterà i loro costi”, spiega Torralba. A tale incremento del costo del finanziamento wholesale, va aggiunto l’impatto della perdita di valore connessa agli immobili a reddito fisso, in gran parte debito pubblico, che gli enti hanno rilevato al fair value con variazioni a conto economico, secondo Alberni di AFI.

Quindi, la linea sopra J può avere più o meno pendenza a seconda degli effetti negativi che si ottengono. Tra questi vi sono la discrepanza nella morosità nei pagamenti e negli accantonamenti, nonché una possibile diminuzione del volume del credito a causa del rallentamento economico. Margini negativi possono apparire anche sui prestiti a tasso fisso negli ultimi anni: “Le operazioni vengono firmate a tassi, diciamo, dell’1,5%, anche inferiori, il che porterà a perdite perché il costo del finanziamento e i costi operativi supereranno quel livello”, ha affermato Ivie il vicedirettore si accontenta.