Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Bolivia avverte l’Europa della crisi climatica

“Una delle crisi che cattura di più la nostra attenzione è chiamata crisi climatica, che non è la stessa cosa del cambiamento climatico. Dobbiamo chiamare il pane il pane”, ha sottolineato rivelando il tema del trascendere la divisione per vivere bene.

Il vicepresidente ha sottolineato che si tratta di una crisi causata da un modello di sviluppo che non può essere risolto con più capitalismo, anche se questo sistema è destinato a mascherarsi da “economia verde o verde”.

“Dobbiamo cambiare il capitalismo”, ha insistito Chuquehuanca davanti ai legislatori europei, secondo una nota distribuita alla stampa dal vicepresidente dello Stato Plurinazionale.

Secondo la fonte, in sala c’erano l’ex presidente dell’Ecuador, Rafael Correa, e l’eurodeputato spagnolo Mano Pineda, membro dell’Alleanza La Izquierda.

Durante il suo discorso, Chuquihuanca ha criticato la promozione della green economy da parte dei paesi sviluppati.

Ha spiegato che stanno creando reti attraverso le quali intrappolare i paesi economicamente deboli in modo più preciso, ma più efficace, “in una nuova ricolonizzazione attraverso la colonizzazione del carbonio”, e ha insistito sul fatto che questi problemi dovrebbero essere discussi.

Il vicepresidente ha descritto che nella colonizzazione del carbonio, i cosiddetti paesi sviluppati vogliono imporre regole di condotta per contrastare quello che chiamano cambiamento climatico con la crisi climatica, “ignorando principi di equità e responsabilità comuni ma differenziate”.

Ha sottolineato l’importanza di riconoscere i diritti della Madre Terra perché ciò, a suo avviso, permetterebbe all’umanità di riscoprire se stessa sulla via della vita, con la natura e gli altri esseri viventi in modo armonioso.

Ha aggiunto che gli esseri umani si nutrono del latte di Madre Terra e “come piante e animali, siamo stati allevati da Madre Terra, siamo fratelli ed è per questo che cerchiamo l’armonia con la natura”.

READ  Il presidente del parlamento dell'Ecuador introduce un'altra misura protettiva

Per quanto riguarda la crisi climatica, ha individuato in Choquehuanca un’opportunità per ripristinare i simboli Wiphala, una notazione dell’arcobaleno e le esigenze della vita verso il percorso della nobile integrazione.

“Dalle antiche culture, simboli che ci fanno sperare che non tutto sia perduto. I nostri antenati incarnavano alcuni simboli in Wiphala, che non è una semplice scienza, ma una simbolizzazione dell’arcobaleno. “L’arcobaleno non ha limiti, è di tutti ,” Egli ha detto.

“Quando alleviamo i nostri Wiphalas diciamo che vogliamo un gemello, cerchiamo l’armonia”, ha concluso il vicepresidente.

jha / jpm