Dicembre 5, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La banca si rifiuta di pompare 300 milioni di garanzie che Abengoa ha chiesto per salvarla | comp

L’infinito salvataggio di Abengoa continua con quasi tutti i fronti aperti. Il consiglio di amministrazione della società madre operativa e l’obiettivo del salvataggio, Abenewco 1, ha dato il via libera mercoledì, dopo aver informato CNMV di aver chiesto l’approvazione dei suoi creditori finanziari per l’offerta di Terramar. La questione più complessa e cruciale è che le banche – Santander, Caixa Bank, Credit Agricole, Bancinter e BBVA – stanno fornendo i 300 milioni di garanzie richieste dal fondo statunitense. Le fonti consultate indicano la loro disponibilità a fornire garanzie di dimezzamento.

La maggior parte dei proprietari di debiti esistenti della filiale, per un totale di $ 466 milioni, ha già dato il via libera. Le conversazioni sono avanzate soprattutto con i proprietari della sezione nominata nuovi soldi 2, con 163,7 milioni scaduti il ​​31 marzo. Questi creditori hanno prorogato la scadenza al 15 dicembre.

La situazione è logica. Il piano di Terramar è di utilizzare i 60 milioni di euro che aveva promesso di pompare per restituire parte degli impegni di Abenewco 1. La chiave è, ancora una volta, nelle nuove garanzie. I principali attori della roadmap di Terramar sono le banche, che devono fornire 300 milioni di garanzie. Questo è stato concordato nell’accordo, che non si è mai concretizzato, il 6 agosto 2020, quando Gonzalo Urquijo era presidente di Abengoa.

Ma questo accordo è stato raggiunto senza deterioramento del bilancio e senza garanzie implementate, come avviene ora con circa il 5% delle garanzie pari a 800 milioni di euro.

Il più grande garante di Abengoa è il Banco Santander. Nel resto del debito, che sarà rimborsato o rinnovato a condizioni simili a quelle che verrà iniettato da Terramar (per 140 milioni di euro), le posizioni più grandi corrispondono a KKR, fondi Blue Mountain, che sopportano i maggiori rischi del processo così come il debito e Melkart. Nel piano originario per l’estate dello scorso anno l’importo delle garanzie era più contenuto, a partire da 126 milioni, con possibilità di espansione a 300 milioni. Le fonti consultate indicano che la formula che la Banca proporrà è quella di introdurla gradualmente.

READ  Tesla Model Y arriva finalmente ufficialmente in Europa - Notizie - Veicoli ibridi ed elettrici

Il ruolo dello Stato, se continua Terramar, che ha già una data di fine ufficiale – il 31 dicembre – sarà duplice. Fondamentale l’intervento del fondo di salvataggio con 249 milioni di prestiti che devono essere concessi a condizioni simili a quelle del fondo californiano, con un tasso di interesse inferiore al 5%, inferiore al 10% o superiore, che tipicamente chiedono. Finanziatori di ultima istanza per le imprese in difficoltà.

Certo, SEPI richiederebbe la stessa posizione in termini di ordine di priorità – posizione nell’elenco dei creditori all’incasso in caso di liquidazione della società – del fondo californiano gestito da Joshua Phillips come socio amministratore.

posizioni opposte

Il voto per il consiglio di amministrazione di Abenewco 1 è stato completamente diviso. Il presidente della casa madre, Abengoa SA, Clemente Fernandez, spiega a questo giornale che la metà degli amministratori ha votato contro “con argomenti molto forti che giustificano l’inadeguatezza mostrata nel verbale”.

I sindacati di Abengoa, incontrando sia il consiglio di amministrazione di Abenewco 1 che il curatore fallimentare, EY, hanno chiesto in una lettera datata 19 novembre di “sostenere qualsiasi offerta vincolante fatta e approvata”.

La questione deve ancora essere discussa nel consiglio di amministrazione della capogruppo, controllato dal sindacato degli azionisti e presieduto da Clemente Fernandez. Questo, l’ex capo di Amper, indica che “la casa madre sosterrà tutte le offerte che appaiono e sono ritenute appropriate per il futuro del gruppo e non compromettono l’investimento finanziario del governo spagnolo”.

Clemente Fernandez: “L’approccio di Terramar non è adatto alle minoranze”

READ  Utenze, cibo e bevande alcoliche, i cui prezzi sono aumentati maggiormente a settembre